Che si fa?

Lo strano caso del parcheggio alle Autolinee, dove la cassa non dà resto e la gente resta bloccata

L'area di sosta è gestita da Atb. Il problema è stato sollevato dalla Lega. La replica dell'assessore alla Mobilità Stefano Zenoni: «Il sistema sarà cambiato entro fine anno e accetterà pagamenti elettronici». Alleluja!

Lo strano caso del parcheggio alle Autolinee, dove la cassa non dà resto e la gente resta bloccata
Bergamo, 07 Ottobre 2020 ore 18:45

Lasciare la propria automobile al parcheggio coperto delle Autolinee può essere un bel rischio per gli automobilisti. Come segnalato a Palazzo Frizzoni dal consigliere comunale della Lega Alberto Ribolla, infatti, è capitato spesso che gli utenti siano rimasti a piedi a causa di alcuni malfunzionamenti della cassa automatica.

«Molto spesso la cassa automatica non elargisce il resto in moneta, rendendo impossibile il pagamento tramite banconote, pur con costi di parcheggio che possono raggiungere i 10 euro giornalieri – si legge nel testo dell’interpellanza del Carroccio depositata in Comune -. La sera, in particolare, è accaduto che alla chiusura del parcheggio le auto rimanessero quindi chiuse all’interno in mancanza della possibilità del pagamento, visto che molti esercizi commerciali a quell’ora sono chiusi e che non c’è possibilità di cambiare i contanti».

L’area di sosta, attiva dalle 6 alle 21, è gestita da Atb e a rispondere a Ribolla è stato l’assessore alla mobilità Stefano Zenoni. «Atb segnala che la cassa è in grado di accettare sia banconote sia monete, ed è in grado di erogare il resto in moneta, salvo che si verifichino malfunzionamenti provvisori o che il pagamento di diversi utenti con banconote di taglia elevata esaurisca la disponibilità del resto. In ogni caso, per migliorare il servizio è intenzione dell’Azienda sostituire la cassa entro fine anno con un nuovo dispositivo abilitato anche all’accettazione di pagamenti elettronici».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia