E anche in provincia

Notizie su Bergamo e provincia (16-21 settembre 2019)

Notizie su Bergamo e provincia (16-21 settembre 2019)
21 Settembre 2019 ore 09:00

21 SETTEMBRE 

 

1 – Le figlie di Robertine Guira vogliono rivedere la mamma

«Vorremmo poter rivedere la mamma». È il desiderio delle figlie (di 7 e 11 anni) di Robertine Guira, la donna di 36 anni residente a Torre Boldone, originaria del Burkina Faso morta di parto insieme alla neonata che portava in grembo. Ne parla oggi L’Eco di Bergamo. Intanto Ats ha nominato la commissione che dovrà avviare un’inchiesta per stabilire cosa sia accaduto martedì all’ospedale di Alzano.

2 – Sono ancora 85 i siti da bonificare nella Bergamasca

Molto è stato fatto. Ma molto deve ancora essere fatto per bonificare la Bergamasca: nella nostra provincia sono 85 i luoghi classificati come contaminati, che quindi vanno bonificati. Lo dice l’ultimo aggiornamento dell’Agisco (Anagrafe e gestione integrata dei siti contaminati) gestita dalla Regione e dall’Arpa Lombardia.

3 – La cooperativa cambia ma non paga, operai in sciopero a Calcio

Cambia la cooperativa e spariscono le buste paga: operai in sciopero. Da ieri mattina un centinaio di operai – di cui una trentina con contratti a tempo indeterminato – assunti da una cooperativa operante all’interno del polo logistico di Calcio sono in sciopero per la mancata erogazione dello stipendio mensile conseguente all’ennesimo cambio della cooperativa addetta alla gestione del personale.

4 – Atti vandalici il giorno prima della festa: danni al “Margy Style”

Incresciosi episodi, ieri notte, a Morengo, dove si è verificato un episodio di vandalismo ai danni del negozio “Margy Style acconciature” gestito da Marianna Begnini. Ieri mattina, infatti, la proprietaria è giunta sul luogo di lavoro trovando una spiacevole sorpresa: contro il portone dell’ingresso principale sono state lanciate delle uova, mentre la porta e lo stipite sul retro del locale – accessibile solo attraverso un cortile privato – sono stati imbrattati con grasso vegetale.

5 – Nidi gratis: al via le domande online

Sono 94 i comuni della Bergamasca che aderiscono alla nuova edizione di Nidi Gratis, la misura promossa dalla Regione Lombardia che azzera la retta degli asili alle famiglie a basso reddito. I nidi e micro-nidi pubblici e privati ammessi per il biennio 2019-2020 sono 171 su tutto il territorio, dodici solo nella città di Bergamo.

 

20 SETTEMBRE

 

1 – Preso a pugni per il telefono. Rapina ieri notte in via Tasso

Minacce e percosse da due ragazzi di 19 e 15 anni nei confronti di un ventenne, ieri notte in pieno centro a Bergamo, in via Tasso, non lontano dal Donizetti. La vittima è stato avvicinato dai due, che non conosceva e che gli hanno chiesto in prestito il cellulare. Si è rifiutato, ma loro l’hanno inseguito e si sono impossessati del suo Huawei P8, prendendolo a pugni. Il ventenne non si è arreso e li ha inseguito fino in via Camozzi: qui è stato strattonato e minacciato con un coltello. Allora ha chiesto aiuto. Gli agenti della polizia hanno fermato i due giovani, un 19enne del Senegal e un ragazzo italiano di 15 anni.

2 – Stamattina l’inaugurazione della pista ciclabile Fantoni-Mai-Paleocapa

La Settimana Europea della Mobilità Sostenibile ha previsto questa mattina l’inaugurazione del tratto ciclabile di via Fantoni-Mai-Paleocapa da parte dell’assessore alla mobilità e ambiente del Comune di Bergamo Stefano Zenoni. Un cantiere concluso qualche settimana fa ormai, intervento che ha previsto una ciclabile pura destinata a connettere tratti esistenti per la realizzazione di una rete continua di percorsi a due ruote in città. Si parte da via Bono, dove attualmente si interrompe la ciclabile Tram&bike che, sviluppandosi a fianco della Teb, collega Redona a Borgo Palazzo. Da qui è stato infatti realizzato il nuovo tratto di pista su via Fantoni e che si collega a via Mai dove già esiste un tracciato riservato alle biciclette. Dove il percorso si interrompeva, davanti al liceo Lussana, ora vi è un nuovo tratto ciclabile che ha occupato la quarta e superflua corsia dedicata alle auto. Una scelta che aveva inizialmente destato le perplessità degli automobilisti (che temevano un incremento del traffico) e che invece ha dato ragione ai tecnici del Comune di Bergamo, visto che non si riscontrano rallentamenti o code da quando la ciclabile è stata aperta. Davanti a piazzale Alpini il percorso è ora collegato al tratto di ciclabile su via Taramelli e Gallicciolli, raggiungendo il centro città. I marciapiedi del grande incrocio con viale Papa Giovanni XXIII sono stati risagomati per consentire l’attraversamento delle due ruote e in via Paleocapa, è stata ricavata una pista ciclopedonale promiscua, rosicchiando spazio alle tre corsie esistenti (che rimarranno tre). L’intervento si conclude all’incrocio con via Paglia. Il progetto ha avuto un valore di 400mila euro: è stato realizzato così un percorso dedicato ai ciclisti, lungo complessivamente circa 900 metri. È ora così possibile andare in bici, su un percorso protetto, da via Paglia fino a Redona o dalla stazione fino a via Bianzana passando da Borgo Palazzo oppure ancora da Redona a Porta Nuova.

3 – Agosto, indice dei prezzi in salita del più 0,4% a Bergamo

Nel mese di agosto, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic), a Bergamo, si attesta a più 0,4 per cento. Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), rimane invariato a meno 0,2 per cento rispetto al mese scorso.

4 – Incidente in distilleria a Paratico. Muore investito dallo zucchero

Tragedia ieri mattina all’interno della distilleria San Giorgio, a Paratico. Mattia Parmini, 36enne di Foresto Sparso, padre di due bambini, è morto sotto alcuni sacchi di zucchero del peso complessivo di una tonnellata. Le cause dell’incidente sono in corso di accertamento e al vaglio dei carabinieri della stazione di Capriolo: i colleghi lo hanno trovato sotto i sacchi, con traumi gravissimi. L’ambulanza ha portato l’operaio al Papa Giovanni di Bergamo, dove è morto in serata.

5 – Da Vittorio a Shanghai, arrivata la prima stella Michelin

La famiglia Cerea non sbaglia un colpo. A soli tre mesi dalla sua inaugurazione, il ristorante Da Vittorio aperto a Shanghai conquista già l’ambito riconoscimento della stella Michelin 2020. La stella cinese si aggiunge alle tre stelle in Italia con la storica insegna di Brusaporto e a quella di Saint Moritz in Svizzera.

6 – Aeroporto di Bergamo a quota 10 milioni di passeggeri

L’aeroporto di Bergamo ha raggiunto la quota di 10 milioni di passeggeri nelle prime ore pomeridiane di giovedì 19 settembre, anticipando il traguardo di un mese rispetto a quanto accaduto nel 2018, chiuso poi con un consuntivo a fine dicembre di 12 milioni 938mila e 572. Il trend di crescita del movimento passeggeri da inizio anno è del 5,8% che, se confermato nei mesi a venire, porterà lo scalo a consolidare la terza posizione nella classifica degli scali italiani con una proiezione finale di 13,6 milioni di passeggeri.

7 – In piazza Setti si pattina: arriva “Treviglio on ice”

L’anno scorso era stata una promessa infranta. Quest’anno si recupera: in inverno si pattinerà in piazza Setti, grazie a “Treviglio on ice”. Aprirà infatti il 22 novembre l’attesissima pista di pattinaggio affidata in gestione nei giorni scorsi. La pista resterà aperta sulla nuova piazza lungo la circonvallazione fino al 12 gennaio. L’annuncio è arrivato mercoledì direttamente dal sindaco Juri Imeri, durante una serata sui primi tre anni di mandato. Proprio sull’utilizzo della nuova piazza lungo la circonvallazione interna, peraltro, l’Amministrazione era stata molto criticata negli scorsi mesi dalle minoranze, oltre che per la scivolosità della superficie della nuova piazza. Non era mancata un po’ di ironia.

8 – Commercio e servizi: fatturato in crescita dopo tre trimestri negativi

Dopo tre segni negativi in altrettanti trimestri consecutivi l’indagine congiunturale della Camera di Commercio di Bergamo sul secondo trimestre del 2019 registra una variazione positiva per il fatturato delle imprese del commercio con almeno tre addetti. La variazione su base annua è pari al +0,8%.

 

19 SETTEMBRE

 

1 – Bergamo Pride ‘20, il 13 giugno le bandiere arcobaleno in città

Il 13 giugno 2020 le bandiere arcobaleno di Bergamo Pride torneranno a sfilare per le vie della città: la data è stata annunciata oggi durante una conferenza stampa allo spazio Edoné, che ospiterà gli eventi collegati al corteo, con la presenza dell’assessore alle Pari opportunità del Comune di Bergamo, Marzia Marchesi. «Abbiamo scelto di annunciare la data così presto per questioni logistiche – spiega la portavoce del Comitato Bergamo Pride Cecilia Riva – ma anche per invitare tutti a partecipare. Siamo stati molto contenti del corteo del 2019, molto partecipato anche se si è svolto sotto una pioggia battente, ma ascoltando le richieste di molti per il 2020 abbiamo scelto una giornata più estiva». Per costruire un Pride servono volontari: «ll Pride non si limita al corteo del 13 giugno – è l’appello del segretario del comitato, Alberto Magistro – ma è un percorso fatto di una serie di iniziative, alcune in calendario già per l’autunno. È per questo che chiediamo ai singoli e alle associazioni di aiutarci a costruire insieme questo cammino. Il comitato è già pienamente operativo, chiunque volesse unirsi ai volontari che già collaborano è il benvenuto, basta contattarci attraverso i social». L’assessore alle Pari opportunità Marzia Marchesi porta il saluto da parte dell’amministrazione: «Le prime edizioni del Pride sono state un momento importante per la città, siamo stati fieri di patrocinarle e siamo contenti del nuovo appuntamento per il 2020. Da diversi anni esiste a Bergamo un Tavolo contro l’omofobia, col compito di coordinare le diverse associazioni che in città lavorano su questi temi, e che ha prodotto risultati importanti come il registro per le unioni civili, aperto nel nostro Comune prima dell’approvazione della legge nazionale. In questo contesto il Comitato Pride è un elemento importante, non solo per il corteo in sé, comunque fondamentale, ma per tutti i momenti di confronto e le relazioni che ha saputo creare». Marco Bonomi, per lo spazio Edoné, ha fatto gli onori di casa: «Siamo contenti di poter collaborare alla realizzazione del Pride 2020, un’iniziativa che va nella direzione che Edoné ha scelto nei suoi ormai dieci anni di vita: vogliamo essere non un semplice bar, ma un luogo dove fare cultura e aggregazione sul territorio, che può dare spazio ad appuntamenti e associazioni come questa». Conclude Riva: «Abbiamo scelto Edoné perché è uno spazio comunale, e già questo per noi è importante, e perché durante la collaborazione nata con il Punk Rock Raduno hanno saputo dimostrarsi sensibili e attenti alle tematiche LGBTQI: siamo contenti di poter continuare a lavorare insieme».

2 – False scarpe made in Italy, maxi sequestro a Levate

Erano state prodotte in Ucraina ma sulle scatole c’era il marchio di una nota azienda bergamasca. Sequestrate dall’Adm di Bergamo 512 paia di scarpe. Il marchio sulla scatola avrebbe potuto indurre in errore i consumatori sull’origine della merce. Con questa motivazione l’agenzia dogana e monopoli di Bergamo ha sequestrato le scarpe in questione. Prodotte in Ucraina ma brandizzate con un noto marchio bergamasco, avrebbero potuto trarre in inganno i meno attenti. Si chiama, tecnicamente, fallace indicazione di origine. Scarpe sequestrate e importatore sanzionato, ora sarà segnalato alla Camera di Commercio.

3 – Addio a Emilio Teocchi, storico gelataio del Gioppino di Zanica

Emilio Teocchi si è spento all’età di 61 anni, a causa di una lunga malattia che non gli ha lasciato scampo. Originario di Urgnano, si è trasferito a Zanica da ragazzo insieme alla famiglia, dove ha conosciuto e poi sposata Maria Angela Giassi. Nel 1984 l’uomo decide di aprire un bar e una  gelateria artigianale. Decide di chiamarlo “Gioppino” come la famosa maschera bergamasca. Emilio era una persona sempre sorridente, molto educata e dai modi di fare sempre gentili. Grazie alla sua gelateria, il 61enne era riuscito a farsi conoscere anche al di fuori di Zanica. Sono stati in molti a dedicargli frasi su Facebook in sua memoria.

4 – Morte di Robertine e della sua bimba. Una commissione d’inchiesta dell’Ats

Robertine stava dando alla luce la sua bimba all’ospedale di Alzano lombardo, ma qualcosa è andato storto. La piccola è nata morta e Robertine Guira, madre di altre due bambine di 11 e 7 anni, sposata con Youssouf e residente a Torre Boldone, versava in condizioni gravissime. Il trasferimento d’urgenza al Papa Giovanni XXIII non è servito. Come sollecitato dall’assessorato al Welfare della Regione Lombardia, l’Agenzia di tutela della salute di Bergamo annuncia che istituirà subito una commissione di esperti affiancata da specialisti del “Percorso Nascite” della direzione generale del Welfare del Pirellone per accertare le cause dell’accaduto.

5 – Narcotraffico: arrestato boltierese, ricercato di Bariano

Dalle prime luci dell’alba di ieri militari ed unità cinofile antidroga delle Fiamme Gialle trentine stanno effettuando arresti e perquisizioni nei confronti dei componenti di due associazioni criminali del narcotraffico internazionale, radicate sia a nord che nel sud Italia e con ampie ramificazioni all’estero. Tra gli arrestati anche un uomo di Boltiere, ancora ricercato invece un barianese.

6 – Campagna choc anti eutanasia, da oggi anche a Bergamo

«Marta, 24 anni, anoressica, potrà farsi uccidere. E se fosse tua sorella? Alessandro, 18 anni, bullizzato. Potrà farsi uccidere. E se fosse tuo figlio? Maria, 70 anni, ha un tumore. Potrà farsi uccidere. E se fosse tua nonna? Lucia, 45 anni, disabile. Potrà farsi uccidere. E se fosse tua mamma? #NOEUTANASIA». Questi sono i messaggi pubblicitari che già campeggiano in diverse città italiane e che da oggi arriveranno anche a Bergamo. I circoli locali del Popolo della Famiglia sostengono pienamente le ragioni della campagna pubblicitaria messa in atto da Pro Vita e Famiglia di Bergamo e dalle altre associazioni aderenti, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla legalizzazione del suicidio assistito che, in seguito al caso Cappato e per la mancata azione della politica, avverrà tra pochi giorni a seguito di una sentenza della corte costituzionale.

7 – Guasto alla linea ferroviaria tra Treviglio e Cassano, traffico in tilt

È stata un’altra mattinata da dimenticare per i pendolari della Bassa che ogni giorno viaggiano sulla tratta Verona-Milano. I disagi sono partiti già dalle prime ore di questa mattina. Tutti o quasi i treni della tratta hanno accumulato un ritardo dai 20 ai 45 minuti. Solo attorno alle 9.30 è arrivata la comunicazione ufficiale di Trenord. «Possibili ritardi fino a 30 minuti, limitazioni e variazioni a causa di un guasto agli impianti, di competenza Rfi, che regolano la circolazione ferroviaria, tra le stazioni di Cassano d’Adda e Treviglio. I tecnici sono al lavoro per risolvere il guasto lungo la linea. Prestare attenzione agli annunci e ai monitor in stazione».

8 – Controlli in borghese a Zingonia, un arresto per droga

Nel pomeriggio di ieri, a Zingonia di Ciserano, i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato un algerino di 32 anni, senza fissa dimora e irregolare sul territorio nazionale. Motivo: tentato spaccio di una dose di hashish e la detenzione di altri nove pezzi già confezionati, pronti per essere ceduti.

 

18 SETTEMBRE

 

1 – In ospedale per partorire: tragedia. Muore la bambina. poi la mamma

Tragedia per una famiglia originaria del Burkina Faso e che vive a Torre Boldone. Il marito accompagna la moglie in ospedale per partorire – la coppia ha già due figlie di 11 e 7 anni – al Pesenti Fenaroli di Alzano Lombardo, ma in sala parto qualcosa non va per il verso giusto. La bimba muore nel venire alla luce ma il parto ha conseguenze drammatiche anche per la mamma, 36 anni, dipendente di una società di pulizie di Bergamo: il trasferimento d’urgenza all’ospedale Papa Giovanni XXIII non è risolutivo. Il padre è andato in Questura a sporgere denuncia.

2 – Booksharing, a Caravaggio nove stazioni di scambio e 450 libri

Nove stazioni di scambio e oltre 450 libri donati alla comunità. Sono numeri che stupiscono e incoraggiano quelli dell’iniziativa di booksharing iniziata quasi per scherzo quest’estate a Caravaggio. Doveva durare solo due settimane, ma il progetto ora vive a tempo indeterminato e anzi continua ad ampliarsi.

3 – Festa in strada anche a Boccaleone sabato pomeriggio

Giochi, laboratori, street food, sport e dj set: a Boccaleone questo fine settimana la festa è in strada. Il 21 settembre via Cornagera e via Gandhi si trasformano in palcoscenico grazie alla Rete Sociale del quartiere.

4 – Ville abusive da due milioni. Maxi sequestro a Trescore

Un complesso immobiliare costruito in un’area sottoposta a vincolo paesaggistico, a Trescore, con ville abusive del valore complessivo di un milione e 800 mila euro. I carabinieri di Bergamo stamattina hanno sequestrato gli immobili di proprietà degli Horvat, famiglia di etnia rom. I tre capofamiglia si erano resi protagonisti della sparatoria di piazza mercato di Trescore dell’8 agosto 2017, e sono tutt’ora ai domiciliari. Dalle indagini è emerso anche che alcuni artigiani impiegati durante la costruzione non erano stati pagati, anzi, erano stati allontanati con delle minacce. Indagato anche il tecnico addetto alla sorveglianza edilizia del Comune di Trescore.

5 – Bici rubata in vendita su internet: fa denunciare 2 ragazzini

Ha ritrovato la bici che gli hanno rubato in vendita su internet e in collaborazione con gli agenti della polizia locale è riuscito a recuperarla e denunciare i responsabili, due ragazzini. È successo nei giorni scorsi a Seriate. La foto del mezzo era stata pubblicata in un annuncio su Subito.it, tra i più noti portali di questo genere: 120 euro il prezzo.

6 – Operaio 69enne va al lavoro e muore per malore

È andato al lavoro, come ogni mattina, nella ditta di cui era titolare a Cividino, frazione di Castelli Calepio. Un 69enne, però, ha accusato un malore e si è accasciato a terra. La tragedia nella prima mattina di oggi, intorno alle 7.

7 – Sacchital acquista Dupol all’asta, confermati i 30 dipendenti

Salvaguardia di occupazione e produzione : il caso della Dupol Srl, azienda di Zanica specializzata nella lavorazione di carte speciali per l’industria alimentare e in imballaggi flessibili, ha avuto nell’ultima settimana la soluzione che dipendenti e organizzazioni sindacali si aspettavano, come riportato oggi in un comunicato diffuso dalla Cisl provinciale. Sacchital , gruppo di Pregnana Milanese, ha avanzato in sede di asta giudiziaria, l’offerta utile per acquisire l’azienda, mantenendo tutti i 30 dipendenti, la sede produttiva e promettendo interventi e investimenti per riavviare una produzione che ha vissuto periodi difficoltosi. Dal 2014, infatti, la Dupol Srl era in regime di concordato; la stessa Sacchital, nel 2018, era riuscita a creare una newco, la Dupol next, per prendere in affitto la vecchia società, anche se nel corso di quest’anno si è concretizzata la procedura di fallimento, e si è arrivati all’assegnazione all’asta. «Siamo naturalmente soddisfatti del risultato ottenuto – dicono Giuseppe Autiero, Fistel Cisl, e Paolo Turani, Slc Cgil -, perseguito nonostante il percorso da subito si sia dimostrato travagliato. A questo proposito, un plauso va a tutti i lavoratori, che hanno appoggiato ogni sforzo nella trattativa sindacale e capito le grandi difficoltà che si incontravano. La più grande paura era che l’azienda potesse cadere nelle mani di gruppi di speculatori, che si impossessassero del nome e delle macchine, lasciando poi solo macerie. Con Sacchital (gruppo da 235 dipendenti), abbiamo ottenuto le garanzie che chiedevamo riguardo a solidità e efficienza, e la nuova società sarà subito valutata anche in misura degli investimenti previsti sul capannone di via Padergnone».

8 – Rete insieme per l’allattamento: a Bergamo il 25 settembre l’annuale convegno nazionale Unicef

Sarà Bergamo a ospitare, settimana prossima, mercoledì 25 settembre presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi nel Complesso di Sant’Agostino, il “XIV Incontro della Rete Insieme per l’allattamento – L’empowerment dei genitori favorisce l’allattamento”, evento nazionale dell’Unicef sull’importanza dell’allattamento per il bambino e per la mamma. «La scelta di Bergamo non è casuale. Ats Bergamo ha ricevuto, il 16 maggio 2017, dopo tre anni di proficuo lavoro in collaborazione con le Asst e le strutture territoriali, il prestigioso riconoscimento dell’Oms/Unicef “Comunità Amica dei Bambini”, per aver adottato pratiche per sostenere l’allattamento nel quadro dell’iniziativa “Insieme per l’Allattamento: Ospedali & Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell’allattamento”, programma internazionale che aiuta i servizi sanitari a migliorare le pratiche assistenziali rendendo protagonisti i genitori e sostenendoli nelle scelte per l’alimentazione e le cure dei propri bambini”, commenta Carlo Tersalvi, direttore sanitario di Ats Bergamo.

 

17 SETTEMBRE

 

1 – In bicicletta da Sombreno a Zogno. Inaugurata la pista ciclopedonale

Oggi è stata inaugurata la pista ciclopedonale Sombreno-Zogno, il percorso che ripercorre il sedime della dismessa Ferrovia della Valle Brembana nel tratto compreso tra la stazione di Sombreno nel comune di Almè e la stazione di Brembilla nel comune di Zogno. Erano presenti il presidente della Provincia Gianfranco Gafforelli, il consigliere delegato alle Grandi opere e Infrastrutture Mauro Bonomelli, oltre ai rappresentanti dei Comuni coinvolti e a Norma Gimondi, figlia del campione Felice, che ha tagliato il nastro. Nel corso della cerimonia il presidente Gafforelli ha annunciato infatti la volontà di intitolare la pista ciclabile alla memoria di Felice Gimondi, dal momento che il percorso attraversa i luoghi di nascita e di residenza del grande campione. Il progetto nasce dalla necessità di riqualificare il vecchio sedime ferroviario che lungo il percorso offre scenari naturali, architettonici ed artistici di inestimabile bellezza, e di migliorare la circolazione ciclistica e soprattutto pedonale attorno ai comuni interessati. L’itinerario ha lo scopo inoltre di raccordare le piste ciclabili esistenti del Parco dei Colli a sud del comune di Almè e della Ferrovia Valle Brembana a nord del comune di Zogno, nonchè di collegamento alla pista ciclopedonale di Clanezzo e a quella in previsione della Val Brembilla. L’importo totale dell’opera è di 1 milione e 200mila euro finanziati per 522.572,66 euro dalla Regione mediante Unioncamere e partecipazione dei Comuni di Almè, Villa d’Almè, Sedrina e Zogno e Comunità Montana Valle Brembana, e per 648.022,11 euro dalla Provincia di Bergamo. Il tratto, lungo circa 8 chilometri interessa i Comuni di Almè, Villa d’Almè, Sedrina e Zogno. Sul percorso sono presenti sette ex stazioni ferroviarie in stile liberty, 11 gallerie da un minimo di 73 a un massimo di 222 metri e 4 ponti con luce superiore a 10 metri.

2 – “Enjoy your stay”: mappa di Città Alta a misura di turista

Ospitality, comitato cha ad oggi conta circa settanta strutture ricettive non alberghiere in Città Alta, ha presentato oggi, alla presenza del sindaco Giorgio Gori e nella cornice di Piazza Mascheroni vestita di verde da I Maestri del Pesaggio, quella che è stata definita «la prima mappa di Città Alta a misura di turista». Realizzata sulla base dell’esperienza diretta con i turisti, sempre alla ricerca di indicazioni credibili ed esperte su luoghi, esperienze, servizi di cui godere dentro le mura della città, la mappa raccoglie, in un unico strumento, tutta una serie di suggerimenti per trascorrere momenti speciali nel solco della tradizione e non solo. «Oltre alle indicazioni di monumenti, musei, luoghi e viste panoramiche da non perdere – spiega Chicca Maffioletti di Ospitality – nella mappa sono presenti suggerimenti per passare piacevolmente la vacanza fra ottimi bar, golosità, ristoranti, shopping e wellness. Per coloro che si concedono periodi di vacanza prolungati, proponiamo anche corsi di lingua italiana, di cucina, esperienze in bici, e-bike, cavallo, servizi di car sharing e auto con conducente per visitare i dintorni e magari degustare anche del buon vino». Curata da Renata Amigoni, la mappa di ispirazione “googleliana” per l’utilizzo dei puntatori che ne rendono semplice e chiara la consultazione, è stata realizzata in 30.000 copie in distribuzione gratuita presso le strutture aderenti ad Ospitality.

3 – Addio Max Aquilino, morto per malore il patron di MaxLife

Si è spento questa notte Mario Aquilino, per tutti Max, noto imprenditore di Calvenzano. Un malore improvviso lo ha portato via. Lascia la moglie Manuela Carnevale e due  figli Giuseppe e Gianmario. I funerali saranno celebrati giovedì alle 10 a Calvenzano. Aquilino era riuscito a creare un’impresa di successo, con gli ambulatori Medicallife a Calvenzano e la linea di prodotti cosmetici associata e MaxLife, il network per imprenditori del lusso creato due anni fa.

4 – Altro scontro tra auto e moto. Pontirolo, muore un centauro

Incidente mortale questa mattina verso le 8.15 a Pontirolo, nei pressi del “Laghetto San Michele”. Scontro tra auto e moto: il centauro non ce l’ha fatta. La moto, una Zontes guidata da Cristian Maccarini, classe 1981, residente a Canonica, arrivava da Canonica verso Pontirolo, in via Bergamo. L’auto, una Ford Fusion guidata da un infermiere in pensione classe 1946 di Caravaggio, si è immessa nella rotonda. Dopo aver impegnato l’incrocio l’automobilista si è accorto dell’arrivo della moto e si è fermato, pensando che la moto sarebbe riuscita a passare nel varco lasciato libero. Il motociclista invece ha frenato improvvisamente cadendo a terra e ha colpito violentemente la fiancata dell’auto. Per lui non c’è stato nulla da fare.

5 – Niente segni di violenza sul corpo recuperato a Tavernola

Serviranno ancora esami e accertamenti approfonditi. Ma, per il momento, dall’autopsia eseguita ieri a Milano sul cadavere recuperato nella Ford Fiesta ripescata il 5 settembre a Tavenola non sarebbero emerse tracce evidenti di violenza. Il giallo resta aperto.

6 – Rimpatrio dell’ex Imam: volo solo il 12 ottobre

Hafiz Muhammad Zulkifal, l’ex imam di Zingonia, espulso dopo il processo a Cagliari per terrorismo, vuole tornare in Pakistan. Ha anche avvisato la famiglia. Ha tutti i documenti necessari avuti dall’ambasciata. Ma ora c’è un altro intoppo: fino al 12 ottobre non c’è un volo utile, gli ha detto l’avvocato.

7 – Quota 100, flop a Bergamo: poche domande

Sono 2.619 le richieste presentate dai cittadini bergamaschi per aderire a «Quota 100», l’uscita anticipata dal mondo del lavoro. I numeri di Bergamo sono al di sotto delle previsioni iniziali. Secondo le stime calcolate da Inps lo scorso anno avrebbero dovuto essere circa novemila i possibili candidati.

8 – Formigoni condannato a pagare un maxi risarcimento da 47 milioni di euro alla Regione

Roberto Formigoni condannato a pagare un maxi risarcimento da 47 milioni di euro alla Regione. A stabilirlo ieri, lunedì 16 settembre 2019, è stata la Corte dei Conti. I sequestri effettuati, anche a Lecco, nei confronti dell’ex numero uno di Regione Lombardia, che oggi sta scontando ai domiciliari la pena inflittagli per corruzione, diventano definitivi. A risarcire la Regione dovranno anche essere gli altri professionisti coinvolti nella maxi inchiesta Maugeri San Raffaele.

 

16 SETTEMBRE

 

1 – Via Tiraboschi, lavori quasi terminati. Riasfaltatura di notte, tra il 17 e il 19

Nella notte tra martedì e mercoledì e in quella tra mercoledì e giovedì (tra il 17 e il 19 settembre) Il Comune provvederà a riasfaltare via Tiraboschi. Un intervento necessario dopo i lavori di allargamento delle aree pedonali di queste ultime settimane, intervento ormai agli sgoccioli. La via sarà quindi interrotta al traffico privato tra le ore 20 e le 5 di entrambe le notti, sarà consentito invece il traffico dei mezzi pubblici fino alla mezzanotte.

2 – Evade dai domiciliari fingendo di essere all’ospedale

Nel tardo pomeriggio di domenica 15 settembre, i carabinieri della stazione di Romano di Lombardia hanno arrestato T.S.A., una donna italiana di 34 anni, risultata assente all’atto del controllo eseguito dai militari nell’abitazione in cui stava scontando gli arresti domiciliari. L’evasa, sottoposta alla misura cautelare dei domiciliari per il reato di rapina aggravata, è stata successivamente rintracciata al Pronto soccorso dell’ospedale di Romano di Lombardia. I militari hanno accertato che vi si era recata solo dopo il controllo all’abitazione di detenzione, mossa che la donna fatto nel tentativo di procurarsi un alibi per giustificare, adducendo motivi sanitari, l’assenza dal domicilio.

3 – Dolore e sconcerto per la morte di Leandro Aloe

La notizia della scomparsa di Leandro Aloe, 33 anni, residente a Sotto il Monte, ha sconvolto non solo amici e partenti, ma anche i tanti appassionati di due ruote che con lui condividevano la grande, sconfinata passione per le motociclette. Aloe era un biker conosciuto e stimato. Migliaia i chilometri che aveva percorso sulle strade del Lecchese, della Bergamasca, della Brianza e non solo. Ma ieri la sua vita è finita in un letto dell’ospedale di Merate a causa dei traumi riportati in un incidente avvenuto proprio mentre si trovava in sella alla sua adorata Ducato Tanti gli attestati di stima, i ricordi, gli omaggi che in queste ore hanno riempito la rete, come quello dei Motociclisti Bergamaschi: «Non eri solo un fratello biker ma anche un amico , vero e sincero. Non ci sono parole per la tua scomparsa, vorrei solo che tornasse indietro il tempo per evitare questo crudele destino». E ancora: «Un ragazzo riservato, tranquillo, anche un po’ misterioso… Non sono mai riuscito ad inquadrarti appieno ma ti ricorderò per sempre come una persona buona con la passione comune per la moto. Un amico insomma… Buon viaggio Leandro, ciao».

4 – Investito stamane in Brebemi. Morto un pedone di 46 anni

Un pedone è stato travolto da un mezzo in corsa questa mattina poco prima delle 8 sulla A35 nel tratto che da Calcio porta a Chiari, in direzione Brescia. L’incidente è avvenuto sulla corsia centrale. Sul posto si sono precipitati i soccorritori della Croce Rossa di Romano di Lombardia con un’ambulanza e un’automedica ma per la vittima non c’è stato niente da fare. L’uomo, un 46enne, è morto pochi minuti dopo.

5 – Arrestati capi ultrà della Juventus, perquisizioni anche a Bergamo

Come riportano i colleghi di nuovaperiferia.it, è in corso dalle prime ore della mattina, lunedì 16 settembre, una vasta operazione della Polizia di Stato di Torino, coordinata dal Gruppo Criminalità Organizzata della locale Procura della Repubblica, nei confronti delle frange ultrà della Juventus. Nell’ambito dell’operazione denominata “Last Banner”, la Digos di Torino sta eseguendo 12  misure cautelari nei confronti dei capi e dei principali referenti dei “Drughi”, di “Tradizione-Antichi Valori”, dei “Viking”, del “Nucleo 1985” e di “Quelli … di via Filadelfia”, indagati a vario titolo per associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata. Sono in corso – con il coordinamento della Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione – 39 perquisizioni con la collaborazione delle Digos di Alessandria, Asti, Como, Savona, Milano, Genova, Pescara, La Spezia, L’Aquila, Firenze, Mantova, Monza, Bergamo e Biella, nei riguardi di 37 fra i principali referenti dei summenzionati gruppi ultrà (ed anche del “Nab – Nucleo Armato Bianconero”), anch’essi indagati nell’ambito della medesima indagine.

6 – Investito sulla Brebemi, morto un pedone di 46 anni

Un pedone è stato travolto da un mezzo in corsa questa mattina poco prima delle 8 sulla A35 nel tratto che da Calcio porta a Chiari, in direzione Brescia. L’incidente è avvenuto sulla corsia centrale. Sul posto si sono precipitati i soccorritori della Croce Rossa di Romano di Lombardia con un’ambulanza e un’automedica ma per la vittima non c’è stato niente da fare. L’uomo, un 46enne, è morto pochi minuti dopo.

7 – Cambio gomme, frode da un milione. Imprenditore di Parre nei guai

La Tenenza della Guardia di Finanza di Clusone, nel corso di due verifiche fiscali nei confronti di una ditta e di una società di Parre – succedutesi nel tempo – e operanti nel settore del commercio, riparazione e sostituzione di pneumatici per autoveicoli ha scoperto che le due imprese contabilizzavano fatture per operazioni inesistenti, al fine di frodare l’Iva. Nel corso delle ispezioni, l’attenzione dei finanzieri si è concentrata sui documenti di acquisto di pneumatici emessi da società che, attraverso specifici approfondimenti investigativi, sono risultate delle mere «cartiere», cioè soggetti privi di qualsivoglia struttura aziendale, intestate a «prestanome», create appositamente per emettere fatture false e consentire di evadere l’Iva. Complessivamente i militari hanno accertato la contabilizzazione di fatture false per un imponibile pari a 1.315.450 euro ed Iva per 289.348 euro.

8 – Fermato ed espulso un marocchino già colpito dal decreto a maggio

Nuovi controlli sul territorio per la Locale di Spirano. Venerdì, intorno alle 11, gli agenti hanno provveduto a controllare un soggetto vicino a piazza della Libertà, che con atteggiamenti sospetti e a bordo di una bicicletta da donna con passeggino posteriore, si aggirava in paese nei pressi di un’attività commerciale. Alla richiesta di fornire documenti atti alla propria identificazione, la persona ha immediatamente fornito una carta di identità italiana. Ma, in quanto cittadino extracomunitario, non ha esibito il permesso di soggiorno necessario per attestare la propria presenza sul territorio italiano. Il soggetto, identificato poi in N.M. di origine marocchina, ha così tentato di giustificarsi, dichiarando di aver lasciato a casa la ricevuta di rinnovo del documento. Gli operanti, ritenendo però le dichiarazioni del fermato non veritiere, hanno immediatamente accompagnato il soggetto all’Ufficio Immigrazione della Questura di Bergamo. Qui gli agenti hanno scoperto che egli risultava colpito da decreto di espulsione, come da provvedimento del Questore di Bergamo emesso il 9 maggio 2019. Terminati gli atti di rito, il soggetto è stato preso in consegna dal personale della Questura e accompagnato coattivamente all’aeroporto della Malpensa per essere imbarcato alle 18.30 su un volo per il rimpatrio.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia