"Rientro a scuola in sicurezza"

Le buone prassi anti-contagio spiegate ai giovani dall’Ats e dall’Ufficio Scolastico Territoriale

Il video ha come obiettivo quello di sensibilizzare gli studenti, spiegando loro i comportamenti utili a prevenire l’infezione e a rallentarne la diffusione

Bergamo, 20 Ottobre 2020 ore 17:14

La lotta al coronavirus passa anche e soprattutto dalla prevenzione e dalla sensibilizzazione delle generazioni più giovani. A maggior ragione ora che l’età media dei contagiati rispetto alla prima ondata del virus si è abbassata sensibilmente. Per questa ragione l’Ats di Bergamo ha lanciato, in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Territoriale, il progetto “Rientro a scuola in sicurezza”: si tratta di un video ideato e prodotto appositamente per le scuole, disponibile anche sul canale YouTube dell’Ats e sulla pagina istituzionale dell’Ufficio Scolastico Territoriale.

«L’iniziativa vuole comunicare agli studenti e alle studentesse quei comportamenti utili a prevenire l’infezione e a rallentare la diffusione del virus – sottolinea la dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Bergamo Patrizia Graziani –. Il video riassume semplici regole che riguardano il distanziamento, l’evitare contatti fisici con i compagni, l’utilizzo della mascherina per la protezione di naso e bocca, il lavaggio delle mani, l’uso del gel idroalcolico. Raccomanda anche l’importanza di restare a casa e parlare ai genitori se non ci si sente bene e si avvertono sintomi collegabili a infezioni respiratorie acute, febbre, tosse, o raffreddore. Soltanto collaborando tutti quanti insieme possiamo proteggerci».

«L’Ats è da sempre impegnata sul fronte della prevenzione – aggiunge il direttore generale Massimo Giupponi -. Un’attività ancora più importante con la pandemia in corso. I dati delle ultime settimane evidenziano come il contagio avvenga sempre più in famiglia: per questa ragione, tramite la scuola, vogliamo rivolgerci ai più giovani, per tutelare i più grandi. Abbiamo scelto il linguaggio del video per arrivare direttamente ai ragazzi, alle ragazze e alle loro famiglie. Il video sta circolando anche su Whatsapp grazie alle reti attive sul territorio. Contiamo quindi che passi di cellulare in cellulare per raggiungere quante più persone possibile».

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia