Online dal 28 giugno 2014

La libreria dei libri scomparsi

La libreria dei libri scomparsi
03 Luglio 2014 ore 17:10

È online dal 28 giugno il sito Libreria degli Scrittori dove vengono riproposte opere sparite dal mercato, in base alla scelta di alcuni selezionati scrittori. L’obiettivo è quello di dare una seconda chance a libri meritevoli di attenzione, ma soffocati dal caotico mercato dell’editoria italiana.
Sono pochi i libri che hanno la fortuna di rimanere sugli scaffali delle librerie a lungo, perché non tutti nascono come bestseller annunciati e ancora meno lo diventano realmente. È partendo da questo semplice dato di fatto che è nata la Libreria degli Scrittori, lo spazio digitale che ridà visibilità a quelle opere messe da parte troppo in fretta dall’editoria italiana e che non sono riuscite a fare breccia nel cuore (e nei carrelli della spesa) dei lettori. L’idea è stata realizzata dalla casa editrice digitale Bookrepublic e dall’agenzia letteraria Grande & Associati, che venderanno i libri sia in formato cartaceo che digitale (ebook).

 

Untitled

 

Perché un libro scompare dal mercato. I motivi per cui un libro sparisce dal mercato sono diversi: è finito fuori catalogo, è stato esaurito, i diritti della casa editrice sono scaduti. In molti casi il prodotto è di qualità, ma viene soffocato dalla mole di pubblicazioni messe in vendita dalle case editrici italiane. Si stima che, ogni anno, vengano pubblicati più di 65mila libri a fronte di una popolazione italiana che presenta una percentuale di lettori attorno al 40 percento, la stessa dal 1998. Ignorando ogni legge di buonsenso commerciale e nonostante lo stallo del mercato, l’editoria italiana continua a pubblicare l’impressionante media di oltre 175 libri al giorno. Questi numeri vanno a svantaggio dei prodotti di miglior qualità e a vantaggio invece di opere meglio pubblicizzate o firmate dai vip.

Le chicche sugli scaffali della Libreria degli Scrittori. I titoli che i consumatori troveranno sugli scaffali digitali della Libreria degli Scrittori sono tutti scelti e consigliati da chi il mestiere lo conosce, ovvero da altri scrittori, tra cui Ginevra Bompiani, apprezzata scrittrice, traduttrice e saggista, e Giuseppe Genna, poeta e scrittore milanese. I protagonisti della letteratura italiana diventano così attenti librai, quanto mai necessari in un panorama che dovrebbe andare ben oltre la classifica dei libri più venduti. Altissima la qualità: le pubblicazioni si avvalgono della cura degli stessi autori (o dei loro eredi) e di una redazione attentissima.

8 foto Sfoglia la gallery

I primi titoli scelti (quelli attualmente disponibili) sono stati: Stecchini da denti di Aldo Buzzi (1995), Fermati un minuto a salutare di Chiara Valerio (2007), Esordio e raggiri da Camerati. Quattro novelle sul diventare grandi di Antonio Franchini (1992),  Soldati del 1956 di Eraldo Affinati (1993) e Il grande seduto di Giacoma Limentani (1979). Fra gli autori di prossima pubblicazione invece troviamo: Gianni Farinetti, Gina Lagorio, Franco Cordelli, Giorgio Capitani, Chicca Gagliardi, Luigi Garlando, Alessandro Zaccuri, Fabio Geda, Laura Bosio, Marco Bacci, Leonardo Colombati, Patrizia Carrano, Ippolito Pizzetti, Marco Weiss.

Il nome è quello di una rivoluzione. Il nome dell’iniziativa prende ispirazione dall’attività di un gruppo di intellettuali russi che, tra il 1918 ed il 1922, durante la Rivoluzione d’Ottobre, decise di offrire visibilità alla moltitudine di testi che, tra censura di Stato e disinteresse della popolazione, passava inosservata. Aprirono così a Mosca la Libreria degli Scrittori, un luogo che divenne presto di culto per gli appassionati lettori russi. Seppur in tempi e condizioni politiche diverse, la vetrina digitale inaugurata il 28 giugno ha lo stesso obiettivo: dare nuova vita a opere meritevoli passate inosservate sugli scaffali di migliaia di librerie italiane.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia