la dedica

Un omaggio alla Valcavallina. Il video del sindaco di Spinone

Simone Scaburri ha voluto regalare alla sua valle un prodotto realizzato con il suo staff professionale

25 Maggio 2020 ore 10:19

Un omaggio alla Valcavallina. Lo ha realizzato con un video il sindaco di Spinone, Simone Scaburri, che ha collezionato una sequenza di splendide immagini per raccontare la bellezza di questa valle. Un volo radente che dal lago di Endine si alza verso le pendici dei monti che lo circondano, citando storia, arte, cultura e architettura. Anche la colonna sonora è autoctona: Valcavallina doc; un testo della poetessa Anna Rudelli di Casazza, Un’Ave Maria in dialetto, cantata da quel coro divenuto così famoso per le sue eccezionali prestazioni, i Piccoli Musici, diretti dal maestro Mario Mora. È come cogliere fior da fiore. Il testo e le immagini del  video sono dello staff di Whit Hub, lo studio professionale di Simone Scaburri, che così lo presenta: «Un solo invito, anzi no… una raccomandazione. Se desiderate vedere questo video, prendetevi 6 minuti, il giusto tempo e il giusto volume. Per una volta dimentichiamo i ritmi dei social e dei video a cambi serrati. Un piccolo omaggio… personale… che ho voluto realizzare per i luoghi dove sono nato, ma che in 40 anni ho solo iniziato a scoprire. Il testo, la poesia, è di Anna Rudelli, la musica del compianto Maestro Riccardo Giavina, le voci stupende del coro di voci bianche de I Piccoli Musici di Casazza diretti dal Maestro Mario Mora. La magia è solo grazie a questo territorio magico. A te… ValCavallina». Una dichiarazione d’amore per il proprio territorio.

Il testo poetico di Anna Rudelli è il seguente:
L’Ave Maria
Ol còl a l’ s’è ìndoràt d’ü bèl tramónt:
do campanine i dis l’Ave Maria;
sö i tècc d’i cése intàt a l’ se confónd
ol cipetà di osèi in armonia.
Ol campanér l’è strach e töt südàt;
l’ se süga zó d’ la frónt ol so südùr
e l’ pènsa “Sentiràl töt ol Creàt
l‘ bisògn de ringrassià l‘, so Creatùr?”
Pò ü ròs de oselì l’isfrìsa i tècc
Come se l’ gh’ès lesìt ol so pensér,
i cipa töcc festùs e i par contécc
che l’sune ch’i campane ol campanér.
L’è chèl “din don” ol nòst ringrassiamènt
Insèma a chèl cipà ‘n del firmamènt.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia