Non è da questi particolari (i rigori) che si giudica una grande squadra

Torna all'articolo