la polemica

Val Seriana esclusa dai contributi della Fondazione Istituti Educativi: «Amareggiati»

La Fondazione, attraverso il bando "Nuove economie di comunità", finanzierà con 500 mila euro dieci progetti di rilancio economico delle comunità. Escluso quello avanzato da PromoSerio per i produttori locali di formaggi

Val Seriana esclusa dai contributi della Fondazione Istituti Educativi: «Amareggiati»
Val Seriana, 03 Giugno 2020 ore 11:44

Esprime tutta la propria amarezza PromoSerio, rimasta esclusa dai dieci progetti vincitori del finanziamento di 500 mila euro stanziato dalla Fondazione Istituti Educativi di Bergamo attraverso il bando “Nuove economie di comunità”. Come riporta il Corriere Bergamo, PromoSerio, in collaborazione con il Gal e la Comunità montana, aveva presentato un progetto di rilancio che prevedeva la valorizzazione dei prodotti tipici della Val Seriana e, in particolare, di quelli caseari, attraverso una piattaforma di e-commerce.  La beffa è che un’iniziativa dello stesso tipo, proposta però in Val Brembana, beneficerà dei finanziamenti.

Il bando promosso dalla Fondazione ha come obiettivi la valorizzazione delle risorse ambientali, la promozione di economie sociali e solidali sul territorio bergamasco, la tutela del comparto agroalimentare e della filiera corta locale e, infine, la diffusione di una cultura dell’integrazione. Nello specifico, tra i criteri di selezione dei progetti vi era anche il rafforzamento delle reti commerciali dei piccoli produttori; una caratteristica che rientrava in quello presentato da PromoSerio, che prevede anche la creazione di percorsi di turismo leggero.

«Per la Val Seriana era un’occasione importante, soprattutto in un momento difficile come questo. L’assegnazione dei fondi non è stata fatta 15 mesi fa ma nelle ultime settimane – ha sottolineato il presidente di PromoSerio, Maurizio Forchini -. Siamo amareggiati perché sembrava assicurato che nessun territorio sarebbe stato escluso».

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia