Lividi e timpano perforato

Siciliana sposa bergamasco, ma è violento: rinviato a giudizio

La decisione del gup del Tribunale di Bergamo per maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate

Siciliana sposa bergamasco, ma è violento: rinviato a giudizio
11 Gennaio 2020 ore 15:23

Trova un posto di lavoro in un paesino del Bergamasco, conosce un coetaneo del luogo, se ne innamora e ci fa anche due figli. Una storia molto normale, in apparenza, per chi si sposta dalla Sicilia al nord in cerca di occupazione. Lui, però, ha un “caratteraccio”. Anzi, sarebbe proprio un violento. La vita della donna, una trentenne marsalese, diventa quindi un vero inferno, come raccontato da Tp24. Tanto che ad un certo punto è costretta a tornare dai suoi genitori, a Marsala, insieme ai due figli piccoli. Adesso, lui è stato rinviato a giudizio dal gup del Tribunale di Bergamo per maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate. Ciò dopo che la donna ha trovato il coraggio di denunciare le ripetute minacce e le lesioni fisiche e psicologiche subite.

Lividi sul corpo e non solo. Decisivo, per la risoluzione giudiziaria della faccenda, l’aiuto dei familiari rimasti in Sicilia e all’avvocato Laura Errera, uno dei legali consulenti dello Sportello Antiviolenza recentemente inaugurato nei locali della Procura della repubblica di Marsala. Quando si è decisa a denunciare il compagno violento, sul corpo della giovane marsalese erano evidenti i lividi. In più, ha suvito la perforazione del timpano e danni al cuoio capelluto.

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia