Gli impegni del vivaio

Primavera tra Italia ed Europa U17 e U15 chiudono il weekend

Primavera tra Italia ed Europa U17 e U15 chiudono il weekend
07 Dicembre 2019 ore 09:17

Stiamo per vivere un weekend povero di appuntamenti per il settore giovanile atalantino, ma ricco di significato per le tre categorie che scenderanno in campo. La Primavera dovrà vincere per mantenere alto l’entusiasmo in vista dell’incontro decisivo di mercoledì in Youth League, l’Under 17 sarà chiamata a mantenere il distacco di dieci punti sulle inseguitrici e l’U15 non potrà sbagliare una delle ultime occasioni per tornare in corsa per un posto nei playoff.

La prima a giocare sarà la formazione Primavera che in settimana ha passeggiato sui resti dell’Empoli. Nella cornice di uno spopolato Centro Bortolotti per via dell’orario, mercoledì 4 dicembre all’ora di pranzo la capolista nerazzurra ha fatto gioire i sostenitori di fede nerazzurra con la nona vittoria in campionato in dieci giornate. Un traguardo importante, ottenuto escludendo dall’undici titolare diverse prime scelte come Okoli, Gyabuaa, Traore e Piccoli. In vista del tour de force che sta affrontando la Dea, il tecnico Brambilla ha deciso di fare delle rotazioni sfruttando l’ampiezza della rosa offertagli dalla società di Antonio Percassi. Non è servito neanche l’ingresso di tutti i “big” per avere la meglio sui toscani allenati da Buscè: i padroni di casa hanno preso in mano subito la situazione, gestendo alla perfezione i vari momenti della gara. In vetrina, per la rete del vantaggio, ci è finito Ghisleni, abile ad appostarsi a centro area aspettando l’assist perfetto del capitano Cambiaghi. Il tap-in del numero 7, da pochi passi a portiere battuto, è servito per sbloccare il risultato. Con il passare dei minuti il pressing offensivo dei bergamaschi è cresciuto, Cortinovis è stato il più lesto a mettere in rete un pallone colpito in modo sporco da Colley e la partita ha preso la piega voluta dagli orobici. La specialità della casa, lo stacco di testa dei difensori centrali sulle palle da fermo, ha regalato il tris ai ragazzi di Brambilla con Guth. Ghislandi, a tempo quasi scaduto, ha siglato il poker grazie a una staffilata precisa e potente nell’angolino, dal limite dell’area.

 

 

Per mantenere il vantaggio di tre punti sul Cagliari secondo in classifica, ora i nerazzurri vorranno sicuramente battere oggi, sabato 7 dicembre, il Chievo Verona. Alle 14.30, a Zingonia, Cambiaghi e compagni duelleranno con una truppa clivense bisognosa di fare risultato per allontanarsi dalla zona retrocessione. Le ultime due sconfitte di fronte a Juventus e Inter pesano sul morale dei gialloblù, che però arriveranno a Bergamo con l’obiettivo di mettere il bastone tra le ruote alla capolista. Il trascinatore in questo avvio di stagione dei veronesi è stato senza ombra di dubbio Nabil Makni, attaccante tunisino classe 2001, freddo e lucido sotto porta. Le sue quattro reti lo incoronano miglior marcatore della compagine di Paolo Mandelli. I padroni di casa potrebbero risparmiare qualche altro pezzo da novanta, ma chi giocherà non farà sicuramente rimpiangere gli assenti facendo divertire i tifosi atalantini.

Penultima giornata del girone d’andata molto impegnativa per l’uragano Under 17. Il gruppo classe 2003 domani (domenica 8 dicembre) andrà al Centro Sportivo Vismara di Milano per sfidare il Milan. Partita molto delicata nonostante la situazione di classifica negativa dei rossoneri. Le partite contro i Diavoli sulla carta si presentano sempre ricche di insidie. Il nono posto in graduatoria conta relativamente, in quanto i meneghini sono distanti solo tre lunghezze dalla quinta piazza e con una vittoria scavalcherebbero diverse compagini. Tra le file dei padroni di casa milita il capocannoniere del girone B, El Hilali, attaccante in grado di andare in gol 15 volte in 11 gare. Per proseguire la corsa a punteggio pieno servirà una prestazione di carattere degli uomini di Bosi e la chance di chiudere l’anno con tredici vittorie consecutive fa gola a tutto l’ambiente.

 

[Mister Gambirasio, tecnico dell’U15 (atalanta.it)]

 

Con U18 e U16 a riposo, l’altra truppa a scendere in campo domani sarà quella dei 2005. Importante per la rosa Under 15 di Gambirasio mettere da parte le delusioni dei primi mesi di campionato nell’incontro casalingo contro il Venezia. La vittoria manca dal 27 ottobre e conquistare i tre punti ai danni dei lagunari offrirebbe una boccata d’ossigeno a polmoni aperti. I Leoni Alati si stanno togliendo grandi soddisfazioni, si trovano al quinto posto e stanno cercando di rimanere attaccati al gruppo delle prime della classe. Proprio quello che vorrebbero fare i nerazzurri, però bisogna procedere per gradi. Riprendere a correre in classifica sarebbe già il primo passo.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia