Economia
Buona notizia

Pos, nuova convenzione Ascom-Bper a condizioni vantaggiose

I titolari degli esercizi commerciali avranno installazione gratuita e canone zero per sei mesi, dopo mensilità variabile a seconda delle transazioni, da 0 a 14,60 euro

Pos, nuova convenzione Ascom-Bper a condizioni vantaggiose
Economia Bergamo, 28 Giugno 2022 ore 14:02

In vista dell’imminente entrata in vigore, il 30 giugno, delle sanzioni in caso di mancata accettazione dei pagamenti elettronici di qualsiasi importo, Ascom Confcommercio Bergamo ha stipulato una convenzione con Banca Bper.

«Considerato che è ancora ampia la fascia delle imprese che non si è dotata di un sistema di incasso elettronico, abbiamo stretto con una delle banche fortemente radicate sul territorio una convenzione specifica pensata appositamente per loro – ha spiegato Giovanni Zambonelli, presidente di Ascom Confcommercio Bergamo –. Le condizioni sono molto interessanti anche per le imprese che avranno bassi incassi con i pagamenti elettronici e poche transazioni».

L’accordo è riservato ai soci Ascom che non abbiano ancora introdotto il Pos all’interno della loro attività imprenditoriale e prevede installazione gratuita, sei mesi di canone gratuito e a seguire un costo mensile che va dai 14,60 euro alla gratuità, a seconda delle transazioni fatte in un mese. Le commissioni applicate vanno dallo 0,70 per cento per i Pagobancomat, all’ 1,05 per cento per Visa, all’1,10  per cento per Mastercard. La tipologia di Pos è un Gprs C-less Car Dati Cliente.

«È con grande soddisfazione che avviamo con Ascom Confcommercio Bergamo una collaborazione che offrirà alle realtà associate l'opportunità di sottoscrivere un servizio ormai indispensabile nell'attuale mondo del lavoro- ha commentato Luca Gotti, direttore territoriale Lombardia Ovest di Bper Banca-. Grazie a quest'offerta, infatti, gli imprenditori associati potranno sottoscrivere, a condizioni vantaggiose, il servizio Pos Gprs. Bper Banca conferma così il suo impegno a fianco delle associazioni di categoria, delle realtà produttive e dei lavoratori nei territori presidiati».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter