Un'indagine dell'Internal Revenue Service

I ricchi tagliano sulla beneficenza (chi ha meno, invece, dà di più)

I ricchi tagliano sulla beneficenza (chi ha meno, invece, dà di più)
Cronaca 07 Ottobre 2014 ore 15:26

In America i più ricchi sono anche i più restii a mettere mano al portafoglio, quando si tratta di devolvere parte del loro patrimonio ai poveri. Lo rivela un’analisi dell’Internal Revenue Service (IRS), l’agenzia federale del fisco americano. Gli statunitensi che guadagnano più di 200 mila dollari l’anno, nel 2012 hanno speso il 4,6 percento in meno rispetto al 2006 nel campo della beneficenza, mentre coloro che guadagnano tra i 100 e i 200 mila dollari hanno ridotto la quota del 3,3 percento. Al contrario, chi guadagna meno di 100 mila dollari ha contribuito in media con il 4,5 percento in più. Ma il dato più significativo e sorprendente concerne coloro che percepiscono i redditi più bassi, inferiori ai 25 mila euro: questi hanno aumentato i propri aiuti del 16,6 percento.

 

generosity4

 

Nonostante la scarsa generosità dei ricchi, la somma totale da loro donata è maggiore di quella delle altre fasce messe assieme: 77,5 miliardi di dollari contro 57,3 miliardi. Del resto, ciò si può spiegare facilmente: una somma di denaro che a un ricco sembra di modesta o media entità, per un povero sarebbe più che lauta. I dati sono stati spiegati ricorrendo a ragioni psicologiche: i più poveri agiscono con generosità per una sorta di immedesimazione in chi si trova in difficoltà e che spesso appartiene al medesimo ceto. Facendo beneficenza, incoraggiano lo spirito di cooperazione e sperano che un giorno potranno esserne ricambiati, qualora ne avessero bisogno.

L’università di Berkeley ha addirittura stabilito che la generosità è un valore che appartiene più ai poveri, che ai ricchi, perché chi non ha molto da perdere tenderebbe a fidarsi di più e la fiducia è indispensabile, quando si dona del denaro a chi non si conosce. In altri termini, al povero manca la paura di perdere tutto. O ne ha di meno rispetto ai ricchi. Ma allora come si spiega il fatto che i miliardari più generosi sono americani?

 

generous-people-see-differently

 

Il professore Paolo Legrenzi dell’Università IUAV di Venezia lo spiega ricorrendo alla medesima motivazione usata per giustificare il differente atteggiamento di ricchi e poveri. Cioè: i miliardari statunitensi sono i più generosi, perché gli Stati Uniti sono più abituati al rischio e a fidarsi del prossimo. Sarebbe così svelata la ragione (sociale?) delle laute somme donate in beneficenza da star e magnati americani, da Bill Gates a George Clooney a Leonardo di Caprio. Qualcuno afferma anche che la generosità è tipica dei paesi di religione protestante, per i quali la ricchezza è un dono divino riversato sui più meritevoli, i quali hanno il dovere morale di rendere partecipe la società delle loro fortune.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità