emergenza coronavirus

Tornate a Bergamo le prime 113 vittime cremate in Emilia

Tornate a Bergamo le prime 113 vittime cremate in Emilia
26 Marzo 2020 ore 07:53

È stato l’ultimo viaggio prima di essere riconsegnate alle famiglie per l’eterno riposo: quello del ritorno a casa. Le centotredici salme di defunti bergamaschi, che erano state portate via dal cimitero con i camion dell’Esercito destinazione Emilia, perché qui non c’era né spazio né tempo per la cremazione, sono tornate a Bergamo. Le ceneri delle vittime del Coronavirus sono state riportate a casa dai Carabinieri, che già le avevano scortate verso Bologna, Modena, Ferrara e Copparo. Al Famedio del Cimitero di Bergamo il vescovo Francesco Beschi ha imposto loro la benedizione e un ultimo saluto, unitamente al sindaco Giorgio Gori, al comandante dei Carabinieri Paolo Storoni, alla comandante della Polizia locale Gabriella Messina e all’assessore ai Servizi demografici Giacomo Angeloni. Una sobria celebrazione in assoluta assenza di familiari, così come imposta per volere del decreto del Consiglio dei ministri. Il dolore e lo strazio dei familiari che si vedono strappare i loro cari, però, continua, così come continua lo spostamento delle salme verso altre province perché anche a Ponte San Pietro e a Seriate si sono verificate le medesime condizioni. L’elevato numero di morti ha trasformato le chiese in una camera mortuaria provvisoria.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia