Cronaca
Covo

Si masturbava in macchina davanti ad una ragazzina, denunciato un pregiudicato

La Polizia Locale ha identificato un 35enne che ha molestato una giovane di 12anni al parco del Barco

Si masturbava in macchina davanti ad una ragazzina, denunciato un pregiudicato
Cronaca 31 Maggio 2022 ore 12:07

A Covo la Polizia Locale ha identificato un 35enne che ha molestato una giovane di 12anni al parco del Barco.

Pomeriggio al parco

Una vicenda torbida quella che ha per protagonista un 35enne residente nella zona, che nelle scorse settimane ha scosso la comunità cavese. Era un pomeriggio quando una giovane di 12 anni stava giocando al parco del Barco con le sue amiche. Fino a quando un'automobile di grossa cilindrata è arrivata e il conducente, con la scusa di chiedere informazioni stradali, ha fatto avvicinare la giovane al finestrino del veicolo.

Le molestie

Una volta avvicinatasi, alla ragazzina si è presentata davanti agli occhi una scena raccapricciante. L’uomo con i pantaloni e le mutande abbassate, e il pene eretto, si stava masturbando. La giovane è scappata, immediatamente ha chiamato i genitori informandoli dell’accaduto. I genitori hanno lanciato l'allarme chiamando la Polizia Locale del Distretto della Bassa Bergamasca Orientale, che raccolta la testimonianza si è messa subito sulle tracce del molestatore. Dalle indagini gli agenti sono risaliti al veicolo e al proprietario rintracciando poco dopo.

La denuncia

Dai controlli è emerso che il 35enne residente in un Comune della Bassa Bergamasca Orientale aveva precedenti per molestie. Per lui è scattata la denuncia a piede libero per atti sessuali nei confronti di minori. “La tempestività con cui ha reagito la ragazza e la sua famiglia ci hanno permesso di individuare il responsabile del reato – ha detto il comandante Arcangelo Di Nardo – Raccomandiamo i genitori di informare i figli minorenni di diffidare degli sconosciuti che seppur con modi gentili cercano di avvicinarli. Inoltre la tempestività di reazione è fondamentale per poter prendere i malviventi e scongiurare fatti gravi”.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter