Stasera inizia la 65esima edizione

10 canzoni flop di Sanremo diventate grandi successi italiani

10 canzoni flop di Sanremo diventate grandi successi italiani
11 Febbraio 2015 ore 09:15

Questa sera, 10 febbraio, parte la 65esima edizione del Festival di Sanremo e, alla sua prima volta sul palco dell’Ariston, troveremo Carlo Conti, affiancato da Emma Marrone, Arisa e Rocio Muñoz Morales. Il Festival, anche se anno dopo anno continua a perder l’interesse che riscuoteva solo una decina di anni fa, rappresenta (o comunque cerca di essere) ancora uno dei principali eventi mediatici italiani, visto che proprio su quel palco dovrebbe andare in scena il meglio che la musica italiana può offrire in questo momento. Nella prima serata si esibiranno dieci cantanti della categoria campioni, più quattro cantanti delle giovani proposte. Naturalmente non mancheranno anche gli ospiti importanti. Per esempio, sempre durante la prima serata ritorneranno a esibirsi insieme Al Bano e Romina, che canteranno Felicità, Cara Terra mia, mentre le giovanissime del pubblico attenderanno con trepidazione la performance di Tiziano Ferro. Dall’estero arrivano invece gli Imagine Dragons, band di Las Vegas che presenterà il nuovo album Smoke + Mirrors, la cui uscita è prevista per il 17 febbraio.

Gli artisti in gara. Sembra che quest’anno, più che puntare su improvvise rivelazioni, gli autori del programma abbiano scelto cantanti popolari, la cui bravura e fama è già stata riconosciuta e apprezzata da molto tempo. Tra i nomi più noti ci sono Nek (con Fatti avanti amore), Marco Masini (con Che giorno è), Alex Britti (con Un attimo importante), Raf (con Come una favola), Anna Tatangelo (con Libera) e Irene Grandi (con Un vento senza nome). Parteciperanno anche cantanti giovani ma noti ai più: Annalisa, Malika Ayane, Chiara, Nina Zilli, Deal Jack, Lorenzo Fragola, Lara Fabian, Nesli, Deal Jack, Moreno e Bianca Atzei. C’è molta attesa nei confronti del gruppo Il Volo, che si esibirà con la canzone Grande Amore. Infine, si è curiosi di vedere come si comporteranno sul palco dell’Ariston gli attori del film I soliti idioti Biccio e Mandelli che canteranno il brano dal titolo Vita d’inferno, oltre che il duo composto da Grazia Di Michele e Mauro Coruzzi (in arte, Platinette).

 

 

Le polemiche. Oltre alla musica, il Festival di Saremo, si porta sempre dietro un sacco di polemiche. Nel 2012 una rabbiosa e lunghissima predica di Adriano Celentano aveva scombussolato il quieto vivere della kermesse, spostando i riflettori dello spettacolo dalla musica alla politica. Nel 2013, invece, c’erano le elezioni politiche e molti giornali si chiesero quanto il Festival avrebbe influito sul voto finale, vista anche la scelta di mettere in scaletta l’esibizione del comico Maurizio Crozza. L’anno scorso, infine, ci fu la famosa marcia di Grillo. Viene naturale da chiedersi: «E quest’anno?» Quest’anno, invece, il clima è totalmente diverso. O almeno sembra tale. Dopo le polemiche politiche degli ultimi anni, quest’edizione sarà «senza perturbazioni», così ha garantito il direttore di Rai1 Giancarlo Leone.

Ma negli anni, oltre alle bufere attorno ai cachè e agli interventi più o meno politici di alcuni ospiti, sono sempre state tante le accuse mosse anche al mondo della musica. Lo spettro del plagio si è sempre aggirato minaccioso nei confronti delle canzoni in gara, e poi, ogni anno, puntuali come un orologio svizzero, scoppiano le polemiche attorno alla canzone premiata. Si tratta di una questione che da sempre ha fatto molto discutere, soprattutto dopo che alcuni artisti hanno rivelato che la scelta del vincitore è direttamente connessa agli interessi economici delle varie etichette discografiche che producono gli album degli artisti in gara. I casi cosiddetti “sospetti” sono stati tanti ma non entreremo qui nel merito della questione. Piuttosto, abbiamo scelto di riproporvi dieci canzoni che al loro debutto sul palco dell’Ariston non hanno incontrato il successo sperato, ma che poi con il tempo sono diventati veri e propri must della musica italiana.

 

1) Ciao Amore Ciao (1968) – Luigi Tenco – Non classificato

 

 2) Un’avventura (1969) – Lucio Battisti – 9° posto

 

 3) 4 marzo 1943 (1970) – Lucio Dalla – 3° posto

 

 4) Piazza Grande (1972) – Lucio Dalla – 8°posto

 

 5) Gianna (1978) – Rino Gaetano – 3° posto

 

 6) Vita Spericolata (1983) – Vasco Rossi (1983) – 25° posto

 

7) Donne (1985) – Zucchero – 21° posto

 

 8) Con te partirò (1995) – Andrea Bocelli – 4° posto

 

 9) Tutti i miei sbagli (2000) – Subsonica – 11°posto

 

 10) L’assenzio (2001) – Bluvertigo – 16° posto

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia