lunghe code

Scontro tra due auto a Villa d'Almè, traffico paralizzato per chi sale in Val Brembana

La coda di veicoli diretti in Val Brembana, in marcia lungo la Villa d’Almè-Dalmine, inizierebbe all’altezza di Valbrembo. Disagi anche a scendere

Scontro tra due auto a Villa d'Almè, traffico paralizzato per chi sale in Val Brembana
Cronaca Val Brembana e Imagna, 04 Settembre 2021 ore 11:43

Ennesima mattinata di passione oggi (sabato 4 settembre) per gli automobilisti diretti in Val Brembana: a causa di un incidente stradale avvenuto lungo la strada statale 470, tra l’hotel Ventolosa e la curva del mobilificio, il traffico è pressoché paralizzato. Lo scontro è avvenuto tra due auto, intorno alle 8.40.

Fortunatamente, secondo le prime informazioni raccolte, sono rimasti feriti non in modo grave un bimbo di 4 anni e un anziano di 79 anni. Entrambi sono stati portati da due ambulanze, in codice giallo e in codice verde, all’ospedale di Ponte San Pietro per essere medicati.

L’incidente ha però avuto pesanti ripercussioni sulla circolazione in Val Brembana. La notizia è rimbalzata sui gruppi social, dove in molti subito hanno segnalano di come lungo la strada tra Botta di Sedrina e Villa d’Almè si circolasse a fatica.

Con il passare delle ore la situazione viabilistica è ulteriormente peggiorata e in molti hanno iniziato ad avvisare di rallentamenti sia a salire sia a scendere dalla valle. La coda di veicoli diretti in Val Brembana, in marcia lungo la Villa d’Almè-Dalmine, in questo momento, inizierebbe all’altezza di Valbrembo. I primi disagi per gli automobilisti diretti a Bergamo, invece, si verificherebbero all’altezza dei ponti di Sedrina.

«Sono partito da Curno per andare a Piazzatorre un’oretta e mezza fa, poco prima delle 10 - ci racconta un’automobilista - e non sono ancora arrivato alla rotonda dell’Arlecchino. A salire è tutto paralizzato, mentre a scendere passano pochissime automobili. Credo si tratti di chi si stanca di restare incolonnato e fa marcia indietro». La circolazione ha ricominciato a scorrere soltanto verso l'ora di pranzo.