Piccolo vademecum

Vacanze, consigli di Adiconsum per risparmiare (il più possibile)

Vacanze, consigli di Adiconsum per risparmiare (il più possibile)
29 Luglio 2019 ore 16:20

Viaggiare è bello, ma anche costoso. Risparmiare in vacanza diviene una priorità per chi desidera partire sia in alta che in bassa stagione, da solo o in gruppo. Quando ci si sposta, specie in famiglia, è impossibile compiere scelte troppo radicali come ostelli o autostop e bisogna organizzarsi altrimenti per moderare le uscite. Esistono degli accorgimenti da adottare, alcuni sono frutto del semplice buon senso. Ecco una lista di suggerimenti stilata da Adiconsum Bergamo che potranno certamente esseredi aiuto. Ne parla la Cisl provinciale in un comunicato stampa.

 

 

Voli. La voce più pesante nella prenotazione di un viaggio è certamente l’aereo, un mezzo spesso imprescindibile. Esistono però delle strategie per garantirsi un buon margine di risparmio. Non è più vero, ad esempio, che convenga sempre prenotare con un anticipo enorme: il periodo migliore per prenotare un volo nazionale cade a 5 settimane dal volo stesso, mentre su tratte internazionali è consigliabile muoversi fra i 5 ed i 6 mesi prima. Nell’arco della giornata, l’orario più adatto è il pomeriggio ed i mesi in assoluto più economici risultano gennaio e febbraio. Fare attenzione ai cookies! Sembrerà una vana precauzione, ma i siti ricordano le vostre visite precedenti e può capitare che per mettervi fretta vi mostrino prezzi in salita.

La scelta della meta. La scelta della meta e il confronto dei prezzi aiutano molto. Valutate se visitare un paese che abbia una moneta “fragile” rispetto alla vostra, in cui la vita magari costi sensibilmente meno. Confrontate diversi prezzi, su vari siti. Vagliate attentamente le possibilità. Servitevi dei portali aggregatori di servizi vacanze, come ad esempio Lastminute.com per farvi un’idea e magari avvalervi di pacchetti sconto vantaggiosi.

Nota spese. Tenete nota delle spese: vederle scritte e monitorate disincentiverà gli acquisti d’impulso.

Approfittate degli spostamenti lunghi per dormire: questa strategia permette di risparmiare una notte in struttura anche se non sempre garantisce un riposo ottimale!

I mezzi pubblici convengono. Servitevi dei mezzi pubblici per muovervi quotidianamente, ma

cercate di pianificare il più possibile il loro impiego definendo in anticipo gli itinerari giornalieri: valutate quindi se vi conviene procurarvi un abbonamento o una carta cumulativa, oppure se l’uso

che progettate di compiere dei trasporti è tanto parsimonioso da rendere il biglietto classico un’opzione migliore.

Qualità. Puntare sulla qualità del viaggio. Un ottimo modo per risparmiare denaro è dedicarsi approfonditamente alla visita di “pochi luoghi, ma buoni”. Invece di prendere tre o quattro voli, vagare forsennatamente per accumulare “numeri” o fugaci istantanee di siti iconici, puntare sulla qualità del viaggio e dell’esperienza, vivere uno spazio a pieno. Oltre a permettervi di intraprendere una vacanza migliore, questo metodo vi permetterà di economizzare.

 

 

Ascoltate i consigli degli autoctoni. Parlate con gli abitanti del posto, lasciatevi consigliare, domandate suggerimenti e divertitevi a seguirli. Nessuno conosce meglio un luogo di qualcuno che lo vive quotidianamente. Non limitatevi a chiedere “dritte” banali come ristoranti e locali. Informatevi su dove socializzano, su come passano il loro tempo libero nei dintorni e lasciatevi ispirare.

Visite ai musei. Molti musei offrono giorni od orari ad ingresso gratuito/ridotto; controllate sui siti o sulle guide aggiornate. A proposito di guide: spesso sono molto costose, ma portarne una di qualità può aiutarvi davvero a orientarvi e conservare tempo. Alcuni paesi e città offrono ottimi portali turistici pieni di informazioni, specie in lingua inglese.

Cibo e souvenir. Mangiate fuori dai quartieri turistici; spesso a differenza di prezzo è a dir poco sconvolgente. Se dovete fare economica sui pasti, pensate magari a “tagliare” la cena (cucinandola in autonomia o servendovi di un take away): i ristoranti offrono una carta più vantaggiosa a colazione o a pranzo rispetto al pasto serale, usufruendo dei menù fissi. Non acquistate i souvenir nei negozi concepiti a misura di turista: questi oggetti sono sovente fabbricati all’estero e assolutamente non tipici. Informatevi invece sulle specialità della manifattura locale o su attività indipendenti di tendenza tra gli abitanti: è qui che troverete il ricordo o il regalo migliore.

Tariffe telefoniche. Al di fuori dell’Europa –  entro i cui confini le tariffe telefoniche sono state finalmente equiparate – limitate le chiamate standard a casa e il consumo di dati web in roaming. Se vi serve internet per fare una ricerca individuate un wifi aperto. Nelle grandi città basterà recarsi all’interno di qualche catena di negozi o di un grande magazzino.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia