Cronaca
a treviglio

Un unico proprietario, 14 levrieri in un bilocale e 7 in auto: sospetto allevamento clandestino

Gli animali erano in buone condizioni di salute. Le verifiche della polizia locale per un eventuale vendita abusiva dei cani

Un unico proprietario, 14 levrieri in un bilocale e 7 in auto: sospetto allevamento clandestino
Cronaca 22 Ottobre 2021 ore 12:40

Quattordici levrieri italiani erano in un’abitazione nella zona nord di Treviglio, altri sette erano in un’automobile parcheggiata in via Padova. Ventuno cani di razza in buone condizioni di salute e un unico proprietario che ha fornito giustificazioni un po’approssimative: variabili che hanno fatto pensare alla polizia locale di trovarsi davanti a un allevamento clandestino e già ben avviato.

Come riporta Corriere Bergamo, a finire nei guai ieri (giovedì 21 ottobre) è stato un cittadino italiano di 57 anni, residente a Treviglio. Gli uomini del comando guidato dal comandante Giovanni Vinciguerra sono intervenuti dopo aver ricevuto la segnalazione che sette levrieri si trovavano nell’abitacolo di un’utilitaria parcheggiata in strada. Veicolo che tra l’altro risultava intestato a una donna morta da tempo.

Gli agenti hanno rintracciato il proprietario che però, che però non ha saputo dire perché i cani si trovassero nell’automobile. Insieme ai veterinari dell’Ats le forze dell’ordine hanno perquisito anche il bilocale del cinquantasettenne, trovando altri quattordici esemplari, tra cui tre cuccioli. L’uomo ha provato a giustificarsi dicendo che i levrieri erano della madre, che lui tiene perché si sente solo e che quando nascono i cuccioli li regala. Peccato però che un esemplare sul mercato possa valere più di mille euro; la scusa, agli occhi della polizia locale, non ha retto.

Al di là dei dubbi sull’allevamento clandestino, il regolamento sul benessere degli animali a Treviglio stabilisce che in ogni casa possano vivere al massimo 10 cani. Per questa ragione l’uomo, che sarà multato, è stato obbligato a trasferire i levrieri in eccesso. Sono in corso accertamenti per verificare un eventuale vendita abusiva degli animali.