Come sono andate le partite

Luci e ombre per il vivaio nerazzurro Ruggito Primavera: sa solo vincere

Luci e ombre per il vivaio nerazzurro Ruggito Primavera: sa solo vincere
09 Ottobre 2018 ore 10:07
In apertura: l’esultanza di Colley contro la Fiorentina. Foto Atalanta.it

 

È stato un weekend tra luci e ombre per il settore giovanile dell’Atalanta. Per una formazione Under 19 che colleziona un altro successo c’è un truppa Under 15 che raccoglie zero punti; per un gruppo U17 che dilaga c’è un U16 che non riesce ad andare oltre al pareggio. Il poker della Berretti completa il bilancio delle squadre maschili impegnate nei campionati nazionali.

 

 

Nella quarta giornata del campionato Primavera 1, la Dea ha superato la Fiorentina e prosegue la sua cavalcata a punteggio pieno. Nell’anticipo di sabato, gli uomini di Brambilla hanno affrontato la sfida più difficile da inizio stagione, rispondendo alla grande contro un’ottima compagine. A Zingonia le due formazioni partono fortissime e le occasioni per andare in gol fioccano già dalle prime battute. Al secondo minuto, Cambiaghi da sinistra mette un pallone teso rasoterra per l’inserimento di Piccoli che in spaccata manca di poco l’impatto con la sfera. Poco dopo, ancora Piccoli pescato in profondità da un passaggio filtrante di Zortea si presenta a tu per tu con il portiere, da posizione defilata il bomber bergamasco non riesce a superarlo e sulla respinta Kulusevski a botta sicura trova l’intervento di un difensore viola. La prima vera chance per gli ospiti arriva al 25′, quando Koffi guadagna il fondo e serve al centro un liberissimo Bocchio, che sbaglia un gol clamoroso a pochi centimetri dalla porta difesa da Carnesecchi. Allo scadere è la Fiorentina a passare in vantaggio grazie a una bellissima giocata di Montiel, che si fa spazio tra le maglie della difesa avversaria e con il mancino trafigge il numero uno orobico.

Nella ripresa i ragazzi di Bigica cercano il raddoppio: al 55′ Montiel scambia nello stretto con Bocchio e scarica un destro letale che sbatte sul palo a portiere battuto. Solo il montante nega la gioia della doppietta allo spagnolo. Intorno all’ora di gioco, Colpani prova il mancino a giro intercettato sulla linea da Ferrarini. Cresce l’Atalanta e al minuto 66′ Peli conquista un calcio di rigore con una percussione fulminea in area. Dal dischetto va Colpani che è bravo a calciare con la giusta forza e precisione rendendo la conclusione imparabile per Brancolini. Tre minuti dopo, il propositivo esterno Peli effettua un cross a premiare l’inserimento di Colley, interviene Ferrarini stoppando il pallone in area e non accorgendosi dell’arrivo dell’attaccante atalantino lo regala al talento gambiano, che è velocissimo a tirarlo alle spalle del portiere. Rimonta completata e altri tre punti guadagnati dai nerazzurri che sfruttano il pareggio della Juventus nel derby per volare in solitaria al comando della classifica; ora i punti di vantaggio sui bianconeri sono due. Straordinario momento di forma e grande gioco di squadra dell’Under 19 orobica.

 

 

Comincia nel migliore dei modi, sabato pomeriggio sul campo del Renate, il campionato 2018-2019 della Berretti. Netto il 4-0 rifilato dai giocatori di Stefano Lorenzi alle Pantere, che hanno schierato una formazione molto giovane, tra cui spiccavano due calciatori classe 2002. Esordio positivo per i bergamaschi, abili a sbloccare il risultato con Mehic e a raddoppiare già nella prima frazione grazie a Pina Gomes. Nella ripresa, Bergonzi e Bertini chiudono i giochi con una rete a testa. Prima partita con la maglia della Dea per il portiere classe 2000 N’Diaye, nuovo arrivo in casa Atalanta, e prestazione sopra la media di Milani e Cortinovis, oltre agli autori dei gol. Altra partita perfetta della corazzata Under 17 che domenica ha realizzato sette gol per continuare a inseguire l’Inter capolista, distante un solo punto. Il larghissimo successo 7-1 ai danni del Verona conferma l’impressionante forza offensiva dei calciatori classe 2002, un gruppo capace di realizzare venti gol in cinque giornate di campionato. In grande spolvero Sidibe e l’esordiente Repa, autori di due doppiette. Completano il tabellino dei marcatori Vorlicky, Faye e Roma. Con l’inserimento in rosa di Traore, l’ambientamento di Sidibe e Vorlicky (arrivati lo scorso anno nel mercato di gennaio) e l’arrivo di Carrà e Manfredi, il livello della truppa allenata da Giovanni Bosi è cresciuto a dismisura rispetto alla passata stagione. La Dea si candida così a recitare un ruolo da protagonista anche con i talenti nati nel ’02.

È tornata in campo domenica, dopo due settimane di riposo, la compagine Under 16 atalantina. Il big match in programma a Zingonia contro il Milan è terminato a reti bianche. Nessuna delle due squadre è riuscita a prendere il sopravvento, in una sfida giocata sul filo del rasoio e in bilico fino all’ultimo minuto. Per via delle numerose convocazioni in nazionale, i ragazzi allenati da Marco Zanchi non hanno ancora trovato i giusti meccanismi. Il punto da cui ripartire per tornare al successo è sicuramente la solidità difensiva. L’Under 15 invece ha perso 0-1 domenica in casa contro i pari età del Milan. Gli uomini di Di Cintio si sono imbattuti in un’ottima organizzazione della linea arretrata avversaria. La rete subita al quinto del primo tempo non ha lasciato scampo ai classe 2004, costretti a rincorrere per tutta la partita. Servirà un cambio di marcia per risollevarsi dalle due sconfitte consecutive. Doppio sbandamento dell’U14 e U13 atalantina rispettivamente contro Inter (3-1) e Albinoleffe (3-2). Alle giovani promesse di Gambirasio non è bastato il gol di Manzoni per recuperare lo svantaggio accumulato dai milanesi. Neanche le reti dei gioiellini nati nel 2006 Bonanomi e Berra hanno permesso all’Atalanta di ottenere i tre punti di fronte ai seriani. Pareggio 1-1 dell’U17 femminile contro l’Inter con il sigillo di DeMaio e vittoria 8-0 dell’U15 femminile. Il poker di Arrigoni, la doppietta di Galdini e le marcature di Zanini e Filipponio regolano l’Orobica.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia