in via Libertà

Poesie contro «Juve m***a»: è l’avvincente guerra sui muri in corso a Osio Sotto

L’offesa cancellata varie volte e puntualmente ricomparsa. Poi l’iniziativa del Movimento per l’emancipazione della poesia (Mep), ma i writer non si sono arresi

Poesie contro «Juve m***a»: è l’avvincente guerra sui muri in corso a Osio Sotto
Osio Sotto e Osio Sopra, 11 Febbraio 2020 ore 10:03

di Marta Belotti

Sui social qualcuno l’ha definito un lodevole atto di guerriglia poetry e ci ha fatto centro. Quello che succede ai pilastri all’imbocco di via Libertà, lungo la strada tra la ex sede dell’Usignolo, che a breve diventerà quella della Polizia Locale, e il complesso della Sede delle scuole secondarie di primo grado è ormai un copione scritto e ripetuto sempre identico più volte. «La solita solfa», come spesso si mormora in paese quando la scritta ricompare dopo un intervento del Comune o dei privati cittadini del condominio che corrono ai ripari per nascondere lo scempio. Si interviene per ripulire e i pilastri, che puntualmente vengono di nuovo imbrattati con una scritta, sempre la stessa, sempre con lo spray, magari semplicemente di colore diverso: «Juve merda». Una lettera a pilastro per creare uno sfondamento prospettico interessante. Un gioco di prospettive e di interazione con la strada a senso unico percorsa solo nella direzione della scritta capace di far sorridere i passanti e che quasi si fa apprezzare anche dai più rigidi. L’atto rimane però pur sempre contrario a ogni buona norma di educazione civica e di rispetto in generale.

Qualche settimana fa Osio Sotto si è risvegliata con qualcosa di cambiato. Qualcosa che ha a che fare con i pilastri di via Libertà, di completamente innovativo e che ha del rivoluzionario, con un piccolo di provocazione implicita. A coprire le grandi lettere campeggianti sui pilastri sono comparsi i fogli del Movimento per l’Emancipazione della Poesia. Un gruppo «apartitico di azione politica e sociale che si propone quale rete alternativa di creazione e diffusione di poesia contemporanea. Uno spazio di incontro e di dialogo con la poesia» come recita il loro manifesto, attivo in tutta Italia, ma a Bergamo ancora poco conosciuto e presente. Il Mep è arrivato nel paese di Osio Sotto e la soluzione messa in campo ha del geniale. Quattro fogli, quattro poesie per coprire una per una le sette lettere impresse sui pilasti.

Continua a leggere a pagina 41 di PrimaBergamo in edicola fino al 13 febbraio, oppure in edizione digitale QUI.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia