Menu
Cerca
Fase 2

Vaccinazione anticipata per gli over 80: così vuole la Lombardia

Sarebbe prevista per marzo, ma in Regione si vuole accelerare di due settimane. Sorpresa invece sul fronte della Fase 1: l’adesione nelle Rsa deve essere chiusa oggi, 5 gennaio, e non il 12 gennaio come precedentemente comunicato

Vaccinazione anticipata per gli over 80: così vuole la Lombardia
Cronaca 05 Gennaio 2021 ore 01:40

Nella foto Margaret Keenan, 91 anni, prima persona al mondo a ricevere il vaccino anti-Covid (in Inghilterra)

I dati parlano chiaro: la Lombardia ancora una volta non sta facendo una bella figura nella gestione della pandemia. Neppure col vaccino. Così, viste le polemiche di questi giorni, Regione Lombardia vuole dare un segnale cercando di anticipare la Fase 2 della somministrazione: i cittadini over 80 (che nella Bergamasca sono circa 75mila), prima fascia della popolazione ad essere vaccinata dopo i professionisti della sanità e gli ospiti delle Rsa, potrebbero ricevere le fiale entro la fine di febbraio e non a partire da marzo, come scrive oggi L’Eco di Bergamo. Verranno utilizzate venti sedi già individuate, esterne agli ospedali, ma i dettagli del piano saranno messi a punto entro fine gennaio.

Tanti i dubbi. I buoni propositi, però, si potrebbero scontrare con alcuni nodi al pettine. Tipo la disponibilità del personale per iniettare i vaccini: il personale arruolato con il bando emesso dal commissario Arcuri sarà sufficiente? Bisogna anche vedere quali saranno i vaccini a disposizione: quello di Pfizer necessita di una catena del freddo molto macchinosa, mentre le fiale di Moderna (in attesa di ricevere il via libera dall’Ema) sono più facilmente gestibili. Tutta da definire infine la “chiamata alle armi” degli anziani: servirà il coinvolgimento dei medici di base, probabilmente.

Adesione anticipata nelle Rsa. C’è un’altra sorpresa nella campagna di vaccinazione, questa volta relativa alla Fase 1. A fine anno la regione tramite le singole Ats aveva chiesto a tutte le residenze sanitarie per anziani di indicare entro il 12 gennaio il numero e i nominativi degli ospiti e dei lavoratori intenzionati a sottoporsi al vaccino. Ma ieri, 4 gennaio, una mail spedita dall’Agenzia di tutela della salute di Bergamo ha colto tutti di sorpresa: il termine ultimo per trasmettere gli elenchi è stato anticipato a oggi, 5 gennaio. Una mossa che fa discutere visto il numero di ferie e riposi in atto dopo il periodo natalizio.