Pagazzano

Indagato per traffico di rifiuti, si toglie la vita in casa

Lo sfogo della moglie che punta il dito contro le condizioni di detenzione agli arresti domiciliari: «Me l'ha ucciso la legge»

Indagato per traffico di rifiuti, si toglie la vita in casa
31 Gennaio 2020 ore 09:56

Indagato per traffico di rifiuti, si toglie la vita in casa. Tragedia mercoledì mattina a Pagazzano. Un imprenditore, attivo con il fratello di un’azienda di autotrasporti con sede in paese, è stato trovato senza vita nella sua abitazione in paese, casa in cui si trovava da alcuni mesi agli arresti domiciliari.

Indagato per traffico di rifiuti. L’uomo era rimasto coinvolto a giugno in un’inchiesta giudiziaria relativa al traffico illecito di rifiuti. Le indagini, condotte dal Nucleo Operativo Ecologico Carabinieri di Milano avevano individuato una presunta rete dedita alla gestione e smaltimento illecito di rifiuti provenienti prevalentemente dalla Campania e da varie Regioni del Nord Italia.

Lo sfogo della moglie. Distrutto dalla vicenda giudiziaria, l’imprenditore non ha più retto e si è tolto la vita. Ne è convinta la vedova, che disperata punta ora il dito proprio sulle condizioni della detenzione ai domiciliari. «Me l’ha ucciso la legge – denuncia – Aveva chiesto in diverse occasioni di poter uscire di casa per lavorare, ma non gli hanno dato il permesso. L’hanno trattato come un criminale». Oggi, 31 gennaio 2020, i funerali nella chiesa parrocchiale di Pagazzano.

 

Articolo completo sul Giornale di Treviglio in edicola da oggi, 31 gennaio 2020.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia