Cultura
Memoria

Seriate, il coraggio di rinascere ascoltando “Il suono dei pensieri”

Domenica 19 settembre la biblioteca di Seriate accoglierà un viaggio tra parole, musica e danza ricordando il Covid

Seriate, il coraggio di rinascere ascoltando “Il suono dei pensieri”
Cultura Seriate, 17 Settembre 2021 ore 03:25

È trascorso un anno che ha fatto e fa storia. Un anno scandito dal Covid-19, da silenzi, solitudini, dolori, paure e riscoperte, ma anche speranze. Il 2020 ci ha costretti a fermarci, a guardarci dentro, a pensare e lasciare tracce di noi. Queste tracce saranno svelate domenica 19 settembre con “Il suono dei pensieri”, anticipato da una settimana di eventi. Progetto culturale promosso dall’Amministrazione comunale di Seriate, in collaborazione con TeatroSeRaglio e O’Cipher e con la direzione artistica di Franco Resta, il progetto ha raccolto le testimonianze di diversi seriatesi e le ha rielaborate sotto forme artistiche diverse per mantenere sì vivi i ricordi sulla pandemia ma soprattutto per esorcizzarli e rinascere. Frammenti di memoria saranno restituiti attraverso un viaggio tra teatro, danza, musica e video da farsi negli spazi della biblioteca.

Domenica l’inaugurazione della manifestazione sarà alle 10 e la giornata si svilupperà seguendo in contemporanea due itinerari: gli spettacoli dal vivo, a cui si potrà accedere solo su prenotazione (www.comune.seriate.bg.it), e la visione di videointerviste, mostre e installazioni ad accesso libero. A collegare il tutto saranno le bianche figure di Silence Teatro che «come angeli del cielo» si muoveranno interagendo con l’ambiente e le persone. A chiudere il viaggio la performance a cura di O’Cipher Company: “Kintsugi - sul coraggio della fragilità”. La tecnica del kintsugi, sviluppata in Giappone a partire dal 1600, consiste nell’utilizzare polvere d’oro per riunire i pezzi di un oggetto di ceramica rotto, rendendolo così un’opera d’arte unica ed evidenziandone le crepe anziché nasconderle.

Tra gli appuntamenti collaterali, stasera alle 20.30 nell’oratorio San Giovanni Bosco, in replica sabato 18 al le 20.45 al Cineteatro Gavazzeni, «E-Motus - Chi vuol muovere il mondo, prima muova se stesso», performance di teatrodanza, con coreografie curate da Chiara Crovetto e Alessia Nava e interpretate da alcuni allievi di Oc Hip Hop School, che vuole dare corpo a una serie di testi nati, durante il 2020, dalle esigenze espressive di alcuni seriatesi. Mercoledì 22 alle 20.45 infine, al cineteatro Gavazzeni, presentazione del libro e proiezione del film “Ritorno in apnea”, alla presenza dell’autrice e regista Anna Selini.