Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (22-28 luglio 2018)

Notizie su Bergamo e provincia (22-28 luglio 2018)
Eventi 28 Luglio 2018 ore 09:00

28 LUGLIO

 

1 – La mamma di Prezzate morta in piscina: il dolore del paese

L’ha ritrovata la madre, mentre era già in stato di incoscienza. Purtroppo non c’è stato niente da fare: Maria Pilar, 44 anni, infermiera al Policlinico di Ponte San Pietro nel reparto di Ortopedia e Traumatologia, moglie e madre di tre figli adolescenti, è morta, probabilmente per un malore improvviso, nella piscina montata nel giardino della sua abitazione a Prezzate di Mapello, dove si era immersa prima delle sette di mattina. Il paese si stringe attorno al dolore del marito Luca Caccia, dei tre figli e di tutti i suoi cari. Giovedì sera il parroco della frazione don Elio Artifoni ha guidato un partecipato momento di preghiera. Il funerale si terrà nei primi giorni della prossima settimana quando, dopo l’autopsia di lunedì, il Pubblico ministero avrà autorizzato la sepoltura.

2 – Dimesso dal pronto soccorso, muore dopo 13 ore

Paolo Todeschini, 46 anni, artigiano coperturista, viveva a Berbenno con la moglie Fedra Telesca e le figlie Jessica e Monica, gemelle di 14 anni. Martedì 24 luglio si sveglia con fortissimi dolori addominali. Si reca dunque, accompagnato dalla moglie, alla guardia medica di Sant’Omobono, dove viene reindirizzato al pronto soccorso del Policlinico di Ponte San Pietro. Qui Todeschini viene sottoposto a Tac, esami del sangue e antidolorifici. Viene dimesso alle 11.23 con una diagnosi di diverticolite e una prognosi di dieci giorni. Ma a casa i dolori continuano. Altri due medici vengono interpellati: il primo esclude che si tratti di un problema risolvibile in dieci giorni, il secondo chiama il 118 perché il paziente soffre a tal punto da doversi stendere a terra nell’ambulatorio. Quando arriva alle Cliniche Gavazzeni di Bergamo, attorno alle 18, Todeschini è in condizioni gravissime, viene intubato e ricoverato il terapia intensiva. Alle 23 la prima crivi, poco dopo mezzanotte la morte, per blocco sistemico degli organi e setticemia. I familiari si sono rivolti all’avvocato Gambarini che ha presentato un esposto e la procura indaga per omicidio colposo a carico di ignoti.

3 – Incidente tra Covo e Calcio, grave un 35enne

Questa mattina, poco dopo le 7.30, lungo la SP102 tra Covo e Calcio, un ciclista 35enne di Crema è stato investito da un furgone, che non si è fermato a prestare soccorso, e sbalzato di oltre venti metri sull’asfalto, dove ha battuto la testa. Sono stati immediatamente chiamati i soccorsi e sul posto è intervenuta un’ambulanza della Croce Rossa di Romano, ma, date le condizioni del ferito, è poi arrivato anche l’elisoccorso, che lo ha trasportato, in codice rosso, agli Spedali Civili di Brescia.

4 – 34enne di Casirate ai domiciliari per caporalato

D.C., 34 anni da Casirate, incensurato, è finito agli arresti domiciliari per caporalato. In termini tecnici: associazione a delinquere finalizzata alla frode fiscale, all’intermediazione illecita di manodopera e allo sfruttamento del lavoro approfittando dello stato di bisogno dei lavoratori. Ai domiciliari anche altre quattro persone, mentre sette sono finite in carcere nell’ambito di un’operazione della Guardia di finanza di Pavia, mentre sono state sequestrate quote societarie e immobili per circa 15 milioni di euro. Il 34enne era collaboratore di G.B., 62 anni di Reggio Emilia, legale rappresentante di 22 cooperative del settore movimento merci nell’Oltrepò Pavese, tante fasulle e utilizzate per evadere il fisco (si parla di un’evasione dell’Iva per 5,8 milioni di euro e di un omesso versamento di contributi previdenziali a favore dei dipendenti per 9,2 milioni in soli due anni). Più di 300 lavoratori, in teoria soci di queste cooperative, hanno testimoniato la sottomissione e lo sfruttamento a cui sono stati sottoposti: 12-14 ore al giorno, sette giorni su sette, senza ferie, riposi, aspettative, maternità, visite mediche, sottopagati (6-8 euro l’ora), talvolta costretti a restituire lo stipendio.

5 – Via libera da Roma al casello A4 di Dalmine

Dopo 15 anni, il ministero dell’ambiente ha dato l’approvazione per il progetto preliminare di risoluzione del complicato e frequentato (27-30mila veicoli al giorno) nodo stradale. Non si tratta del progetto originale, troppo oneroso, anche perché nel frattempo è cambiata la situazione delle infrastrutture, ma di uno più leggero e meno esteso (24mila metri quadri a fronte dei 32mila precendenti). Si prevede comunque la realizzazione di due rampe che scavalcheranno l’A4 per immettersi in rotatoria in zona Le Due Torri. Il costo per le Autostrade? 13 milioni di euro per 14 mesi di cantiere. Dice al Corriere l’assessore ai Lavori pubblici Corrado Negrini: «È un progetto che si dispiegherà in 60 mesi e cambierà la viabilità anche in centro».

6 – Marco Zanchi vince l’Orobie Ultra Trail

È Marco Zanchi di Cene, del Team Vibram, a conquistare questa edizione dell’Orobie Ultra Trail, con il nuovo record di 23 ore e 14 minuti per 140 chilometri tra le montagne bergamasche. Al secondo posto, con un distacco di 40 minuti, un altro bergamasco: Oliviero Bosatelli. L’Orobie Ultra Trail è la durissima maratona no-stop dei monti bergamaschi, che è partita venerdì alle 10.18 da Clusone, con 309 iscritti.

7 – Nasconde droga nel bagnoschiuma per l’amica in ospedale

C.D., un 32 enne italiano già noto alla polizia per precedenti in materia di stupefacenti, si è recato al reparto di Psichiatria del Papa Giovanni di Bergamo con un flacone di bagnoschiuma da consegnare a un’amica ricoverata. Ma il personale, insospettito, ne ha controllato il contenuto reale: una siringa e due involucri, uno contenente hashish e l’altro eroina. La polizia, avvertita dai dipendenti del Papa Giovanni, è arrivata poco dopo, e il 32enne è stato denunciato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

 

27 LUGLIO

 

1 – Tragedia a Prezzate: mamma muore nella piscina di casa

L’ha ritrovata la madre, mentre era già in stato di incoscienza. Purtroppo non c’è stato niente da fare: Maria Pilar, 44 anni, infermiera al Policlinico di Ponte San Pietro, moglie e madre di tre figli adolescenti, è morta, probabilmente per un malore improvviso, nella piscina montata nel giardino della sua abitazione a Prezzate di Mapello. Era il suo piccolo rito quotidiano estivo, un tuffo in piscina la mattina, prima di iniziare la giornata. Ancora non è dato sapere cosa abbia provocato l’annegamento.

2 – Brasiliana di 38 anni sotto indagine: ha chattato e dormito mentre il compagno si suicidava

Una storia tragica e grottesca quella che vede protagonista Maria Severiano De Lima, brasiliana di 38 anni, massaggiatrice, finita nel registro degli indagati con l’accusa di istigazione al suicidio e di omissione di soccorso nei confronti del compagno Valentino Sergio Gambirasio, che la sera dell’1 dicembre 2017 si è tolto la vita nel bagno della loro casa in via don Minzoni a Seriate impiccandosi. Stando alla ricostruzione dei fatti, i due avevano avuto un diverbio quella sera e Gambirasio, preso dallo sconforto e dall’ira, si è chiuso in bagno dicendo alla compagna che si sarebbe ucciso. Lei non ha preso seriamente quelle parole e ha continuato a chattare via WhatsApp con un’amica. La mattina dopo, nonostante Gambirasio fosse ancora chiuso in bagno, la donna non si è preoccupata di vedere cosa stesse succedendo ed è uscita di casa per fare colazione in un bar di via Borgo Palazzo, a Bergamo, insieme alla sorella. Lì incontra un amico del compagno, che le chiede dove fosse Gambirasio. Lei le spiega la vicenda della sera prima e lui, preoccupato, decide di andare a casa loro a vedere. Solo a quel punto scattano i soccorsi e si scopre la verità. Le forze dell’ordine etichettano l’episodio come suicidio, ma la famiglia della vittima presenta un esposto in procura da cui si è aperta l’indagine che ha portato alle accuse alla 38enne.

3 – Vertova, fulmine colpisce contatori. Elettrodomestici ko

Nella tarda serata di giovedì 26 luglio, Lizzano, frazione di Vertova (Val Seriana), i Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire dopo che un fulmine ha colpito tre contatori dell’energia, scardinandoli dalle rispettive sedi. Ingenti i danni per le famiglie servite da quei contatori: tutti gli elettrodomestici collegati alle prese nelle abitazioni sono saltati e sono ora da buttare.

4 – Blitz dei Carabinieri nei campi nomadi a Treviglio e Fara Olivana

All’alba di venerdì 27 luglio è scattato un blitz dei carabinieri della compagnia di Treviglio nei campi nomadi della città della Bassa e di Fara Olivana. I controlli hanno riguardato il rispetto della normativa vigente in materia di abitabilità, il profilo igienico-sanitario, la sicurezza antincendio, l’urbanistica-edilizia e altro ancora. Identificati e controllati tutti gli occupanti degli alloggi e delle roulotte rilevati.

5 – Scontro tra auto e moto a Misano, muore 41enne di Morengo

Nel pomeriggio di giovedì 26 luglio, alle 18 circa, lungo la strada Rivoltana all’altezza di Misano Gera d’Adda, un’auto si è violentemente scontrata con un Tir. Nell’incidente, il mezzo pesante si è addirittura ribaltato, mandando in tilt il traffico. Tragico il bilancio: il 41enne alla guida della vettura, residente a Morengo, è purtroppo deceduto pochi minuti dopo lo scontro. Il camionista, invece, è rimasto lievemente ferito. A causare l’incidente sembra sia stata la vettura, che aveva appena compiuto un sorpasso azzardato.

 

26 LUGLIO

 

1 – Misano, auto contro Tir alle 18. Muore un uomo sulla Rivoltana

È tragico il bilancio dell’incidente avvenuto alle 17.50 lungo la Sp185 Rivoltana in territorio di Misano: un uomo ha perso la vita schiantandosi con la sua auto contro un Tir. Non si conosce, al momento, la dinamica di quanto accaduto. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco di Treviglio, i carabinieri e un’ambulanza della Croce bianca di Rivolta. Ferito il conducente del Tir, un 59enne, mentre le condizioni della vittima (di cui non si conosce ancora l’età) sembravano inizialmente non gravi, ma sono improvvisamente peggiorate portando al decesso. Il traffico è completamente bloccato. Le Forze dell’ordine hanno chiuso l’accesso al tratto di strada dalla rotonda dell’Ego Club a Misano fino a quella successiva che dà accesso al Santuario di Caravaggio.

2 – Incendio alle Torri di Zingonia, bruciano i rifiuti abbandonati

Incendio alle Torri di Zingonia, bruciano i rifiuti abbandonati. È successo ancora questa mattina poco dopo le 10. L’allarme è scattato dal palazzo Anna 1 di via Genova a Zingonia (Ciserano). Come era già capitato proprio un mese fa a prendere fuoco sono stati i rifiuti accumulati per anni sulla tettoia dei palazzi al primo piano. A giugno era successo agli Athena, oggi è toccato agli Anna. A scatenare il rogo probabilmente una scintilla partita dal sottotetto degli esercizi commerciali ormai vuoti. Sul posto sono giunti i Vigili del fuoco di Dalmine e la Polizia locale di Ciserano insieme al sindaco Enea Bagini. Non si segnalano feriti anche perché, in vista dell’imminente demolizione gran parte degli appartamenti sono già disabitati. Il rogo è già stato domato.

3 – Sospesi i lavori per l’adeguamento sismico alla scuola Cerioli

Sono stati sospesi nei giorni scorsi i lavori di adeguamento sismico della scuola primaria Cerioli, in quanto la ditta ha abbandonato il cantiere. L’Amministrazione comunale garantisce il ripristino dei locali manomessi entro la fine di agosto, per assicurare la regolare ripresa delle attività scolastiche. «Purtroppo gli interventi strutturali per il miglioramento sismico della scuola primaria Cerioli sono stati interrotti, in quanto la società appaltante Edilnec ha abbandonato ingiustificatamente il cantiere, dopo aver avuto a disposizione un anno di tempo per predisporlo, insieme a manovalanza e materiale necessari. Il Comune chiederà il risarcimento di ogni danno subìto al responsabile – dichiara il sindaco Cristian Vezzoli -. Ringrazio la dirigente scolastica Lucia Perri e il personale dell’istituto per la disponibilità dimostrata a giugno nello sgomberare le aule e la scuola, così da permettere l’inizio dei lavori. Dato che sono stati realizzati alcuni scavi esterni all’edificio, la demolizione di tavolati interni e la rimozione di parti di pavimento e intonaco, ci siamo già attivati per garantire entro fine agosto il ripristino dello stato dei luoghi per permettere il regolare svolgimento delle attività scolastiche a settembre». L’anno scorso l’Amministrazione comunale partecipò al bando regionale che finanziava gli interventi di prevenzione del rischio sismico su edifici strategici. Ricevuto il contributo di 270 mila euro, si decise di avviare il cantiere della scuola Cerioli al termine dell’anno scolastico 2017/2018, per evitare disagi durante lo svolgimento delle lezioni. I lavori sono iniziati l’11 giugno scorso, ma da subito si sono verificati ritardi nell’esecuzione degli interventi, nonostante il 26 giugno sia stato erogato il versamento dell’acconto, obbligatorio per legge, di circa 43 mila euro, all’impresa. Da allora la società non si è più vista in cantiere. Ai continui solleciti di ripresa lavori, la società non ha risposto, tanto da spingere il Comune a risolvere il contratto.

4 – Dimentica il figlio 3enne in auto di fronte agli uffici Inps di Terno

Un bambino di 3 anni, solo, dimenticato su un’auto parcheggiata a Terno d’Isola, vicino agli uffici dell’Inps, ieri mattina. Momenti di paura: i carabinieri stanno indagando sull’accaduto. Fortunatamente il piccolo è rimasto solo pochi minuti nella macchina, ma sotto il sole cocente di mezzogiorno. La mamma si era recata negli uffici Inps per sbrigare una pratica, lasciando le chiavi in macchina, che poi si è chiusa automaticamente. Quando si è accorta che il suo bimbo non era con lei è uscita di corsa dagli uffici e con l’aiuto di persone che erano nel parcheggio, ha rotto il finestrino per recuperare le chiavi.

5 – Condannato per reati sessuali, 43enne sconterà 2 anni e mezzo di carcere

È diventa definitiva la condanna per reati sessuali commessi tra il 2005 ed il 2006. Per questo un 43enne italiano di origini calabresi è stato arrestato a Fara e portato in carcere dove dovrà scontare circa 2 anni e mezzo di carcere. Applicata anche la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni.

6 – Proseguono gli atti vandalici (gratuiti) contro le Mobike

Di gesti eclatanti come i primi tempi, con biciclette sui tetti o in fondo ai canali, non ne sono stati più segnalati. Ma gli atti vandalici contro le Mobike, i mezzi del bike sharing a flusso libero (quelle color acciaio, con le ruote arancioni, per intenderci), non si fermano. Un lettore ci segnala che ieri sera ha visto dal terrazzo dei ragazzi lanciarne una violentemente per terra, senza motivo. È accaduto in via Pilo, zona Valtesse-San Colombano.

7 – Danni alluvioni 2016, a Bergamo e Sondrio un milione di euro per il ripristino

Ammontano a un milione di euro i nuovi fondi che Regione Lombardia è riuscita a reperire da destinare ai Comuni delle province di Bergamo e Sondrio colpite dalle eccezionali piogge del giugno 2016, che si vanno ad aggiungere a quanto già stanziato nel 2017 per provvedere a tutta una serie di opere e di interventi sia di messa in sicurezza sia di riparazione dei danni subiti dal patrimonio pubblico. Il Dipartimento della Protezione Civile, a seguito della richiesta di Regione Lombardia, ha infatti approvato la realizzazione di ulteriori 5 interventi da realizzarsi nei Comuni di Entratico, Olmo al Brembo, Piazzatorre e San Giovanni Bianco (Bergamo) e di Chiavenna (Sondrio).

8 – Le Orobie sul magazine del club alpino tedesco

In questi giorni le Orobie bergamasche hanno ospitato degli alpinisti davvero speciali: i giornalisti Georg Hohenester (caporedattore) e Joachim Chwascza (fotografo) di Panorama,  il magazine del Dav (Deutscher Alpeverein) il club alpino tedesco. Ad accompagnarli il vicepresidente del Cai Bergamo Amedeo Locatelli e il consigliere Giancelso Agazzi, che insieme a loro hanno percorso i sentieri delle Orobie per una settimana alla scoperta delle nostre montagne, dei loro sentieri, della gastronomia tipica e dell’accoglienza in terra orobica. Il Deutscher Alpenverein ha sede a Monaco di Baviera ed è stato fondato nel 1869; con i suoi circa 730mila iscritti, è la più grande associazione di alpinisti del mondo e la visita dei giornalisti della testata è una importantissima occasione di promozione delle nostre montagne in un mercato, quello tedesco, che da sempre ha dimostrato un vivo interesse per il nostro territorio. Il programma, organizzato da Cai Bergamo e Provincia di Bergamo con la collaborazione di VisitBergamo ha previsto degli itinerari di sicuro fascino nelle nostre valli con trekking ai Laghi Gemelli e Laghetti del Becco per articolarsi poi lungo le nostre Orobie toccando il Pizzo Coca, il sentiero naturalistico Antonio Curò, il Pizzo Tornello con la vista panoramica a 360° delle Orobie Passo del Venerocolo, Passo del Gatto e  Passo del Vivione per tornare poi a Bergamo con chiusura del tour al Palamonti. L’ospitalità è stata  garantita dai rifugisti bergamaschi (Laghi Gemelli, Rifugio Merelli, Curò, Tagliaferri).

 

25 LUGLIO

 

1 – Frate di Clusone annega in Liguria. Era in vacanza a Sestri Levante

È stato probabilmente un malore a causare la morte per annegamento, ieri, di padre Giacomo Baretti, frate di 63 anni: era in vacanza in Liguria da solo un giorno. Il bergamasco, originario di Clusone, era ospite del convento dei frati Cappuccini. Andato a fare una nuotata, non è più tornato: il corpo privo di vita è stato portato a riva da alcuni bagnini degli stabilimenti balneari della zona, subito gettatisi in acqua per soccorrerlo.

2 – Investito lunedì sulle strisce ad Almè, il 79enne non ce l’ha fatta

Era ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, ma le sue condizioni sono peggiorate repentinamente fino alla morte. Non ce l’ha fatta il pensionato di 79 anni di Almè, investito lo scorso lunedì 23 luglio nel centro di Almè, sulle strisce pedonali.

3 – Dona al Comune 5mila euro per un Ape, il sindaco ringrazia

Ammirevole gesto di Luigi Villa, residente a Barbata, che ha versato un bonifico di 5mila euro al suo Comune per aiutarlo nell’acquisto di un nuovo Ape car. «Luigi ha molto apprezzato l’impegno del Comune nella pulizia delle strade e dei luoghi pubblici – ha raccontato il sindaco Trapattoni – Per questo motivo quando ha saputo che l’Ape car attualmente a nostra disposizione ha qualche problema, si è offerto di darci una mano per acquistare un nuovo veicolo». Luigi Villa non è il primo barbatese a dare un aiuto economico al Comune. Nel 2016, infatti, in occasione dell’inaugurazione del parco giochi Marcello Venier, la famiglia Venier aveva pagato l’acquisto di alcuni dei giochi per bambini da collocare nello spazio verde: «Anche il loro era stato un bell’esempio – ha commentato sempre Trapattoni – Speriamo ce ne possano essere altri».

4 – Sciopero Ryanair, caos in aeroporto. Decine i voli cancellati o in ritardo

Ressa e caos in aeroporto, a Orio al Serio: già decine i voli cancellati e quelli in ritardo in seguito allo sciopero di oggi del personale di cabina Ryanair. Si chiede che la compagnia aerea irlandese rispetti i diritti dei lavoratori. La protesta, indetta in Italia da Filt Cgil e Uilt Uil, interessa anche Spagna, Belgio e Portogallo. I passeggeri speranzosi riempiono gli spazi dello scalo, anche se non sembra che la situazione migliorerà. Disagi possibili anche domani. Gli aggiornamenti sullo stato dei voli sono consultabili qui. «Ryanair si rammarica del fatto che, a causa di azioni di sciopero di una parte del nostro personale di bordo in alcune basi italiane, stiamo avendo oggi (25 Luglio) una serie di problemi con i voli in Italia che ha portato a delle cancellazioni – scrive la compagnia sul suo sito -. I clienti interessati sono stati contattati tramite e-mail e sms per quanto riguarda il loro volo e data l’opzione di un trasferimento gratuito sul prossimo volo disponibile, o di un rimborso completo. Ryanair si scusa sinceramente per eventuali disagi ed inconvenienti causati ai nostri clienti da questa azione di sciopero da parte di un numero minimo del nostro personale di bordo in Italia».

5 – Foppolo, indagato anche l’ex assessore provinciale Piccinelli

Lui sostiene che si tratti solo di calunnie e si è detto sicuro della propria innocenza. Ma i militari della Guardia di Finanza devono per forza approfondire: ieri sono entrati in casa di Enrico Piccinelli, 54 anni, già assessore provinciale all’Urbanistica, ex senatore con Forza Italia-Pdl, per le perquisizioni disposte dal pm in seno all’indagine su Foppolo. Il reato ipotizzato è concorso in corruzione con altri otto indagati (di cui due lo erano già), per una maxi-tangente da un milione di euro di cui sarebbe stato destinatario per favorire l’approvazione del Pgt di Foppolo.

6 – I ritardi all’ex Montelungo dovuti anche a ritrovamenti archeologici

I ritardi già denunciati dal rettore dell’Università di Bergamo, Remo Morzenti Pellegrini, per il cantiere all’ex caserma Montelungo, dove verranno ricavati residenze e spazi per l’ateneo, hanno anche una motivazione archeologica. È stata ritrovata una selce dell’era del Rame risalente al 3.500 a.C., insieme alle tracce di tre siti monastici e, in particolare, l’abside e la cripta seicentesca della chiesa delle Convertite.

7 – Condannato per furto, 35enne albanese dovrà scontare 4 anni

Ieri i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato su ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Milano un 35enne albanese, da tempo residente a Fara Gera d’Adda. Lo straniero, un pluripregiudicato, è stato colpito da un provvedimento restrittivo della libertà personale, per un cumulo di reati a suo carico, per un residuo pena complessivo di 4 anni. Si tratta di una sequenza di furti in abitazione (6 in tutto) commessi, nel 2015, tra le province di Milano e Bergamo. Dopo l’inammissibilità del ricorso per Cassazione, la sentenza di condanna dell’albanese è divenuta definitiva e quindi esecutiva.

8 – Ferie regalate al collega dell’Atb per assistere il figlio

Maurizio di Dalmine, autista dell’Atb, ringrazia di cuore i colleghi. Che altrettanto di cuore gli hanno regalato gli 8 mesi di ferie che gli mancano alla pensione. Maurizio, infatti, ha un figlio disabile di 13 anni che ha bisogno di cure continue.

 

24 LUGLIO

 

1 – Centinaia di ragazzi in moto e scooter per l’ultimo saluto a Matteo Milani

8 foto Sfoglia la gallery

Una folla di amici e centauri ha partecipato oggi alle esequie di Matteo Milani, lo sfortunato 19enne di Brignano che ha perso al vita domenica in un incidente. Centinaia di motocilisti – molti dei quali appartenenti al Bad Biker’s Crew creato dallo stesso Matteo – hanno preceduto il corteo funebre lungo le vie del paese fino alla chiesa parrocchiale, dove si sono svolti i funerali. A omaggiare il ragazzo anche una delegazione della fanfara Scattini dei Bersaglieri di Bergamo, corpo musicale in cui opera il padre del ragazzo.

2 – Lavori al Lazzaretto: partito l’intervento per la sistemazione del tetto

Lavori in corso al Lazzaretto di Bergamo, dove il Comune ha iniziato nei giorni scorsi la sistemazione della copertura del lato ovest, quella che richiedeva l’intervento più urgente. Serve a rifare il manto di copertura dell’intero lato ovest e parte del lato sud: è necessario e urgente sistemare le copiose infiltrazioni dovute essenzialmente a causa dell’avanzato degrado del manto di copertura. Questo, infatti, è dovuto sia al normale invecchiamento dei materiali, sia dalla presenza di un filare di alberi: la combinazione di foglie cadute, ombra e la poca pendenza del tetto ha portato alla formazione di uno strato di vegetazione che non permette il normale scorrimento dell’acqua piovana. La mancanza di una linea vita necessaria per permettere la regolare manutenzione e pulizia del manto di copertura ha aggravato la situazione di deterioramento.

3 – Venditori aggressivi multati dalla Polizia Locale di Romano

Sono state diverse le chiamate arrivate al comando di Polizia locale che chiedevano aiuto per la presenza di venditori di servizi di contratti di erogazione di energia insistenti e dai modi aggressivi. La zona da cui sono arrivate le chiamate è il quartiere Cappuccini. Una pattuglia è così giunta nel quartiere ed ha individuato poco dopo i venditori in via Duca d’Aosta. Gli agenti hanno così notato che i venditori erano senza cartellini di riconoscimento. Una volta identificato i cinque sono stati sanzionati insieme alla ditta di cui sono dipendenti. Il totale della multa è di 25 mila euro. «Il nostro intervento è stato svolto nell’ambito del controllo del territorio e delle attività commerciali. – ha detto Arcangelo di Nardo, comandante della Polizia locale di Romano – Nel caso specifico questo tipo di vendita deve essere comunicata al Comune preventivamente dalla ditta, insieme alle generalità degli incaricati preposti ad entrare in contatto con i cittadini. I venditori inoltre devono rendersi riconoscibili con appositi cartellini. I cinque fermati e l’azienda che rappresentano hanno infranto queste regole e per questo sono stati multati».

4 – Falsificò il diploma per l’universitaria. Arrestato ricercato internazionale

Ieri i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato su mandato d’arresto internazionale un 38enne albanese, in Italia in questi giorni per una visita a un familiare. L’uomo, per l’occasione, stava soggiornando in un albergo di Bariano. I militari dell’Arma della stazione di Romano di Lombardia, durante i consuetudinari controlli degli ospiti delle strutture ricettive, hanno verificato che il 38enne era ricercato poiché doveva scontare 4 mesi di reclusione per una condanna per contraffazione emessa dall’Autorità Giudiziaria albanese. Rintracciato in albergo con la moglie ed i figli, lo straniero è stato sottoposto ad arresto provvisorio, in attesa appunto dell’estradizione. La condanna definitiva a carico dell’uomo deriva dal fatto che lo stesso, ai fini dell’iscrizione universitaria in Albania, aveva presentato certificazione scolastica relativa al precedente percorso delle scuole superiori non corrispondente al vero. Per tale ragione è stato condannato in via definitiva e poi richiesta l’emissione nei suoi confronti di un mandato d’arresto internazionale.

5 – Gli rimane incastrato un piede, grave un operaio a Seriate

Grave infortuno ieri mattina in una ditta che tratta rifiuti a Seriate. Un operaio di 56 anni, senegalese residente a Gorlago, è rimasto ferito a un piede. Stava smaltendo nel trituratore un nastro di plastica insieme ad altri materiali quando il suo piede sinistro è rimasto intrappolato, lacerandosi. Sul posto sono poi intervenuti anche i carabinieri e i tecnici dell’Ats per gli accertamenti del caso e per stabilire l’esatta dinamica dell’infortunio.

6 – Rubava all’Ovsdi Caravaggio, dipendente licenziata e denunciata

Per mesi ha sottratto merce dal negozio portandosela a casa come se nulla fosse. Domenica, però, è scattata la trappola. La dipendente infedele è stata beccata e licenziata in tronco prendendosi anche una denuncia. È successo all’Ovs di Caravaggio a pochi passi dal Centro commerciale. Alla fine del turno la donna, 38 anni, è stata sorpresa con una maglia rubata nascosta nella borsa. Sul posto sono stati quindi chiamati i carabinieri della stazione cittadina che hanno rilevato quanto accaduto.

7 – Conca Verde, quando è il pubblico a scegliere il film

Il Cinema Conca Verde di Longuelo è chiuso per qualche settimana per la pausa estiva, riaprirà il 23 agosto. In attesa dell’inizio della nuova stagione cinematografica, propone in queste settimane di partecipare a Scegli il film – Il mio cinema. Come ogni anno si chiede agli spettatori di candidare i titoli di film che preferiscono, per poi votarne uno da proiettare su grande schermo. La serata finale sarà martedì 11 settembre. Fino al 21 agosto c’è la possibilità di candidare i titoli di film sulla pagina evento Facebook, ottenere il maggior numero di like, e cercare quindi di fare entrare il proprio titolo tra i  5 finalisti tra cui verrà scelto il vincitore. Ogni anno sono centinaia le proposte che vengono fatte e che permettono anche di riscoprire piccoli grandi film dimenticati.

8 – Spaccata al bar: i ladri brindano con birre prima di fuggire

Spaccata, nella notte tra domenica e lunedì, all’Happy Salad di via Masone, a Bergamo.  I malviventi con un piede di porco hanno rotto il vetro della porta antisfondamento e sono entrati nel bar. Qui hanno rotto il registratore di cassa e si sono impossessati del denaro. Prima di fuggire, un brindisi con le birre.

 

23 LUGLIO

 

1 – Finti avvocati truffano anziani. Due arresti, altri due ricercati

Telefonavano nelle case di anziani spacciandosi per avvocati e chiedevano ingenti somme di denaro per evitare l’arresto del figlio o del parente, a seguito di fantomatici incidenti stradali in cui il parente della vittima sarebbe stato coinvolto. Due truffatori, di 20 e 48 anni, entrambi napoletani, sono stati arrestati dai carabinieri di Vercelli con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla truffa, concorso in tentata truffa e sostituzione di persona. La «base» dei due finti avvocati era un albergatore di Lodi. I due malviventi sono responsabili di 36 colpi o tentati colpi, portati a termine in diverse province d’Italia, tra maggio e giugno di quest’anno, tra cui Pavia, Milano, Lodi, Brescia, Bergamo, Varese, Cremona e Mantova

2 – California Bakery, il Comune: «Selezione non consentita»

«Il regolamento sul commercio per le zone di particolare rilevanza storico artistica non consente – né potrebbe, date le normative vigenti – di attuare una selezione delle tipologie basata sul concetto di tradizione»: è di fatto questo il punto saliente della risposta del sindaco Giorgio Gori all’interpellanza presentata sul subentro di California Bakery al Caffè della Funicolare, avvicendamento previsto per il prossimo autunno in piazza della Scarpe a Bergamo Alta. «L’unica selezione possibile è basata sui codici Ateco, e da questo punto di vista l’attività subentrante – svolta dalla società “CB Italy srl” – seppure caratterizzata da una denominazione in lingua inglese, non presenta significative differenze rispetto alla precedente (e tutt’ora funzionante) attività di bar/pasticceria; né rileva il fatto che sia parte di un progetto che può oggi contare in altre città italiane su altri otto punti vendita. Si tratta peraltro di un’impresa italiana, nata dall’iniziativa di imprenditore messinese, caratterizzata dall’uso di ingredienti di qualità, il più possibile tratti dalla produzione agricola del territorio (come dichiarato alla stampa dallo stesso imprenditore)».

3 – Lite in discarica a Treviglio, 20enne colpito con una catena

Lite in discarica, 20enne colpito con una catena. È successo oggi pomeriggio nella piazzola ecologica di via Sant’Eutropio a Treviglio. A restare ferito uno dei custodi della piazzola ecologica. Ha sorpreso, all’interno della discarica, un nordafricano intento a cercare materiale da poter portare via e magari rivendere sul mercato nero. Così come ogni volta gli ha spiegato che, nonostante si trattasse di spazzatura, non era comunque possibile asportare nulla perché si sarebbe trattato comunque di un furto. Questa volta, però, il nordafricano non ha voluto sentir ragioni e da uno dei cassoni ha estratto una catena con cui ha colpito il 20enne ferendolo alla testa. A quel punto è scattata la chiamata al “112” e sul posto, oltre a un’ambulanza della Croce rossa di Treviglio sono giunti anche i tecnici dell’Ats e i carabinieri della Compagnia di Treviglio.

4 – Schianto ieri in moto a Gorlago Muore diciannovenne di Brignano

Sé è distratto guardando un incidente tra una moto e una macchina, a Gorlago, sulla 91. Nulla di grave. Però, voltando la testa, non si è accorto che la macchina davanti a lui era ferma e si è schiantato. Ha perso la vita così, ieri, di ritorno da una gita sul Lago d’Iseo, Matteo Milani, 19 anni, di Brignano. Un amico ha ripreso la scena con una GoPro applicata sul casco.

5 – Tenta di rapinare tre giovani col coltello: arrestato

Ieri sera sul tardi, a Treviglio, in via Trento, tre giovani 20enni sono stati vittima di un violento tentativo di rapina ad opera di un pregiudicato 28enne italiano, attualmente senza fissa dimora. L’uomo, armato di coltello lungo oltre 30 cm e con il volto travisato da una busta forata all’altezza degli occhi, ha raggiunto il gruppetto di tre amici, in quel momento intenti a chiacchierare tra di loro, e sotto minaccia ha cercato di farsi consegnare i loro portafogli ed i telefoni cellulari. I tre 20ennei hanno però reagito prontamente, approfittando di un attimo di distrazione del 28enne, riuscendo anche a togliergli la busta che gli celava il volto e così a guardarlo bene in volto. A questo punto, il rapinatore solitario si è dato alla fuga, facendo perdere le proprie tracce. Nel frattempo, tramite “112” venivano allertati i Carabinieri della Compagnia di Treviglio; una “gazzella” del Nucleo Radiomobile è quindi intervenuta prontamente sul posto, raccogliendo così la denuncia delle vittime e recuperando anche il coltello perso dal rapinatore in fuga, posto sotto sequestro. Gli investigatori dell’Arma, a distanza di ore, sono infine riusciti ad identificare compiutamente il 28enne, con alle spalle già altri precedenti di polizia e penali, domiciliato nella Bassa Bergamasca. Deferito in stato di libertà per tentata rapina pluriaggravata, la sua posizione è ora al vaglio della Magistratura Bergamasca.

6 – Le associazioni dei disabili in campo per la Pizza Fest

«Musica, pizza e pizzaioli, gente che pranza e cena, gente che si diverte. Questo è Napoli Pizza Fest. Ma dietro le quinte, di nascosto, a testa bassa ci sono persone come Sergio, sempre a pulire, sempre a mettere in ordine ciò che è sempre in disordine. É una persona con problemi psicologici. Fa parte di un associazione di Bergamo. Se ci sarà spazio ancora per Napoli Pizza Fest vorrei ringraziare lui e le altre sei persone coinvolte». Ce lo ha scritto Giuseppe Buonaguro, organizzatore della manifestazione.

7 – I lavori all’ex teatro Nuovo partiranno a settembre

È chiuso da 13 anni il teatro Nuovo di Largo Belotti. È stato anche transennato, perché cadevano dei calcinacci. Da mesi è stata annunciata la sua trasformazione trasformato in «Sapori e dintorni», supermercato di qualità firmato Conad. Ora, se non ci saranno ulteriori intoppi, i primi lavori partiranno a settembre. Il palazzone degli Uffici statali, invece, è ancora in attesa di una destinazione d’uso. Sono due gli acquirenti interessati: uno vorrebbe farne un albergo di lusso con spa, l’altro un centro commerciale.

8 – Ragazzina scomparsa da 4 giorni nel Bresciano, volontari anche da Bergamo

È una corsa contro il tempo in Valle Sabbia per trovare Iuschra, la dodicenne autistica che si è persa giovedì durante una gita nei boschi. Sono già quattro notti che la ragazzina, di origini pachistane, passa fuori casa da sola, al freddo e sotto la pioggia, vestita con gli stessi abiti leggeri indossati per quella che doveva essere una tranquilla gita in montagna con altri coetanei disabili e gli operatori della onlus Fobap. I genitori, disperati, chiedono di non desistere dalle ricerche. La ragazzina potrebbe essere caduta in uno dei tanti anfratti del territorio di Serle. Le ricerche, cui partecipano circa 300 professionisti tra vigili del fuoco, speleologi (anche dalla Bergamasca) e carabinieri, si concentrano in un’area di 130 ettari.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità