Menu
Cerca
i numeri della campagna

Vaccini anti-Covid, Lombardia prima per dosi ricevute ma ottava per somministrazioni

I dati sono aggiornati a ieri (venerdì 1 gennaio) e pubblicati sul sito dell’Aifa. La nostra è la 15esima regione italiana se si guarda al rapporto tra vaccini effettuati e numero di dosi ricevute, pari al 2,7 per cento

Vaccini anti-Covid, Lombardia prima per dosi ricevute ma ottava per somministrazioni
Cronaca 02 Gennaio 2021 ore 09:57

Delle 80.595 dosi di vaccino anti Covid Pfizer-Biontech consegnate in Lombardia ne sono state somministrate soltanto 2.171, ossia il 2,7 per cento del totale. Nel complesso, invece, in tutta Italia, sono 45.667 le persone tra operatori sanitari, medici, infermieri e ospiti delle Rsa alle quali è stato somministrato il vaccino. I dati, aggiornati alla data di ieri (venerdì 1 gennaio) sono pubblicati sul sito dell’Aifa, Agenzia italiana del farmaco (QUI il link con le tabelle).

Secondo la tabella riguardante le somministrazioni sul territorio nazionale, la Lombardia risulta essere la regione italiana che, al momento, ha ricevuto il maggior numero delle 469.950 dosi consegnate, seguita da Sicilia (46.510), Lazio (45.805) ed Emilia Romagna (43.875). Tuttavia, la Lombardia è l’ottava regione per numero di somministrazioni; In tal senso la più virtuosa è il Lazio con 9.301 vaccinazioni eseguite, seguito dal Veneto (6.041) e dal Piemonte (6.024). Se poi si guarda al rapporto tra vaccini effettuati e numero di dosi ricevute la Lombardia è addirittura la quindicesima in Italia.

Dei primi vaccinati lombardi 1.992 sono operatori sanitari e socio sanitari, 167 professionisti non sanitari e 12 ospiti delle case di riposo. La fascia d’età maggiormente coperta dalle vaccinazioni risulta essere quella tra i 50 e i 59 anni, con 662 vaccinati, seguita dalle persone con un’età compresa tra i 40 e i 49 anni (490 in tutto) e tra i 30 e i 39 anni (426). La campagna vaccinale vera e propria vedrà un’accelerata da lunedì 4 gennaio, giorno in cui le vaccinazioni partiranno anche nelle Asst Bergamo Est e Ovest; al Papa Giovanni XXIII le adesioni rivolte al personale si apriranno dal 5 gennaio e le somministrazioni sono previste con ogni probabilità dal lunedì successivo (11 gennaio).

Ad oggi in provincia sono state consegnate circa 7 mila dosi di vaccini Pfizer, a disposizione delle Asst che organizzeranno anche la somministrazione ai medici di base, pediatri e volontari dell’emergenza-urgenza, oltre alla distribuzione alle Rsa. Lunedì è in programma un vertice tra Ats e ospedali Hub in cui sono stoccati i vaccini per limare gli ultimi dettagli. L’obiettivo è che questa prima fase della campagna vaccinale possa essere completata entro marzo.