I DETTAGLI DI UNA SVOLTA A 180°

La Gazzetta inverte la rotta E ora tornano le parole

La Gazzetta inverte la rotta E ora tornano le parole
17 Novembre 2014 ore 09:40

Il più importante quotidiano sportivo italiano cambia, dentro e fuori. Fuori si aggiornano grafica e organizzazione dei contenuti. Andrea Monti, il direttore, ha spiegato che la nuova impaginazione è «più rigorosa ed essenziale», con meno «orpelli ed effetti speciali». Dentro si ampliano e arricchiscono i contenuti: sull’editoriale del 17 novembre, il direttore scrive che «La nuova Gazzetta si sforza di valorizzare l’esclusiva, l’opinione forte, il racconto, l’approfondimento tecnico, il personaggio […] vogliamo invitarvi a trascorrere più tempo in compagnia delle vostre e nostre passioni». Ci sarà dunque più spazio per analisi, approfondimenti e opinioni. Tutto questo nel primo numero si vede già. Sembra che sulla Gazzetta siano tornate le parole.

Si tratta di una svolta a 180 gradi dopo anni nei quali, in tutti i giornali, la tendenza era quella di ridurre la parte scritta in favore di infografiche, titoloni a effetto e grandi immagini. Oggi la parola d’ordine nelle redazioni non è più far leggere in fretta i giornali “perché non c’è tempo”, ma offrire qualcosa di interessante. Il tempo della lettura è ritornato.

Il progetto di restyling è stato curato da Cases i Associats – Sol361, azienda spagnola leader del settore, che – tra gli altri – aveva già ha ridisegnato il sito Gazzetta.it e nel 2010 la versione cartacea del principale quotidiano orobico, l’Eco di Bergamo. Sulla nuova Gazzetta spicca in massiccio il font Tablet Gothic, utilizzato per i titoli e i sommari interni.

Scrive Monti nell’editoriale di presentazione della nuova veste:

Questo giornale ha quasi 120 anni e li porta benissimo perché ha saputo evolvere nel tempo insieme ai suoi lettori: fra web, video, social network, settimanale, dvd, libri e prossimamente un canale tv, siamo diventati un sistema multimediale di successo. Ma il mondo della comunicazione è cambiato negli ultimi cinque anni più che nei precedenti centotredici della nostra avventura. Fortuna vuole che la qualità migliore della Gazzetta non sia la resistenza bensì la “resilienza”, termine che la scienza usa per definire materiali o specie animali che sanno reagire al mutamento… Per il giornale di carta (…) il discorso è semplice e brutale: in prospettiva, nessuno comprerà più un quotidiano per conoscere il risultato di una partita che ha già visto, ma spenderà il necessario per sapere come l’ha vista, analizzata e giudicata un giornalista credibile e competente.

E aggiunge: «Il compito di un giornale nell’era digitale non è più soltanto spiegare che cosa è successo ma perché è successo (…) e aggiunge pagine di “contenuto premium” come si dice oggi – in soldoni, cose che non trovate altrove, in tv o sul web».

 

prima_pagina_grande

Prima pagina della nuova Gazzetta, lunedì 17 novembre

 

Il rinnovamento del quotidiano sportivo vuole arginare la perdita di copie in edicola: al settembre del 2013 il totale di copie vendute, a livello cartaceo e digitale, toccava le 280,881 unità; a settembre di quest’anno le copie sono arrivate a 251,149, segnando una perdita del -10.6%. A giugno di quest’anno, la tiratura raggiungeva le 363.360 unità, con una diffusione cartacea effettiva di 253.405 copie. Il primo numero di questa nuova versione esce oggi in edicola con una tiratura speciale di un milione di copie.

Nelle ultime settimane, per preparare il lancio della nuova veste del quotidiano in rosa, sui marciaipiedi di Milano erano comparse alcune prime pagine storiche realizzate con una speciale vernice allo yogurt e alcuni stencil in lamiera. Oggi, lunedì 17 novembre, si è tenuta una festa nella sede di Milano in via Solferino 28 con dirigenti e atleti sportivi, tra cui Francesco Totti, Javier Zanetti, Éric Abidal, Paolo Maldini, Gianfranco Zola e Michel Platini. La celebrazione – chiamata “Gazzetta Day” – comprende molte attività promozionali, come l’assegnazione del premio “il Bello del Calcio Giacinto Facchetti 2014″, vinto da Totti, e dalle 15 ha aperto le porte ai lettori che vorranno visitare la redazione. Ce ne sarà per tutti i gusti, sportivamente parlando: Vittorio Brumotti, Dan Peterson, Nicolò Melli, Gianmarco Pozzecco, Elisa Di Francisca, Cristian Zorzi e Francesca Schiavone, tra gli altri, saranno presenti in redazione. La festa si chiuderà con un cocktail, su invito, con Alex Zanardi e Federica Pellegrini.

4 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia