Tra un tweet e uno scatto

Atalanta Social Club #5 La settimana nerazzurra sui social

Atalanta Social Club #5 La settimana nerazzurra sui social
18 Aprile 2015 ore 16:16

Bentornati all’Atalanta Social Club, il nostro abituale appuntamento del sabato in cui riviviamo la settimana appena trascorsa in tinte rigorosamente nerazzurre, tra foto e pensieri dei protagonisti e, soprattutto, di voi tifosi, veri protagonisti di questo spazio. Finalmente, dopo tanta sofferenza, la tifoseria atalantina ha vissuto una settimana di pace: i tre punti ottenuti contro il Sassuolo domenica scorsa e i 7 punti di vantaggio sulla terzultima hanno dato una sensazione di pace che, a Bergamo, non si viveva da (troppo) tempo. Merito non solo della doppietta del Tanque Denis, ma anche della carica e del supporto che il pubblico ha saputo dare alla squadra. Bando alla ciance, iniziamo il nostro tour virtuale nei sette giorni nerazzurri. Come sempre la parola d’ordine è solo una: #ForzaAtalanta.

 

Denis, vero capitano

La partita contro il Sassuolo di sei giorni fa è stata la partita di German Gustavo Denis, il Tanque, il Capitano. Dopo tante critiche, l’attaccante argentino ha ritrovato la via del gol. Una doppietta che lo porta a quota 50 realizzazioni in maglia nerazzurra e che lega per sempre il suo nome a quello della Dea (come se ce ne fosse ancora bisogno). Il primo gol, in particolare, rimarrà per sempre nella memoria atalantina: una rovesciata spettacolare, a coronamento di un’azione pirotecnica, in velocità, con tacco del Ciga e assist di testa di Maxi. Insomma, un gol da incorniciare. E che sarebbe stata una domenica speciale, Denis già se lo sentiva. Lo dimostra il messaggio postato su Instagram prima del match, in cui ringraziava i tifosi per il supporto del sabato e prometteva cuore, grinta e tre punti. Parole da vero capitano.

 

Pinilla in cerca di occupazione

Chi non ha potuto essere in campo contro il Sassuolo è stato invece Mauricio Pinilla. L’attaccante cileno, dopo aver fatto sognare Bergamo con un’altra rovesciata pazzesca contro il Torino, s’è preso tre giornate di squalifica per un calcione rifilato a un avversario. E così è stato costretto a soffrire dagli spalti, mentre i compagni in campo lottavano su ogni pallone:  

A photo posted by Mauricio Pinilla (@pinigol9) on


Lontano dal campo, però, Pinilla non riesce proprio a starci. O meglio, per un guerriero come lui è una sofferenza non poter essere sul terreno di gioco a lottare con i compagni. Dev’essere per questo che, in assenza di partite, ha deciso di trovarsi una nuova occupazione. Quale? Ufficio oggetti smarriti:

  E non solo: essendo un bel ragazzo (come confermano tante appassionate del pallone, atalantine e non), anche il modello è un mestiere che fa al caso suo. E la Umbro se l’è aggiudicato come volto per i propri prodotti. Bravo Pinigol, ma noi ti preferiamo in campo, a farci sognare. Chi lo sa, magari in coppia con il Tanque.  

 

Tanti auguri, piccolo Emanuelson

Urby Emanuelson, dopo un avvio di 2015 in cui aveva fatto ben sperare i tifosi nerazzurri, s’è un po’ spento. Le sue prestazioni sono calate, probabilmente anche a causa dello scarso minutaggio avuto nei mesi precedenti tra Milan e Roma. A Bergamo, però, l’esterno olandese s’è subito ambientato. E tutti noi vogliamo augurare un buon compleanno di cuore a suo figlio, il piccolo Emanuelson, che ha compiuto 4 anni in settimana.

A photo posted by Urby Emanuelson (@urby28) on

 

Willy Stendardo tra Dea, Dio e… Napoli

Oramai ci siamo abituati: Willy Stendardo dal suo profilo Twitter regala con regolarità vere perle di saggezza. Domenica scorsa, però, anche un uomo dai pensieri elevati come lui non ha potuto restare impassibile davanti alla bellissima vittoria della Dea. E così ha voluto ringraziare di cuore tutti i tifosi che hanno supportato la squadra, anche nei momenti più difficili. Senza dimenticare, naturalmente, Denis, i cui gol hanno portato a Bergamo i tre punti.  

 

Ma Stendardo è un ragazzo che vive il calcio con intelligenza. Sa che la vita va ben oltre un pallone che rotola su di un prato. È, ad esempio, un ragazzo molto religioso. E su Twitter non ha mancato di far sapere la sua vicinanza al Papa in seguito alle sue parole sul genocidio degli armeni in Turchia e, soprattutto, dopo le accuse arrivate da Ankara:

 

Per quanto Stendardo, a Bergamo, sia oramai di casa, le sue radici son ben piantate a Napoli, sua città d’origine. E sempre su Twitter, il difensore atalantino ha voluto ricordarcelo, postando una foto di lui in compagnia dell’apprezzato scrittore partenopeo Luciano De Crescenzo. Ornata, come d’abitudine, da una frase filosofeggiante in pieno “Stendardo style”.

 

Frezzolini, l’uomo in più

Spesso, parlando e scrivendo di Atalanta, vi abbiamo raccontato che prima di una squadra, lo spogliatoio della Dea è un bellissimo gruppo di ragazzi e uomini. La dimostrazione vivente di tutto ciò è certamente Giorgio Frezzolini: terzo portiere della squadra, lui, il campo, non lo vede praticamente mai. Eppure, ogni domenica, soffre dalla panchina, incita i compagnia, e in settimana si fa un mazzo così per dare l’esempio ai compagni più giovani e meno disciplinati. E Frezzolini, attraverso il suo canale Instagram, ha voluto ringraziare i tifosi per l’apporto dato alla squadra in settimana e durante il match contro il Sassuolo. Un grande cuore nerazzurro, l’uomo in più della Dea.  

Risposto alla grande…grande squadra …grande gruppo!!! A photo posted by Giorgio Frezzolini (@giofrez900) on


Se vi state chiedendo come Giorgio abbia festeggiato la vittoria, beh, ci ha pensato lui a dirvelo: con una bella cena in compagnia del compagno e amico Rolando Bianchi.

 

Ciga e il ricordo del Moro

Prima di passare ai post di voi tifosi, era doveroso ricordare che, in settimana, ricorreva l’anniversario della morte di Piermario Morosini. Un ragazzo morto mentre faceva la cosa che più amava, giocare a pallone, e che a Bergamo e nall’Atalanta aveva iniziato anni fa la rincorsa verso il suo sogno. A ricordarlo, oltre alle sentite parole del nostro direttore editoriale Xavier Jacobelli, ci ha pensato Luca Cigarini, che sul suo profilo Instagram ha pubblicato una foto del Moro. Ciao Piermario, e tifa Dea da lassù.  

❤️ A photo posted by Luca Cigarini (@21ciga21) on

 

Il dodicesimo uomo

Ma eccoci finalmente giunti allo spazio che più ci piace e che speriamo piaccia anche a voi, ovvero quello dedicato ai commenti e alle foto che voi tifosi avete liberato nel web. Tutti, rigorosamente, #ForzaAtalanta.

Happy ☀️day! #ForzaAtalanta

A photo posted by Francesca Gamba (@fraagamba) on

A photo posted by Gianpi (@76gianpi76) on

A photo posted by Andrea Zanchi (@andre.za) on

A photo posted by luca citerio (@lucacite) on

Che cuore ❤ #maisola#ados#ForzaAtalanta#avanticosi

A photo posted by Nicola Capelli (@ilnicoladiclanezzo) on

A photo posted by @iltanquenick on

A photo posted by Massimo Gotti (@massimo_gotti) on

#esultanza #atalantasassuolo #forzaatalanta #regalo #compleanno #germandenis

A photo posted by Riccardo Garavelli (@riccardogara99) on

A photo posted by BubPuraVida (@bubpuravida) on

A photo posted by Filippo Gaspani (@gaspa33) on

#curvanord #tifosi #sciarpata #atalanta #amore #curvapisani #atalantafolleamorenostro

A photo posted by Ⓜ️marco ceresciol (@marco_ceres) on

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia