la festa patronale

Sant'Alessandro: i giovani di Bergamo al centro delle mostre curate dalla Fondazione Bernareggi

Sabato 28 agosto lo spettacolo in Cattedrale dedicato a I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni

Sant'Alessandro: i giovani di Bergamo al centro delle mostre curate dalla Fondazione Bernareggi
Cultura Bergamo, 24 Agosto 2021 ore 15:17

Quest’anno la Festa di Sant’Alessandro avrà come tema catalizzante la virtù della Fiducia, espressa anche attraverso un ricco palinsesto d’iniziative artistiche, a cominciare dalle mostre curate dalla Fondazione Adriano Bernareggi. Tra queste il progetto “Art together now”, promosso dai dipartimenti educativi della Fondazione con il contributo del Comune e della Fondazione della Comunità Bergamasca, entrato nella sua fase finale. Terminati gli incontri e i workshop negli oratori di Longuelo, Città Alta e Campagnola, i giovani bergamaschi, affiancati dagli artisti Giulio Locatelli e Camilla Marinoni e dai graphic designer Herber Bussini e Laura Regazzoni, hanno realizzato tre installazioni visibili gratuitamente durante le feste patronali.

La prima installazione, presente da luglio nelle strade della città, è “La fiducia chiede corpo”, una campagna di affissioni esito di un laboratorio di comunicazione visuale che ha coinvolto gli adolescenti dell’oratorio di Longuelo.

The Flying Carpet

Ma la fiducia è stata anche lo spunto per “The Flying Carpet”, un’opera collettiva che l’artista Giulio Locatelli, con il supporto di Chiara Del Monte, educatrice della Fondazione Bernareggi, ha realizzato insieme ai preadolescenti dell’oratorio del Seminarino in Città Alta. Un arazzo di sette metri, realizzato utilizzando più di duecento gomitoli colorati, che rappresenta la fiducia riposta in sé e negli altri. Durante la progettazione i giovani dell’oratorio hanno prodotto artigianalmente la carta con cui sono state realizzate le silhouette da riprodurre sul tappeto.

Prima di atterrare nell’Ex Ateneo, dove sarà esposto dal 25 al 29 agosto, il tappeto ha volato in città sulle mura, sulla Torre del Gombito e su alcuni dei più bei palazzi di Città Alta. L’ingresso è gratuito dal martedì al venerdì dalle 15 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Previste anche visite con l’artista sabato, alle 17, e domenica, alle 11 (prenotazione obbligatoria a info@fondazionebernareggi.it).

I sintomi della fiducia

Le due sculture in ceramica realizzate da Camilla Marinoni e dai giovani del Cre di Campagnola sono invece le protagoniste dell’installazione che si trova nel piccolo tempio medievale di Santa Croce. «Che suono ha la fiducia? E che spazio occupa dentro di noi? Che forma ha?»; sono queste le domande che i ragazzi hanno condiviso con l’artista bergamasca. Suono, corpo e tempo sono stati messi sotto la lente d’ingrandimento di un’esperienza che ha dato forma e voce a confidenze condivise.

2 foto Sfoglia la gallery

Le opere potranno essere visitate gratuitamente dal 25 al 29 agosto. Gli orari di apertura sono dal martedì al venerdì dalle 15 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Visite con l’artista sabato, alle 17, e domenica, alle 11 (prenotazione obbligatoria a info@fondazionebernareggi.it)

Lo spettacolo in Cattedrale

Sabato 28 agosto, alle 21, nella Cattedrale di Sant’Alessandro andrà in scena “Il sugo della storia. Lettura scenica per voci e banda musicale”, a cura dell’assessorato alla cultura, prodotta dal Festival Tra Sacro e Sacro Monte, in collaborazione con il Centro Teatrale Bresciano e Proxima Res. Lo spettacolo è dedicato al romanzo de I Promessi Sposi. La prenotazione è obbligatoria entro venerdì (27 agosto) a info@trasacroesacromonte.it indicando: prenotazione spettacolo Sant’Alessandro, generalità e recapito telefonico.

3 foto Sfoglia la gallery

Le aperture straordinarie

IL 26 agosto sono invece previste aperture straordinarie per le mostre a cura della biblioteca civica Angelo Mai e della GAMeC: le Carceri d’invenzione di Giovanni Battista Piranesi, 16 incisioni settecentesche di grande suggestione nell’Atrio scamozziano, e l’installazione del celebre artista brasiliano Ernesto Neto a Palazzo della Ragione, tra ecologia, ritualismo e spiritualità. Tanti i luoghi che si aprono a cittadini e curiosi anche Palazzo Frizzoni, il museo della Cattedrale, la Basilica di Santa Maria Maggiore, il museo delle storie con il Campanone e Astino.