Economia
Sponsorizzato

Dati aggiornati sul Covid-19 in Italia

C'è ancora molta incertezza in alcuni settori. Non si tratta solo di salute, che sembra essere la parte ovvia, ma anche di economia

Dati aggiornati sul Covid-19 in Italia
Economia 09 Dicembre 2021 ore 07:30

A quasi due anni dall'inizio della pandemia di Covid-19, c'è ancora molta incertezza in alcuni settori. Non si tratta solo di salute, che sembra essere la parte ovvia, ma anche di economia e molte altre cose. Anche se sembra incredibile, la pandemia ha colpito anche l'istruzione, dal momento che i processi scolastici sono stati interrotti così come molte altre cose.

In realtà, l'impatto della pandemia è così grande che ci sono anche movimenti economici o fenomeni in generale che si verificano grazie ad essa. Un esempio è il numero di italiani che hanno deciso di investire in attività digitali come Amazon azioni, tra le altre.

Anche la verità è che molte aziende hanno dovuto reinventarsi e diversificare la propria offerta per sopravvivere alla pandemia e alle misure adottate dai governi. Perché una cosa molto certa è che gran parte dei problemi della pandemia non sono dovuti alla malattia in quanto tale ma alle misure adottate per prevenire l'infezione e la diffusione del virus.

Cosa aspettarsi per il 2022?

Generalmente si prevede che entro il 2022 molte cose saranno migliorate. Tuttavia, va notato che in Italia sono stati appena registrati 12.932 nuovi casi di Covid-19, il che ovviamente desta molti allarmi. Questo tipo di ripresa del virus mostra una prospettiva non molto incoraggiante per il futuro, almeno nell'immediato, come il 2022, un anno che sta per iniziare.

Ci sono dati dal portale web Lab 24 che suggeriscono che sebbene ci siano molti più infetti del previsto, sembra che questa volta il virus non sia almeno così pericoloso come lo era nel 2020 quando c'erano così tanti decessi per questa malattia.

Secondo queste cifre, solo il 2,2% dei casi si è concluso con esito fatale. Più del 33% si evolve immediatamente positivamente e molti di loro sono asintomatici. Va detto che c'è un numero considerevole di questi casi del 22% che sono entrati in terapia intensiva, ma dopo di che evolvono solitamente positivamente, poiché come si può vedere, poco più del 2% dei casi è finito in morte del paziente.

Non che sia incoraggiante parlare di tanti decessi quando quel 2,2% è tratto da un campione di quasi 13.000 persone. Tuttavia, c'è molto da dire in positivo se si confronta tutto questo con quanto accaduto nel 2020.

Entro il 2021 tutto è andato molto meglio, sia in termini di salute che di economia. Non va dimenticato che tra le misure adottate dal governo era vietata la libera circolazione e quindi molte imprese hanno dovuto chiudere i battenti a tempo indeterminato e quindi tutto è stato molto complicato.

C'erano molte aziende che semplicemente sono morte con la pandemia, per lo più locali e stabilimenti che affollavano le persone, come ristoranti, discoteche e altri. A più di un anno dall'inizio della pandemia, tutto sembra in graduale miglioramento, ma questo rimbalzo del virus fa pensare che la vittoria non sia ancora da rivendicare. Tutto questo nonostante i vaccini e i tanti provvedimenti presi dai governi, non solo in Italia ma in tutto il mondo.