Gli invisibili della crisi

Mense scolastiche, in mille senza stipendio. E la ripresa di settembre preoccupa

Fisascat Cisl: «Forme di sostegno specifiche per il settore»

Mense scolastiche, in mille senza stipendio. E la ripresa di settembre preoccupa
Bergamo, 08 Maggio 2020 ore 08:30

Sono più di mille, e sono tra gli invisibili dell’emergenza occupazionale successiva al Coronavirus. Sono i lavoratori e le lavoratrici (la maggioranza) delle mense scolastiche, dallo scorso febbraio lasciate senza lavoro e senza stipendio, da allora in attesa del Fis, il Fondo d’integrazione salariale. Ne parla un comunicato stampa diffuso dalla Cisl provinciale. «Sono lavoratrici già contrattualmente deboli in partenza – racconta Luca Bottani di Fisascat Cisl Bergamo: quasi tutte vengono sospese dal lavoro a fine anno scolastico o per le chiusure festive e riassunte alla ripartenza. Tanti addetti al servizio mensa hanno contratti verticali da 15 ore settimanali, per soli nove mesi l’anno. Oggi, i ritardi nell’erogazione del sostegno al reddito previsto per la categoria e di competenza dell’Inps stanno lasciando molte famiglie sul lastrico».

L’autunno preoccupa. Adesso, inoltre, inizia a farsi forte la preoccupazione per quanto accadrà a settembre. «L’ingresso a scuola scaglionato e contingentato, come ipotizzato dal Ministero, comporterà giocoforza ricadute negative anche sul servizio mensa e sul numero di addetti necessario, e di conseguenza anche sulle aziende, molte delle quali con sede sul territorio bergamasco. I redditi che percepiscono soprattutto le lavoratrici sono molto bassi. Il Fis non prevede la maturazione dei ratei di tredicesima e quattordicesima. Questo non permette alle lavoratrici di crearsi quel piccolo “salvadanaio” per sopravvivere anche nei mesi estivi in cui non si percepisce lo stipendio». «Crediamo – conclude Claudia Belotti di Fisascat Cisl Bergamo –  che debbano essere individuate ad ogni livello forme di sostegno specifico sia per i lavoratori che per le aziende che vivono prevalentemente dell’attività di questo settore».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia