Cronaca
Il documentario della Bbc

L'impatto devastante sui bambini della guerra di Gaza, un anno fa

L'impatto devastante sui bambini della guerra di Gaza, un anno fa
Cronaca 07 Luglio 2015 ore 12:55

L’8 luglio 2014, esattamente un anno fa, Israele lanciò su Gaza l’operazione Margine Protettivo. La causa che scatenò l’offensiva fu il ritrovamento, il 30 giugno, dei corpi di tre studenti coloni ebrei di una scuola rabbinica. I tre ragazzi erano stati rapiti il 18 giugno nei pressi di Hebron, in Cisgiordania, dove risiedevano con le famiglie in un insediamento. L’operazione dell’esercito israeliano fece seguito a una feroce rappresaglia in Cisgiordania, dove centinaia di palestinesi vennero arrestati. La guerra venne combattuta ad armi impari: da un lato i rudimentali missili sparati da Hamas dalla Striscia di Gaza verso il deserto del Negev, e dall’altra i mezzi corazzati e di altissima precisione dell’esercito di Tsahal.

Numeri spaventosi.  I dati aggiornati al 27 agosto, giorno in cui entrò in vigore il cessate il fuoco, parlano di 2.139 palestinesi morti, tra cui 490 bambini, e 8.600 feriti. Secondo l'Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (Ocha), inoltre, sono almeno 500mila gli sfollati, 300mila i rifugiati nelle scuole dell'Agenzia per i rifugiati palestinesi (Unrwa) e del ministero dell'Istruzione o in altre strutture pubbliche. Almeno altre 200mila persone si sono rifugiate presso parenti e abitazioni private, oltre 20mila abitazioni sono state distrutte o rese inagibili e 10.600 abitanti di Gaza sono rimasti senza casa. Le Nazioni Unite hanno stimato che il 71 percento dei morti a Gaza sono civili, quasi la metà di loro donne e bambini. Un anno dopo l’inizio della guerra, Save the Children ha diffuso uno studio sui bambini della regione. L'89 percento di essi soffre ancora di forti paure e più del 70 percento teme un altro conflitto. Ancora: 7 bambini su 10 delle zone più colpite hanno incubi notturni, percentuale che raggiunge la quasi totalità nelle città di Beit Hanoun (96 percento) e Khuza (92 percento).

 

 
Il rapporto Onu. La ricostruzione, tanto annunciata, stenta a cominciare. Così come non sono ancora arrivati i soldi promessi dai Paesi arabi. Sul fronte israeliano sono stati uccisi 64 soldati, cinque civili e un cittadino thailandese. L'offensiva su Gaza, secondo l’Onu, ha visto crimini di guerra compiuti da entrambe le parti in causa e ha avuto un’ampiezza di devastazione e sofferenza umana senza precedenti, con un forte impatto sulle generazioni future. Da una parte Hamas, che ha lanciato verso Israele 4.881 razzi e 1.753 colpi di mortaio; dall’altra Israele che, mediante le tecnica del Roof Knocking, ha reso gli attacchi sui civili “altamente probabili”.

Il lavoro di Lyse Doucet. Lyse Doucet, giornalista di guerra, capo dei corrispondenti internazionali della Bbc, ha realizzato un documentario che è anche una chiave per leggere il conflitto a un anno di distanza. La giornalista, che copre gli eventi mediorientali da una ventina di anni, ha fatto un lavoro coi bambini, incontrandoli, parlando con loro, indagando e mostrando la loro vita nella Striscia, al confine con Israele. Ha condotto questo lavoro nel bel mezzo della guerra e nei mesi che sono seguiti. Dal documentario emerge come quasi tutti i bambini di Gaza abbiano perso una persona cara e, come al confine nel deserto del Negev, abbiano vissuto nel costante timore di attacchi di razzi. Una guerra, insomma, che, come quella che sta ancora insanguinando la Siria, ha avuto un impatto devastante sulle vite dei bambini e sul loro futuro. Ci sono bambini che in sei anni hanno visto tre guerre.

 

 

Syed, unico sopravvissuto alla strage sulla spiaggia. Drammatica la testimonianza di Syed, 12 anni, unico bambino sopravvissuto all’attacco da parte dell’esercito israeliano che ha ucciso tre bambini che giocavano sulla spiaggia. Quel giorno di metà luglio, anche lui era con loro. All’improvviso un’esplosione. I bambini cercano di scappare: lui si salva, gli altri tre no. L’indagine condotta da Israele liquiderà la morte dei tre bambini come un “errore di identificazione”, insistendo sul fatto che il suo esercito non prende intenzionalmente di mira i civili. Per i bambini, a Gaza, non esiste un posto dove nascondersi. Se Israele li uccide per errore, Hamas e altri gruppi armati negano di usarli come scudi umani. Ma la realtà che si vede dal video è diversa. La Bbc trasmetterà il documentario l’8 luglio, per ricordare l’inizio di quella tragica guerra.

 

[Il tributo dell'artista israeliano Amir Schiby ai bambini morti sulla spiaggia]

maxresdefault

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter