Davanti ballottaggio Borriello-Pinilla

Reja dà la priorità alla Dea: fare gol «La Samp farà la partita della vita»

Reja dà la priorità alla Dea: fare gol «La Samp farà la partita della vita»
Cronaca 12 Febbraio 2016 ore 08:40

Manca soltanto il gol. Il tecnico dell’Atalanta Edy Reja ha parlato a Zingonia nell’immediata vigilia della rifinitura che precede la partenza per Genova, dove gli orobici affronteranno la Samp a Marassi (domenica, ore 15). Dopo la buonissima prestazione offerta contro l’Empoli l’imperativo del mister goriziano è cercare la rete per strappare ancora un risultato positivo. Magari, tornando a quella vittoria che manca ormai dall’inizio di dicembre.

 

???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

 

Giocare, segnare, vincere. La sfida del Ferraris metterà di fronte due squadre che nelle ultime settimane stanno faticando a macinare risultati. Dietro fortunatamente le compagini indiziate per retrocedere vanno pianissimo, ma il dettaglio non interessa troppo al tecnico goriziano. «Vincere significherebbe molto. Ormai ne parliamo da un po’, dobbiamo pensare solo a noi e continuare come abbiamo fatto con l’Empoli in casa. Gioco, sintonia e qualità sono fondamentali, lo prèdico dall’inizio dell’anno e se riusciamo a mettere in campo tutto questo possiamo fare bene. Andiamo a Genova con la massima attenzione, non dovremo concedere spazi e ripartenze ma se facciamo quello che abbiamo preparato sono convinto che possiamo fare risultato».

Alla Dea serve prima di tutto trovare la via del gol. «E’ vero, non è un dettaglio ma è così. Non può andare sempre come contro l’Empoli, l’importante è arrivare a costruire le occasioni e averlo fatto contro una squadra come i toscani che normalmente concedono pochissimo agli avversari è motivo di soddisfazione. Abbiamo fatto un buon lavoro, almeno 3-4 palle gol pulite sono arrivate, e ci dispiace perché meritavamo miglior sorte. Se riusciamo a concretizzare potremmo avere grandi vantaggi».

La paura della Samp e i tre punti a vittoria. I blucerchiati sono dietro all’Atalanta in classifica, la squadra di Montella sembra decisamente impaurita ma Reja non ci crede troppo. «Loro faranno la partita della vita, vogliono tirarsi fuori dalla situazione in cui si trovano. Hanno giovani ma anche tanti elementi esperti, ci aspetteranno per vincere e noi andremo in campo con le stesse motivazioni, perché siamo un po’ più in alto ma ci serve un bel risultato. Credo che ne verrà fuori una gara intensa, mi auguro che l’Atalanta scenda in campo con la stessa voglia e la stessa grinta dei nostri avversari. E’ fondamentale».

 

Verona-Atalanta

 

La zona retrocessione rimane comunque a distanza debita, per quanto bastino pochi risultati a cambiare le carte in tavola. «Con i tre punti a partita è tutto possibile, bastano due vittorie per vedersi avvicinare da squadre che magari pensavi lontane. Questa considerazione vale per tutti. L’ho detto e lo ripeto: dipende solo e soltanto da noi. E vogliamo farlo subito, vogliamo la vittoria perché ci manca da tempo. A volte serve anche un pizzico di buona sorte, ci sono gare che giochi bene e magari non riesci per un soffio a vincere e altre in cui fai mezza occasione e trovi il bottino pieno. Il calcio è così».

Le risposte del gruppo e la formazione. In casa le prestazioni stanno migliorando sensibilmente, adesso è il momento di tornare a macinare gioco e punti anche lontano da Bergamo. «Siamo in crescita, l’ho già detto e lo ribadisco. I nuovi che sono arrivati si stanno pian piano integrando, serve sempre un po’ di tempo per farlo, ma da quello che vedo in campo le cose proseguono per il meglio. C’è intensità negli allenamenti, ci sono buonissime indicazioni e pertanto mi aspetto un risultato positivo».

 

Atalanta-Inter

 

Per quanto riguarda la formazione non paiono esserci grandi dubbi: i giocatori stanno tutti bene. «Devo tenere in considerazione la gara di domenica e confermare buona parte dei giocatori che hanno pareggiato con l’Empoli. Cigarini sta bene ma non so ancora se partirà dall’inizio o se verrà in panchina, Borriello e Pinilla partono alla pari e vedo grande disponibilità da parte loro di mettersi al servizio del gruppo. In difesa giocano Toli e Masiello, a sinistra recuperiamo Dramè anche se Brivio quando è chiamato in causa risponde sempre presente. A destra Conti ha fatto bene ed eventualmente abbiamo recuperato Bellini. Per Paletta ci saranno due allenamenti (sabato e domenica) e rientrerà in gruppo da martedì».

 

Calciomercato: Eder e Perotti, pochi soldi e pochi colpi

 

Gomez e Cassano. Le ultime considerazioni di Reja alla vigilia di Sampdoria-Atalanta sono per due giocatori che a Marassi promettono di essere protagonisti. Gomez è reduce da un periodo difficile ma le parole del tecnico orobico non lasciano spazio a molti dubbi. «Ha fatto una grande settimana di lavoro. Ultimamente si era spesso gestito, l’ho visto molto bene e questo mi rende felice perché significa che lo stiamo recuperando al 100%. Abbiamo molto bisogno di lui, è fondamentale avere tutti nella migliore condizione perché da qui alla fine sarà battaglia costante contro tutti: ogni squadra avrà un obiettivo diverso, mi aspetto un finale di campionato tosto e c’è davvero la necessità che tutto il gruppo riesca a dare qualcosa di importante per la causa».

Nella Sampdoria si aspetta Cassano? Se Montella lo recupera, per l’Atalanta ci sarebbe un problema in più. «Cassano è un giocatore importante- chiude Reja – , imprevedibile e sempre molto pericoloso. Da quello che ho visto si è rimesso in sesto anche fisicamente, quando arrivò a Genova era molto più robusto mentre ora pare decisamente più esile. L’ho visto giocare a Roma negli ultimi 20 minuti ha fatto vedere grandi cose e quindi va sempre tenuto in grande considerazione».

 

Quanto ai precedenti, a Genova si sono disputati 43 incontri in Serie A tra la Dea e i blucerchiati, e qui gli orobici hanno conquistato soltanto 5 vittorie e 12 pareggi, a fronte di ben 26 sconfitte. L’ultima è stata lo scorso anno, quando la gara venne decisa da un gol di Gabbiadini. I 5 precedenti fortunati per i colori nerazzurri sono tutti recenti, contesi tra anni Novanta e Duemila.

La prima vittoria arrivò nella stagione 1991/1992, l’ultima nella stagione 2012/2013 e porta la firma di Bonaventura e De Luca. In mezzo tre gare pazzesche, compresa la vittoria con Delio Rossi in panchina nel 2004-05, l’anno della cavalcata disperata verso la salvezza (poi non raggiunta).

 

1 – Serie A 1991/1992, settima giornata: Sampdoria-Atalanta 0-2

Il primo successo di sempre in Serie A della Dea in casa della Sampdoria risale a domenica 20 ottobre 1991. La formazione allenata da Giorgi vinse per 2-0 sul campo di Marassi grazie alle reti di Bianchezi e Caniggia nella ripresa, ottenendo un successo di prestigio visto contro la squadra di Cerezo, Vialli e Mancini, l’anno prima Campione d’Italia.

 

2 – Serie A 1992/1993, dodicesima giornata: Sampdoria-Atalanta 2-3

Nella stagione successiva, sotto la guida di Marcello Lippi, i nerazzurri vincono per 3-2 una partita decisamente incredibile. Nel primo tempo il folletto Ganz segna una doppietta micidiale in 20 minuti (contropiede perfetto e punizione all’incrocio dei pali), la Samp recupera il 2-2 con Mancini e Corini ma nel finale un contestato gol di Rambaudi fissa il 3-2 orobico e regala la vittoria alla Dea.

 

3 – Serie A 1995/1996, ventisettesima giornata: Sampdoria-Atalanta 2-3

Nell’anno del ritorno in Serie A con Mondonico, i nerazzurri vivono alti e bassi che comunque regalano la salvezza e una finale di Coppa Italia contro la Fiorentina. A Marassi la sfida si mette malissimo con i gol di Balleri e Chiesa in chiusura di primo tempo, nella ripresa Vieri, Morfeo e Fortunato ribaltano incredibilmente la situazione e siglano il 3-2.

 

4 – Serie A 2004/2005, ventinovesima giornata: Sampdoria-Atalanta 1-2

http://dai.ly/xm1a2w

Delle 5 vittorie atalantina a Genova contro la Sampdoria, questa è forse quella più emozionante. Siamo nella disperata stagione della rincorsa salvezza con Delio Rossi, a Genova i bergamaschi cercano una vittoria per restare a galla e la trovano grazie a Makinwa (attaccante arrivato nel mese di gennaio) e Natali. In mezzo il gol di Cristiano Doni, avversario di giornata e autore del momentaneo pareggio.

 

5 – Serie A 2012/2013, undicesima giornata: Sampdoria-Atalanta 1-2

http://dai.ly/xuu349

Nella stagione del -2, a Genova i nerazzurri segnano subito con Bonaventura (assist di Raimondi) e conducono per lunghi tratti la sfida. Nella ripresa i doriani pareggiano con una rovesciata incredibile di Maresca ma la Dea riesce a riconquistare il successo grazie a De Luca che insacca il 2-1 nel finale di gara.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli