Bike sharing che cambia

MoBike ora ha più di 12mila iscritti La vecchia BiGi invece perde servizi

MoBike ora ha più di 12mila iscritti La vecchia BiGi invece perde servizi
Cronaca 19 Febbraio 2018 ore 04:30

Del bike sharing in città si parla molto, e in tanti lo usano. Ma si parla soprattutto di MoBike, le bici con le ruote arancioni che si prendono e lasciano ovunque, utilizzando smartphone e app. Se ne parla anche per i frequenti atti di vandalismo, ma per ora comunque il sistema regge, grazie anche a un numero di iscritti che a Bergamo ha superato quota 12mila. Della vecchia e utilizzata BiGi, invece, si parla sempre meno, e ora sembra anche che si stiano tirando i remi in barca.

Numero verde addio. Federconsumatori segnala agli amministratori di Bergamo quanto si prefigura a partire da lunedì prossimo, 19 febbraio, con la disattivazione del numero verde 800.181.310, attualmente al servizio degli utenti della BiGi. «Gli abbonati che usano le biciclette a noleggio in questi anni hanno costatato che a quel numero rispondono operatrici e operatori efficienti  che, in caso di mal funzionamento del sistema (tessera/colonnina di stazione), nella stragrande maggioranza dei casi risolvono il problema in tempo reale e permettono all’utilizzatore di fruire del servizio», scrive l’associazione di difesa dei consumatori afferente alla Cgil. «Ora, con una mail, trasmessa tra ieri e oggi, Atb informa che da lunedì prossimo tale opportunità non sarà più disponibile».

 

 

Il contenuto della mail. «Informiamo i gentili clienti del servizio La BiGi che, a partire da lunedì 19 febbraio 2018, il numero verde 800.181.310 verrà disattivato. Le richieste di informazioni, i reclami e i suggerimenti dovranno essere inviati unicamente all’indirizzo email labigi@atb.bergamo.it. Con l’occasione, ricordiamo che, a causa della momentanea indisponibilità dell’app Bicincittà, in corso di sviluppo da parte del fornitore, l’acquisto degli abbonamenti occasionali (4forYou e 1forYou) è temporaneamente sospeso. I soli possessori di dispositivi Android potranno in ogni caso procedere all'acquisto degli abbonamenti occasionali tramite la piattaforma web di Bicincittà. I clienti interessati a sottoscrivere e rinnovare un abbonamento annuale al costo di euro 25, comprensivo di euro 5 di ricarica, o che intendono effettuare una ricarica, possono utilizzare le modalità abituali ovvero recarsi presso la biglietteria dell'Atb Point di Largo Porta Nuova 16, aperta tutti i giorni dalle 7.20 alle 19.15, o effettuare l'acquisto con carta di credito sul sito bicincitta.com. Suggeriamo infine l'utilizzo dell'app ATB Mobile, disponibile iOS e Android, per conoscere in tempo reale lo stato del servizio: ciclostazioni attive, biciclette disponibili e posti liberi».

«La mail non basta». «Forse chi ha deciso di disattivare il servizio non si rende conto che in caso di necessità, ad esempio per fare semplicemente sbloccare una bici da una colonnina che non legge la tessera (chissà perché… ma succede spesso), l’idea di dovere inviare una mail a labigi@atb.bergamo.it.ci, magari di sera o al mattino presto e aspettarci di ripartire in bicicletta… sembra surreale. A meno che l’operazione sia finalizzata a disincentivare l’uso della BiGi, che sinora si  è dimostrato un servizio utile, apprezzato dagli utenti e dai costi contenuti. Federconsumatori chiede e auspica un ripensamento sulla decisione di eliminare il numero verde».