Cronaca
Mentre diventa l'uomo più potente al mondo

Il doping, lo scacco allo sport russo e tutti i «complotti» temuti da Putin

Il doping, lo scacco allo sport russo e tutti i «complotti» temuti da Putin
Cronaca 10 Novembre 2015 ore 13:37

Dopo l’aereo, il doping: sembra che tutto congiuri contro Putin, l’uomo più potente del mondo secondo Forbes. Che il presidente russo stesse antipatico a molti nel mondo è cosa ormai nota. Ma da quando ha deciso di intervenire in Siria contro l’Isis e a sostegno del Presidente Bashar al Assad, per lui sembra si sia aperto un periodo ancora più nero.

La questione doping. L’ultima grana che in ordine di tempo si è abbattuta su Putin riguarda lo sport, con le accuse gravissime mosse dalla Wada, l’agenzia mondiale antidoping, allo sport russo, colpevole di ciò che nessuno si è fatto problemi a chiamare "doping di Stato". Dopo un’indagine durata 11 mesi, l'agenzia ha messo in luce l’uso sistematico di sostanze dopanti tra gli sportivi russi di atletica leggera. Non solo: sarebbe stato creato un vero e proprio sistema da parte di alcuni membri della federazione russa per coprire tutto ciò, chiedendo anche la sospensione degli atleti coinvolti dalle gare in programma alle Olimpiadi di Rio del 2016. Si parla di "Doping di Stato" perché sarebbero coinvolti il comitato olimpico, il ministero dello Sport, l’agenzia anti-doping russa, alcuni membri della Iaaf (Associazione Internazionale delle Federazioni di Atletica Leggera) e della stessa Wada.

Athletics WADA IAAF Investigation
Foto 1 di 4

A man walks past a sign reading doping control, at the Laura biathlon and cross-country ski center, at the 2014 Winter Olympics, Friday, Feb. 21, 2014, in Krasnaya Polyana, Russia. The German Olympic Committee said Friday it had been notified by the IOC late Thursday that one of its athletes had tested positive on an "A" sample. The backup "B" sample will be analyzed Friday, the German committee said. (AP Photo/Lee Jin-man)

Athletics WADA IAAF Investigation
Foto 2 di 4

FILE - In this Sunday, Aug. 18, 2013 file photo, deputy mayor of Moscow Alexander Gorbenkov, left, Athletics Federation President Valentin Balakhnichev, second from left, and Lamine Diack, center, hand over the flag to representatives of the Beijing 2015 World Athletics Championships during the closing ceremony at the World Athletics Championships in the Luzhniki stadium in Moscow, Russia. Balakhnichev, the head of the Russian athletics federation said Wednesday, Dec. 10, 2014 that he has stepped down from his role as IAAF treasurer while accusations of systematic doping by Russian athletes are investigated. (AP Photo/Alexander Zemlianichenko, File)

Yekaterina Volkova
Foto 3 di 4

FILE - In this Aug. 27, 2007 file photo Russia's Yekaterina Volkova waves her country's flag after winning the gold medal in the Women's 3,000m Steeplechase final at the World Athletics Championships in Osaka, Japan. WADA's independent commission said Monday, Nov. 9, 2015 Russia's athletics federation should be suspended and its track and field athletes banned from competition until the country cleans up its act on doping. (AP Photo/Mark Baker, file)

Athletics WADA IAAF Investigation
Foto 4 di 4

during the Women's 20km Race Walk at the World Athletics Championships in Daegu, South Korea, Wednesday, Aug. 31, 2011. (AP Photo/Lee Jin-man)

Cremlino grida al complotto. La reazione del Cremlino non si è fatta attendere, gridando al complotto, difesa d'ufficio ormai adottata sempre più con frequenza. Dmitri Peskov, portavoce di Putin, ha dichiarato: «La questione è che se ci sono delle accuse allora devono essere sostenute da qualche prova. Finché non si sono sentite le prove è difficile percepire le accuse, che sono quindi infondate». L’atletica russa non ci sta a passare per dopata e la federazione ha promesso che farà ricorso al Tribunale sportivo di arbitrato a Losanna per dimostrare l'inconsistenza delle accuse.

Sport strumento di propaganda. Che per Putin lo sport sia un elemento per rafforzare la sua immagine è cosa risaputa. Lo zar, infatti, da tempo lo usa come uno dei mezzi per promuovere l’immagine sua personale e del Paese all’estero. Non sono casuali i grandi sforzi economici che Mosca ha fatto negli ultimi anni per aggiudicarsi i Giochi invernali di Sochi e i Mondiali di calcio 2018. Ma entrambe le manifestazioni sono finite nell’occhio del ciclone per vari scandali, che vanno dalla crisi ucraina alla corruzione.

Un lungo elenco di guai. Da quando la Russia ha scelto di giocare un ruolo da protagonista sullo scenario internazionale, per Putin sono cominciati i problemi a tutti i livelli, dall’economia allo sport, passando per la politica estera. L’elenco è lungo. La guerra in Ucraina e la secessione della Crimea, con i separatisti filorussi del Donbass che rivendicano la loro indipendenza da Kiev e il loro legame con Mosca. E poi il crollo del prezzo del petrolio e la crisi del rublo, con le pesanti sanzioni comminate dall’Occidente che hanno affossato l’economia russa. E infine la politica estera con la scelta di intervenire sullo scacchiere mediorientale, causa - si teme - anche dell'incidente occorso all'aereo da passeggeri caduto in Sinai 10 giorni fa.

CORRECTION Mideast Egypt Russian Plane Crash
Foto 1 di 8

CORRECTS DAY OF WEEK TO SATURDAY, NOT FRIDAY - This photo released by the Prime Minister's office shows the tail of a Metrojet plane that crashed in Hassana, Egypt on Saturday, Oct. 31, 2015. The Russian aircraft carrying 224 people crashed Saturday in a remote mountainous region in the Sinai Peninsula about 20 minutes after taking off from a Red Sea resort popular with Russian tourists, the Egyptian government said. There were no survivors. (Suliman el-Oteify/Egyptian Prime Minister's Office via AP)

Mideast Egypt Russian Plane Crash
Foto 2 di 8

Russian investigators stand near debris, luggage and personal effects of passengers a day after a passenger jet bound for St. Petersburg in Russia crashed in Hassana, Egypt, on Sunday, Nov. 1, 2015. The Metrojet plane crashed 23 minutes after it took off from Egypt's Red Sea resort of Sharm el-Sheikh on Saturday morning. The 224 people on board, all Russian except for four Ukrainians and one Belarusian, died. (AP Photo/Amr Nabil)

Egypt Russian Plane Crash
Foto 3 di 8

In this photo made available Monday, Nov. 2, 2015, and provided by Russian Emergency Situations Ministry, Egyptian Military experts examine a piece of an engine at the wreckage of a passenger jet bound for St. Petersburg in Russia that crashed in Hassana, Egypt, on Sunday, Nov. 1, 2015. The Russian cargo plane on Monday brought the first bodies of Russian victims killed in a plane crash in Egypt home to St. Petersburg, a city awash in grief for its missing residents. (Maxim Grigoriev/Russian Ministry for Emergency Situations via AP)

Egypt Russian Plane Crash
Foto 4 di 8

In this photo made available Monday, Nov. 2, 2015, and provided by Russian Emergency Situations Ministry, Egyptian Military on cars approach a plane's tail at the wreckage of a passenger jet bound for St. Petersburg in Russia that crashed in Hassana, Egypt, on Sunday, Nov. 1, 2015. The Russian cargo plane on Monday brought the first bodies of Russian victims killed in a plane crash in Egypt home to St. Petersburg, a city awash in grief for its missing residents. (Maxim Grigoriev/Russian Ministry for Emergency Situations via AP)

Egypt Russian Plane Crash
Foto 5 di 8

In this photo made available Monday, Nov. 2, 2015, and provided by Russian Emergency Situations Ministry, Egyptian Military on cars approach a plane's tail at the wreckage of a passenger jet bound for St. Petersburg in Russia that crashed in Hassana, Egypt, on Sunday, Nov. 1, 2015. The Russian cargo plane on Monday brought the first bodies of Russian victims killed in a plane crash in Egypt home to St. Petersburg, a city awash in grief for its missing residents. (Maxim Grigoriev/Russian Ministry for Emergency Situations via AP)

Mideast Egypt Russian Plane Crash
Foto 6 di 8

A Russian investigator walks near wreckage a day after a passenger jet bound for St. Petersburg, Russia, crashed in Hassana, Egypt, on Sunday, Nov. 1, 2015. The Metrojet plane, bound for St. Petersburg in Russia, crashed 23 minutes after it took off from Egypt's Red Sea resort of Sharm el-Sheikh on Saturday morning. The 224 people on board, all Russian except for four Ukrainians and one Belarusian, died. (AP Photo/Amr Nabil)

Egypt Russian Plane Crash
Foto 7 di 8

In this Russian Emergency Situations Ministry photo, made available on Tuesday, Nov. 3, 2015 Russian Emergency employees collect personal belongings of a plane crash victims at the crash site of a passenger jet bound for St. Petersburg in Russia that crashed in Hassana, Egypt, on Monday, Nov. 2, 2015. The Russian cargo plane on Monday brought the first bodies of Russian victims killed in a plane crash in Egypt home to St. Petersburg, a city awash in grief for its missing residents. (Russian Ministry for Emergency Situations photo via AP)

Vladimir Puchkov, Maxim Sokolov
Foto 8 di 8

In this Russian Emergency Situations Ministry photo, made available on Monday, Nov. 2, 2015 Russian Emergency Situations Minister Vladimir Puchkov, center, talks with Russian Transport Minister Maxim Sokolov, fifth right, as they visit the wreckage of a passenger jet bound for St. Petersburg in Russia that crashed in Hassana, Egypt, on Sunday, Nov. 1, 2015. The Russian cargo plane on Monday brought the first bodies of Russian victims killed in a plane crash in Egypt home to St. Petersburg, a city awash in grief for its missing residents. (Maxim Grigoriev, Russian Ministry for Emergency Situations photo via AP)

A rischio anche Mosca 2018? Secondo Mosca questi sono tutti tasselli di un piano preordinato dall’Occidente dove lo sport non fa eccezione. Si tratta di un grande complotto per ridimensionare le ambizioni della nuova Russia voluta da Putin. L’ultimo scandalo in ordine di tempo, quello relativo all’atletica e al doping potrebbe non essere l’ultimo. A febbraio sarà infatti eletto il nuovo presidente della Fifa, al posto di Sepp Blatter, travolto dalle accuse di corruzione. Un evento che potrebbe portare anche a rivedere l’assegnazione dei mondiali di calcio Mosca del 2018.

L’uomo più potente del mondo. In barba a tutti i guai che stanno succedendo dentro e fuori la madre Russia, Putin per la terza volta consecutiva è stato nominato dalla rivista Forbes uomo più potente del mondo. Ancor più di Angela Merkel, Barack Obama e papa Francesco. Merito delle sue chiare idee politiche, che gli permettono di fare ciò che vuole e di cavarsela sempre. Una nomea che non fa altro che attirare altre antipatie, che si aggiungono al forte sentimento antirusso che serpeggia un po’ ovunque. Il Pew Research Center, il think tank statunitense con sede a Washington che fornice informazioni su problemi sociali, opinione pubblica, andamenti demografici sugli Stati Uniti e il mondo in generale, ha stilato una classifica dei Paesi dove Putin è maggiormente odiato. Per realizzarla si sono basati su una serie di sondaggi condotti in 39 nazioni del mondo. 26 di loro hanno un’opinione negativa di Putin, che in patria tuttavia gode del consenso dell’88% dell’opinione pubblica. In testa alla classifica ci sono Polonia e Giordania, che sono ostili a Putin ancor più dell’Ucraina. Seguono Israele, Giappone e Francia, almeno sentendo i pareri della gente comune. Va meglio in Italia, dove il 69% della popolazione ritiene che Putin stia compiendo mosse vincenti. Se si guarda agli Stati Uniti, invece, solo il 22% della gente ama lo zar del Cremlino. Va detto però che il sondaggio è stato effettuato ben prima che Mosca decidesse di intervenire in Siria.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter