Mistero sulla sua sorte

Bombe sul convoglio del Califfo ma tra le vittime lui non c’è

Bombe sul convoglio del Califfo ma tra le vittime lui non c’è
11 Ottobre 2015 ore 16:01

E’ mistero sulla sorte di Abu Bakr al-Baghdadi, califfo dello Stato islamico. Il convoglio di auto nel quale viaggiava, diretto verso Karbala a un vertice dei capi dell’Isis, è stato colpito dai jet iracheni. Secondo fonti militari di Baghdad, fra i leader islamisti ci sarebbero molte vittime e feriti. In serata però fonti ospedaliere hanno detto che fra le salme, che sarebbero almeno 15, non c’è quella di al-Baghdadi. Il ministero degli Interni di Baghdad aveva in precedenza affermato che era stato trasportato «d’urgenza» in un luogo non precisato.

Nel tentativo di colpire al cuore l’organizzazione jihadista e di eliminare il califfo, nella mattinata l’aviazione irachena ha lanciato bombe e missili su un corteo di vetture mentre procedevano in direzione del confine siriano. A informare il governo di Baghdad della presenza di al-Baghdadi nel corteo sarebbe stata una “talpa”. L’incursione è stata condotta dall’aviazione in coordinamento con l’intelligence. La tv irachena ha dato notizia del blitz dicendo che poi il leader dell’Isis sarebbe stato portato via dai suoi seguaci. Non è possibile perciò sapere quali siano le sue reali condizioni e neppure se il califfo si trovasse realmente in una delle auto colpite.

«L’aeronautica irachena – si legge nel comunicato dell’esercito iracheno – ha portato a termine un’eroica operazione bombardando il convoglio del terrorista Abu Bakr al-Baghdadi, che era diretto a un incontro con comandanti del Daesh» (il Daesh è l’acronimo con cui in arabo viene indicato l’Isis).

«È stato bombardato – prosegue il comunicato – anche il luogo della riunione e molti dei leader del gruppo sono rimasti uccisi o feriti. Non si sa quale sia la sorte di al-Baghdadi, che è stato portato via da un veicolo. Le sue condizioni di salute non sono chiare. Nell’attacco – compiuto nella zona di al-Karabela- sono morti diversi importanti capi dell’organizzazione terrorista».

Va ricordato che sono frequenti gli annunci di morte di persone al vertice dell’Isis, poi rivelatisi infondati. Già nel marzo scorso si disse che al-Baghdadi era rimasto paralizzato dopo un attacco aereo. Il califfo ha tuttavia continuato a guidare lo Stato Islamico.

Karbala si trova nella regione occidentale dell’Anbar iracheno, regione sunnita nel Nord dell’Iraq sotto il controllo dell’Isis, a pochi chilometri dal confine siriano. Nell’ultima settimana l’Isis è stata oggetto di decine di attacchi aerei in Siria, da parte di jet russi e francesi, riuscendo comunque ad avanzare sul terreno attorno alla città di Aleppo e nella provincia di Hama, a conferma della capacità tattica dei jihadisti di adattarsi alle situazioni più difficili.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia