I messaggi di cordoglio

L’addio a Gigi Parma sui social

L’addio a Gigi Parma sui social
07 Aprile 2015 ore 07:30

Gigi Parma è morto a 48 anni in seguito all’esplosione, avvenuta alle 4.30 del 7 aprile, del Maguire’s Pub. Il locale era chiuso e Parma si trovava solo al suo interno. Il perché è ancora un mistero: la sera prima, infatti, aveva chiuso lui la saracinesca, come d’abitudine, ed era tornato a casa. Nella notte, però, aveva fatto misteriosamente ritorno al pub. Gli inquirenti hanno sequestrato il locale per compiere tutti gli accertamenti dovuti e non viene esclusa nessuna pista (tutti le novità sul caso le trovate QUI, costantemente aggiornate).

Gigi Parma, a Bergamo, non era un esercente qualunque. Era sì il titolare del Maguire’s Pub, ma era soprattutto un cittadino attivo, sempre pronto a mettersi in gioco per aiutare la sua (e nostra) città a crescere e diventare migliore. Lo dimostra l’impegno come segretario dell’associazione Rete Impresa a Bergamo e le iniziative che aveva avviato per rendere più sicura e vivibile la città. A febbraio era intervenuto per sedare una rissa tra sudamericani proprio nella via del suo locale, via Previtali, una zona di Bergamo purtroppo spesso alle attenzioni della cronaca e che Parma voleva invece rendere migliore. «Abbiamo lavorato 15 lunghi anni affinché la zona tornasse vivibile e sicura, con l’armonia tra chi qui abita e qui lavora – disse Parma in quell’occasione -. Nessuno vuole tornare al passato per colpa di comportamenti scorretti di singoli». Parma era noto non solo per il suo Maguire’s Pub, ma anche perché prima di aprire questo locale aveva gestito per diversi anni, insieme alla moglie, il Papageno pub sulla Corsarola, e proprio in Città Alta risiedeva.

Non stupisce quindi che l’intera città sia sotto choc. Il Maguire’s era un punto fermo della Bergamo notturna, rinomato per la cordialità di Parma e l’ottima qualità dei suoi prodotti, a partire dalle birre. Tra gli avventori del suo locale non c’erano solo giovani, ma anche giornalisti e politici. Tra i primi ad accorrere sul luogo della strage anche l’onorevole Antonio Misani, amico di lunga data di Parma. Ma è sui social che si sono mossi in tanti per ricordare, a loro modo, con una foto o un pensiero, quell’omone così entusiasta e sempre sorridente. Ecco i messaggi che sono stati postati sulla pagina Facebook del Maguire’s Pub. Alcuni toccanti, altri nostalgici, ma tutti con un unico messaggio: ci mancherai Gigi.

 

gigi11

 

gigi13

 

gigi12

 

gigi 1

 

gigi 2

 

gigi 3

 

gigi 4

 

gigi 5

 

gigi 6

 

gigi 7

 

gigi 8

 

gigi 9

 

gigi 10

 

Anche su Twitter non sono mancati i messaggi di cordoglio, anche se con i cinguettii è circolata soprattutto la notizia dell’esplosione e delle indagini della procura bergamasca.

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia