Che tristezza...

La vergognosa pagina Facebook che sta facendo arrabbiare i bergamaschi (e non solo)

Si chiama "I simpatici infetti lombardi" e afferma di fare black humor. Be', non è così. E la scelta di utilizzare la foto dei mezzi militari a Bergamo nei mesi più duri del Covid fa male. Segnalandola, però, Facebook al momento non muove un dito...

La vergognosa pagina Facebook che sta facendo arrabbiare i bergamaschi (e non solo)
25 Agosto 2020 ore 18:01

Per loro è “semplice” black humor, per molti invece una mancanza di rispetto per le tante, tantissime vittime del Covid. Quel che è certo, è che la pagina Facebook “I simpatici infetti lombardi” è un perfetto emblema di come, sui social, il cattivo gusto possa toccare vette elevatissime purtroppo. Aperta il 9 giugno, la pagina ha superato quota cinquecento likes più recentemente. Numeri abbastanza ridotti, ma comunque alti per uno spazio dove si creano meme e si fanno battute relative al contagio in Lombardia.

Pagina idiota da segnalare.Con simpatia eh.

Pubblicato da Niccolò Carretta su Martedì 25 agosto 2020

Nelle ultime ore, diversi utenti bergamaschi, tra cui anche il consigliere regionale di Azione Niccolò Carretta, hanno chiesto di segnalare la pagina, cosa che suggeriamo di fare anche noi. Perché se è vero che c’è libertà d’opinione, c’è anche la libertà di dissentire da alcune opinioni e la libertà di chiedere che i social diventino un luogo virtuale un pizzico migliore. Di certo, a distanza di alcuni mesi dal periodo più nero del virus e dal lockdown, abbiamo una risposta alla domanda: ne usciremo migliori? No, per niente.

A fare male di questa pagina Facebook, almeno a noi bergamaschi, non è però la bassezza delle battute riportate o l’imbarazzante forma di difesa attuata dall’amministratore di pagina (che negli ultimi giorni ha preso a pubblicare gli insulti che sta ricevendo, spesso rivolti ai meridionali, per giustificare il suo operato), quanto la foto scelta come copertina: i mezzi militari che se ne vanno da Bergamo carichi delle bare con i nostri morti. Ecco, lo sfruttamento di una foto diventata suo malgrado simbolo, l’idea di prendere un’immagine che racchiude così tanto dolore per fini idioti, è veramente una cosa riprovevole. Perché anche per fare black humor (quello vero) serve intelligenza, e qua sembra che ce ne sia ben poca…

AGGIORNAMENTO: segnalando la pagina in questione, a tanti appare una schermata (che vedete qui sopra) nella quale Facebook informa che «la pagina che hai segnalato è stata esaminata e, anche se non viola uno dei nostri Standard della community specifici, comprendiamo che la pagina stessa o un contenuto condiviso al suo interno possa risultare offensivo per te e per altre persone». Nonostante tanta comprensione, però, l’unico suggerimento che viene dato è quello di non seguire la pagina o bloccarla. Nel caso, noi continuiamo a invitare tutti a segnalarla. Si sa mai che a Menlo Park possano cambiare idea…

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia