volontari

Seimila consegne in 10 settimane, Comun Nuovo si scopre più forte e unita

Sono 74 le persone che hanno aiutato nei mesi della paura. Roberta: «Mi sono sentita utile, ricevi tanti sorrisi e ringraziamenti. Ho la consapevolezza che nel mondo (e a Comun Nuovo) c’è tanto bene»

Seimila consegne in 10 settimane, Comun Nuovo si scopre più forte e unita
Zanica, Levate e Comun Nuovo, 27 Maggio 2020 ore 14:48

di Matteo Simeone

È finita, sette giorni fa, la decima settimana dei servizi a domicilio attivati in seguito all’emergenza sanitaria. E per Comun Nuovo è tempo di cifre: sono 69 i volontari che hanno partecipato alle varie consegne a domicilio; cinque le signore che si sono adoperate per la realizzazione delle mascherine in stoffa per i volontari e quelle in TNT consegnate a tutta la cittadinanza. In tutto, queste 74 persone hanno effettuato 5 mila 665 consegne, secondo fonti comunali. Si tratta di consegne di pane, spesa, farmaci, articoli di cartoleria, giornali, acqua e libri. Inoltre, si sono portati casa per casa 876 pasti.

Numeri importanti. Dietro a quei 74 volontari, ci sono altrettante persone, che raccontano storie di piccoli gesti quotidiani; tutti tasselli di quel grande puzzle che è stato costruito nelle passate dieci settimane. Per scoprire il senso più umano e profondo di ciascuna pennellata del quadro, per dare loro un volto e un nome, è bene ascoltare la voce di Roberta Albani, una di loro.

Racconta: «Ho iniziato qualche tempo dopo rispetto ai volontari della prima ora. Nei primi periodi, ero una specie di jolly: andavo nei negozi nei quali c’era più richiesta. Poi mi hanno assegnato, nelle ultime settimane, alla consegna dei prodotti di edicola, cartoleria e macelleria. Facevo le consegne in bicicletta, perché riuscivo a gestirle molto bene, visto che non erano pacchi eccessivamente pesanti».

«Ho girato il mio bel paese, nel quale sono nata e cresciuta, in bicicletta. Per me è stato bellissimo: nonostante la paura tremenda che tutti avevamo, volontari e cittadini, ho visto tante persone. A tutte si portava un piccolo conforto, da tutte si riceveva un grazie, un sorriso, dei complimenti; approvazioni che ti facevano sentire utile. Consegnando, ho avuto modo di ritrovare mamme i cui figli andavano all’asilo con i miei e che conobbi all’epoca; ci siamo incontrate di nuovo e ora ci siamo nuovamente affiatate».

Prosegue: «Siamo riusciti a fare qualsiasi cosa ci è stato chiesto, e anche di più. Anche nel pulire il cimitero: non ci siamo limitati a togliere i fiori secchi e a depositare rametti d’ulivo: alcuni hanno tolto i muschi che si erano formati sui muri, altri si sono dati da fare con l’idropulitrice. Anche per quanto riguarda la raccolta del verde siamo riusciti a creare un servizio porta a porta, da quello che doveva essere un servizio su prenotazione. Insomma, è stato un successo».

«Dopo questa esperienza sono ancora più innamorata di Comun Nuovo; ho capito che in paese abbiamo un’amministrazione e dei cittadini con un grande cuore. Dieci settimane che mi hanno lasciato tanta energia, tanta voglia di credere che tutto finirà; tanta voglia di credere che si migliorerà, ma sopratutto la consapevolezza che nel mondo (e a Comun Nuovo) c’è tanto bene», conclude Roberta.

L’articolo completo a pagina 38 del PrimaBergamo in edicola fino al 28 maggio, oppure sull’edizione digitale QUI.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia