Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (12-17 settembre 2016)

Notizie su Bergamo e provincia (12-17 settembre 2016)
15 Settembre 2016 ore 10:50

17 SETTEMBRE

 

1 – Ritrovato il corpo senza vita di Apollonio Gimondi, il pescatore 60enne di cui non si avevano più notizie

Sabato 17 settembre è stato purtroppo ritrovato il corpo senza vita di Apollonio Gimondi, il pescatore 60enne di Gerosa di Val Brembilla di cui non si avevano più notizie dal pomeriggio di venerdì 16 settembre. Le ricerche dell’uomo sono iniziate già la sera di quel giorno e sono andate avanti fino a tarda notte, per poi riprendere la mattina di sabato, fino alla tragica scoperta. Stando alla prima ricostruzione dei soccorritori intervenuti, pare che l’uomo sia uscito di casa verso le 14 con meta il canale Mulini. Alle 16.30, però, si è scatenato un violento acquazzone che ha reso tutta l’area molto scivolosa, già di suo impervia. E sembra proprio che ad essere fatale per Gimondi sia stata una caduta causata dal fondo instabile.

2 – Dalmine, niente tasse per un anno per le persone colpite dalla tempesta di luglio

I consiglieri comunali di Forza Italia (Gianluca Iodice) e Lega Nord (Claudia Maria Terzi e Fabio Facchinetti), promotori della mozione denominata “Misure fiscali a favore dei cittadini e delle attività economiche danneggiati dal nubifragio”, hanno annunciato l’approvazione all’unanimità del loro documento nella seduta del Consiglio Comunale di Dalmine tenutasi venerdì 16 settembre. Più concretamente, ciò significa niente tasse per almeno un anno per chi ha subito danni di rilievo a causa della tromba d’aria che lo scorso 31 luglio scolpì violentemente il territorio comunale di Dalmine. I consiglieri, soddisfatti, spiegano: «Oltre alle devastazioni subite dal patrimonio pubblico, i privati cittadini hanno avuto 3,4 milioni di euro di danni. Una parte di questi (1,2 milioni) riguardano i residenti, mentre una porzione ancora maggiore (2,2 milioni) grava sulle spalle delle attività economiche: negozi e imprese che pagano le tasse a Dalmine e danno lavoro ai dalminesi. Riteniamo che il Comune debba far di tutto per alleggerire il costo della tromba d’aria che si è abbattuta sul nostro territorio. Nel medesimo Consiglio abbiamo votato, su proposta dell’Amministrazione, l’esonero dagli oneri per i lavori di manutenzione straordinaria, ma pensiamo che tale misura non sia sufficiente. Proprio per questo, seguendo l’esempio di Bergamo e Treviolo, abbiamo sottoposto al Consiglio Comunale un’iniziativa molto più significativa dal punto di vista economico». Anche il Pd si è dimostrato d’accordo: «Abbiamo accolto con favore la proposta del Pd di emendare la mozione per chiedere un intervento anche Regione Lombardia – aggiungono i proponenti –. Ma in attesa di questa decisione, è importante che i dalminesi sappiano che ci sarà un aiuto concreto da parte del proprio Comune». Spetterà ora all’Amministrazione Comunale definire i criteri per l’accesso agli sgravi e la somma da mettere a disposizione a copertura delle misure fiscali.

3 – Scopre ladri in casa e chiede aiuto: uno dei due furfanti fermato da dei passanti al Villaggio degli Sposi

Alcune persone che stavano passeggiando per le vie del Villaggio degli Sposi a Bergamo, intorno alle 16 di sabato 17 settembre, si sono rese protagoniste di un gesto importante, come riportato da Bergamonews. Un uomo, infatti, ha scoperto nella sua casa dei ladri e ha deciso di seguirli anche in strada, chiedendo intanto aiuto. Uno dei due malviventi è purtroppo riuscito a scappare su un’auto familiare immettendosi su via Cavalli e tamponando anche un’altra auto, mentre il secondo ladro è stato prontamente braccato da alcuni passanti, che lo hanno steso a terra e hanno poi chiamato i carabinieri. Sul posto sono arrivate per prime due pattuglie della Polizia locale e successivamente i Carabinieri. L’uomo è stato fermato con l’accusa di tentato furto e rapina.

4 – Treno per l’aeroporto, ecco i soldi. Frequenza elevata, trecento posti

Buone nuove sul fronte del progetto del treno per Orio: c’è la copertura finanziaria. Da un incontro tra l’assessore regionale ai Trasporti Alessandro Sorte e l’amministratore delegato di Fs, Renato Mazzoncini, è sortito l’impegno a stanziare 180 milioni di euro per il collegamento con lo scalo aeroportuale. Il piano è ancora nelle fasi iniziali, ma si starebbe lavorando su un collegamento leggero – con un treno di capienza attorno ai 300 passeggeri -, ma con una frequenza elevata.

5 – Fondazione Donizetti, i nomi per la nuova governance

Dopo il passaggio da privata a pubblica, la Fondazione necessita di una nuova governance. Da 5, i posti alla guida dell’ente sono diventati 7, con 4 nomi designati dal sindaco e i restanti 3 dal Consiglio dei donatori. Il Corriere della Sera Bergamo rivela che se tra questi ultimi è possibile che figuri un esponente della famiglia Bosatelli, essendo la Gewiss una fondatrice, nel quartetto di designazione comunale i nomi in gioco sono quelli di Enrico Fusi (già assessore alla Cultura), l’ex funzionario comunale Giovanni Thiella e il commercialista Giorgio Berta, chiamato direttamente dal sindaco. E il Corriere ipotizza che sarà prorio Berta a sedere al posto della presidenza. Le minoranze, invece, hanno calato il loro tris di preferenze per l’unico posto che il Comune ha deciso di destinare a loro nel board della Fondazione: l’avvocato Stefano Rovetta, l’ex assessore alla Cultura del Comune di Bergamo Claudia Sartirani e Gianni Pagnoncelli, fratello del noto sondaggista. Sarà uno di loro tre a completare il quadro.

6 – La Procura a Belotti: nessun accanimento contro di lui

Niente concorso esterno per associazione a delinquere nei confronti degli ultrà atalantini. Sono cadute le accuse contro il segretario provinciale della Lega Daniele Belotti «Voglio vedere se ora qualcuno degli inquirenti ha il coraggio di chiedermi scusa», ha detto lui. Un’uscita indiretta (ma neanche troppo) nei confronti del pm Carmen Pugliese. Non s’è fatta attendere la replica della Procura di Bergamo, nella persona del capo, Walter Mapelli. «Mi corre l’obbligo di precisare che un processo non è una partita di calcio. Il processo mira all’accertamento dei fatti e come noto ha tre gradi di giudizio. Se non ci sono elementi idonei a sostenere l’accusa si viene dichiarati innocenti al di là di ogni ragionevole dubbio».

7 – Operaio muore per malore a Ponte San Pietro: donate le cornee

Ieri mattina, a causa di un malore, è morto a Ponte San Pietro Ruggero Alessio, operaio di 54 anni. Abitava a Presezzo con la madre. I familiari hanno voluto donare le sue cornee. Secondo i racconti dei colleghi, l’uomo si sarebbe accasciato a terra all’improvviso. Inutili le manovre di soccorso degli operatori del 118.

8 – Apg Airlines lancia il collegamento Nizza-Bergamo

Una compagnia low cost francese inauguerà alla fine di ottobre il nuovo collegamento fra la più nota città della Costa Azzurra e Bergamo. I nuovi voli a basso costo per Nizza in partenza dall’aeroporto Orio al Serio di Apg Airlines saranno operativi a partire dal prossimo 28 ottobre con due frequenze settimanali. Ricordiamo che Nizza è già collegata con l’Italia da diverse compagnie aeree, tra cui Alitalia ed Easyjet.

9 – Nuovo parco a Orio: si vola nel futuro

Da una parte gli aerei che partono in continuazione. Dall’altra il parco Collodi, un’opera, avveniristica firmata dallo studio Marchingenio degli architetti Ferdinando e Massimiliano Mandarini, Si tratta di un ampliamento del già esistente giardino di via 25 Aprile. Sarà inaugurato ufficialmente oggi alle 17. E’ dotato di skatepark, ping pong, calcio balilla e panchine su due colliette a lato di una struttura ipogea, che ospita un salone. C’è anche un ruscello.

10 – La polenta takeaway va forte in tv

Marco Pirovano e PolentOne passano il turno. Sono nella semifinale di giovedì prossimo a «Detto fatto», trasmissione di Rai2, per le Olimpiadi dello Street Food. Se la dovrà vedere con Monia e le sue bruschette da Follonica, i due soci Karim ed Alessandro che friggono pesce, Marina Dalla Lella con la piada di Rimini.

11 – Il Gruppo Vitali rifarà gli aereporti di Malpensa e Napoli

Gruppo Vitali è sempre più leader nella realizzazione e riqualificazione di piste aeroportuali. Ha iniziato oggi i lavori a Malpensa: si tratta di due affidamenti e riguardano la gestione straordinaria di una delle due piste presenti nell’aeroporto più importante del Nord-Italia. Inoltre il gruppo si è aggiudicato l’adeguamento delle infrastrutture di volo dell’aeroporto Internazionale “Capodichino” di Napoli, ottavo scalo italiano con oltre sei milioni di passeggeri/anno.

 

16 SETTEMBRE

 

1 – Nuovo ponte tra Gorle e Scanzo. Ma solo per pedoni e biciclette

Un nuovo ponte, ma solo per bici e pedoni. In grado di decongestionare il traffico “dolce” tra Gorle, Scanzo e Pedrengo, che sul vecchio Ponte Marzio non ha sostanzialmente spazio. L’accordo di programma è scaturito nell’ultimo Cda del Consorzio di Bonifica. La nuova opera renderà possibile il collegamento tra la rete ciclabile del Plis Serio Nord con la ciclovia per la Valle Seriana.

2 – Molestie a ragazze in zona Triangolo: la segnalazione di un lettore

Un lettore ci segnala che un gruppo di ragazzi di colore tra i 20 e i 30 anni, in abiti scolastici, altezza circa 1,80 metri con i capelli corti, in zona Triangolo a Bergamo, si divertono a molestare fisicamente le ragazze che incontrano con insistenza. «Sono dovuto intervenire – scrive il lettore – poco più di un’ora fa in soccorso di due ragazze bionde straniere. Sono sospettati già di una precedente aggressione sempre ai danni di una ragazza bionda nella stessa zona. Ho già segnalato personalmente alle forze dell’ordine il fatto: han detto che avrebbero subito mandato una volante».

3 – Parte il bonus cultura. Ascom dà indicazioni alle librerie bergamasche

Parte l’operazione cultura per i diciottenni del 2016. Librai e cartolai possono iscriversi sul sito www.18app.it e offrire ai neo maggiorenni la loro proposta culturale. Il bonus cultura di 500 euro, che il Governo ha messo a disposizione dei ragazzi che compiono i 18 anni nel 2016, può essere utilizzato per acquistare libri, anche scolastici, e biglietti di teatro, cinema, musei, mostre. I ragazzi, una volta registrati sull’app, troveranno veri e propri negozi virtuali presso i quali fare acquisti. Il sito, operativo da ieri sera, ha iniziato a popolarsi di offerte. Gli esercenti che intendono parteciparvi devono accreditarsi al portale 18app, e da lì gestire tutte le fasi – dalla vendita alla fatturazione – degli acquisti fatti con il bonus cultura. Il bonus si potrà utilizzare oltre che online anche fisicamente (il sistema permetterà di generare un codice-buono legato al nominativo di ogni ragazzo e che sarà riconosciuto automaticamente in negozio). Per consumare tutti i 500 euro, i ragazzi avranno tempo fino a fine del 2017.

4 – Vendita di libri alla Biblioteca Mai

Domenica 18 settembre, dalle 9 alle 17, presso la Biblioteca Civica Angelo Mai di Bergamo sarà possibile acquistare libri d’arte, di letteratura e di interesse locale a prezzi vantaggiosi, grazie alla vendita organizzata dalla Commissione cultura e dall’Associazione Amici della Biblioteca in occasione della manifestazione Millegradini. Il ricavato verrà utilizzato dall’Associazione a favore della Biblioteca, secondo quanto previsto dallo Statuto.

5 – Campagnola, tenta di uccidere la moglie. Salvata dall’intervento della figlia

Avrebbe usato una frase del tipo «Se non sarai mia, non sarai di nessuno» prima di tentare di strangolare la moglie. C.S., moldavo di 43 anni di Campagnola, non ci stava proprio ad accettare il fatto che la moglie avesse un altro uomo. Quindi le ha stretto la mani al collo. È successo in via Ferruccio dell’Orto. L’uomo è in carcere per tentato omicidio premeditato. La fortuna di questa donna è che la figlia di 20 anni sia arrivata in tempo, dopo aver accompagnato il fratellino a scuola. L’ha salvata: ha sentito le sue urla dall’interno, ha gridato al padre di aprire, ha praticato un massaggio cardiaco alla madre. Che era viva. La prognosi è di venti giorni, ha i segni al collo e un trauma cranico, ma ha rischiato grosso.

6 – Ragazza investita in via Simoncini: traffico impazzito

Traffico in tilt stamattina in centro a causa di un incidente. Una ragazza di 22 anni è stata investita in via Simoncini verso le 10. La notizia positiva è che la 22enne, soccorsa da un’ambulanza, non sarebbe in condizioni gravi. Così come la donna di 34 anni che guidava la vettura. Il traffico, invece, è impazzito: la zona è delicata dal punto di vista viabilistico (è il tratto di strada che collega via San Giorgio con via Bonomelli). Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia locale. La situazione è tornata alla normalità intorno alle 11.

7 – Sisma, sindacati e Confindustria offrono un’ora di lavoro

Confindustria Bergamo e le segreterie confederali territoriali di Cgil, Cisl e Uil, nell’ambito delle varie iniziative in corso di implementazione a sostegno delle popolazioni terremotate, hanno inteso promuovere congiuntamente, a livello locale, la raccolta di fondi avviata dalle strutture confederali nazionali, al fine di agevolarne la massima diffusione. Imprese e lavoratori potranno versare il corrispettivo di un’ora di lavoro su un conto corrente a titolarità congiunta. L’importo raccolto sarà devoluto dalle strutture confederali nazionali per la realizzazione di interventi di assistenza. La consapevolezza che situazioni di emergenza di questa gravità devono necessariamente attivare uno sforzo solidaristico straordinario, in tutto il territorio nazionale, rende assolutamente opportuno che sia resa operativa rapidamente, anche nel territorio bergamasco, questa iniziativa emergenziale, che coinvolge tutte le imprese industriali associate a Confindustria Bergamo, i lavoratori e le rappresentanze sindacali.

8 – Stazione, inaugurati i nuovi parcheggi per le moto e l’area taxi

Stamane alle 10.30 è stata inaugurata la nuova area taxi e moto di piazzale Marconi: nelle scorse settimane si sono svolti i lavori di sistemazione dell’area adiacente al parcheggio Metropark e l’Amministrazione può ora presentare le novità sul completamento del polo intermodale dell’area, con oltre 50 stalli moto in più, una nuova area per il parcheggio dei disabili e una nuova soluzione per quello che riguarda il kiss&ride.

9 – Il sindaco di Spirano prepara carte d’identità padane da regalare a Pontida

Giovanni Malanchini si fa chiamare borgomastro. Per dire che lui è leghista “così”. Il sindaco di Spirano, alla vigilia del raduno di Pontida (il clou sarà domenica) ha tirato fuori un altro cilindro dal cappello: la carta d’identità padana. Chiarisce subito che «il documento non è riconosciuto e non ha nessun valore legale, ma ha un fortissimo significato identitario, per chi crede nella Lega». Quindi ne regalerà 250, come gadget.

 

15 SETTEMBRE

 

1 – Denunciato per aver rotto la vetrina torna nello stesso bar per incendiarlo

Denunciato a piede libero per aver spaccato la vetrina del bar “Il Corsaro” di Bonate Sotto, non s’è arreso. Tornato sul posto con l’intento di terminare l’opera, aveva in mente di dar direttamente fuoco al locale. Martedì T. S., serbo di 39 anni domiciliato a Madone, è tornato alla carica. Ma dei residenti, sentiti rumori sospetti e viste le fiamme, hanno dato l’allarme ai carabinieri di Ponte San Pietro e ai vigili del fuoco. Il fuoco è stato domato e l’uomo portato in caserma.

2 – Venduto l’ex Diurno: comprato per 791mila euro

Non si sa ancora chi sia l’acquirente. Certo è che il Demanio è riuscito a cedere l’ex Centro Diurno, lo spazio di circa 1.200 metri quadrati che si estende sotto Piazza Dante. Una svolta attesa da quarant’anni. Il 29 luglio 2015 l’asta sulla base di un milione e 270mila euro era andata deserta: ora la vendita si è chiusa sulla base di 791mila euro.

3 – Colpita sulla pancia dove c’era la sua bambina: il racconto

«Si sono avvicinati e hanno iniziato a colpirmi proprio lì, dove c’era la mia bambina. Ho avuto tanto paura». È la drammatica ricostruzione – fatta a L’Eco di Bergamo – dell’aggressione subita da una giovane 28enne di origine nigeriana, residente a Romano di Lombardia, aggredita per rapina sul treno Brescia-MIlano. La giovane è stata picchiata nei pressi di Rovato da due giovani che hanno tentato di rubarle il telefonino. Ha reagito subito all’attacco, ma nella successiva collutazione la coppia di ladri non ha esitato a colpirla con calci, pugni e morsi. La 28enne, approfittando della frenata del treno, è riuscita ad allontanarsi con lo smartphone in mano e ha chiesto aiuto. La donna, alla 38ª settimana di gravidanza, è stata portata al pronto soccorso del «Mellini» di Chiari. Dopo poche ore la donna ha dato alla luce una bambina, in ottima salute. I due malviventi, invece, sono stati fermati dai carabinieri.

4 – Gori in Regione? La Lega: sarebbe un fatto grave. Ma lui smentisce

La Lega tiene fisso nel mirino il sindaco Giorgio Gori senza concedergli un giorno di tregua. L’ultima punzecchiatura arriva attraverso un post pubblicato su Facebook da Alberto Ribolla, capogruppo lumbard a Palazzo Frizzoni, che annuncia un’interpellanza in Consiglio Comunale. L’argomento è intrigante: che cosa sta pensando di fare Gori nel futuro? Scrive Ribolla: «Dopo le numerose e continue notizie di stampa (mai smentite) secondo cui il sindaco di Bergamo sarebbe intenzionato a candidarsi come Presidente della Regione Lombardia, ho ritenuto opportuno presentare un’interrogazione urgente per fare chiarezza». Se infatti, sostiene Ribolla, «fosse confermata la candidatura di Gori in Regione sarebbe un fatto grave: significherebbe che Bergamo e i suoi cittadini verrebbero utilizzati come taxi per le ambizioni personali del nostro sindaco, che avrebbe già deciso, dopo solo due anni e mezzo, di andarsene dalla nostra città. Significa che invece di avere un progetto serio per la città aveva solo l’ambizione di fare altro». Ma Gori ha risposto in modo lapidario alle provocazioni: «Faccio il sindaco con piacere e con il massimo impegno, come credo chiunque possa testimoniare. Non ho quindi mai pensato di candidarmi ad altri ruoli». Le prossime elezioni regionali si terranno nel 2018, le comunali a Bergamo nel 2019.

5 – Maxi operazione antidroga a Zingonia. Camion di hashish da Marocco e Spagna

Maxi operazione antidroga della polizia di Bergamo. Il via durante la notte. Sono in corso d’esecuzione, nel comprensorio di Zingonia – composto dai comuni di Verdellino, Ciserano, Boltiere e Osio Sotto – e nelle province di Brescia, Cosenza, Firenze, Modena, Monza, Ragusa e Trapani, 16 provvedimenti di custodia cautelare in carcere, tre di divieto di dimora nella provincia di Bergamo e 40 decreti di perquisizione nei confronti di diversi gruppi criminali composti principalmente da cittadini marocchini dediti allo spaccio di hashish. All’operazione, condotta dai poliziotti della squadra mobile bergamasca e coordinata dal Servizio centrale operativo della Polizia di Stato, hanno preso parte 150 agenti di provenienti anche dalle squadre mobili di Brescia, Cosenza, Cremona, Firenze, Mantova, Modena, Ragusa, Trapani, dal Commissariato di Monza, dal Reparto prevenzione crimine Lombardia, dal Reparto volo di Milano Malpensa, dalle Unità cinofile di Milano e dal Reparto mobile di Padova.

6 – Omicidio di Seriate, scomparsa una collanina

Nuovi misteri sull’omicidio di Seriate. Prima i referti medici, ritenuti compatibili con possibili maltrattamenti. Ora si parla di una collanina sparita, a cui la vittima sarebbe stata molto affezionata. Così, stando al racconto del marito della vittima, Antonio Tizzani, indagato a piede libero (l’uomo si difende dai sospetti affermando di non aver mai picchiato la moglie), dei figli, Paolo e Mario, e dei conoscenti.

7 – Sono 49 i ribelli islamici indagati per l’assalto alla moschea islamici

Due mesi dopo, sono 49 gli indagati per i disordini della moschea di via Cenisio. «L’accusa – scrive il Corriere della Sera Bergamo – è violazione di domicilio e danneggiamento. Dopo quasi 60 giorni la Digos ha terminato le indagini su quella giornata. Era il 22 luglio, quando un gruppo di ribelli islamici ha sfondato la porta della moschea, sigillata da febbraio. Era stato il presidente del Centro islamico, Mohamed Saleh, a chiuderla a chiave, dopo settimane di tensione nella via tra due gruppi di islamici. Così la parte ribelle, quel giorno, ha deciso di sfondare la porta a pedate. C’era stata anche una chiamata dei rinforzi sulla pagina Facebook dei Muslim Young-Bg da parte dei ribelli che volevano riprendersi la moschea. “Rispondiamo all’appello ragazzi… Vi invitano ad andare tutti uomini donne e bambini a sostenere i vostri fratelli bloccati all’interno della moschea di via Cenisio!!!!”, diceva il post sul social network cancellato qualche giorno dopo. I rinforzi sono arrivati. E all’interno dell’edificio gli islamici hanno pregato e mangiato ghiaccioli, fino a quando un incendio dentro la moschea (la relazione tecnica dei vigili del fuoco parla di corto circuito) li ha costretti a uscire».

8 – Tra le cime delle Orobie appare un “Nido di Pietra”

Domenica 18 settembre, alle  15 al Rifugio Curò, sulle alpi Orobie, inaugura il “Nido di Pietra” di Marta Petteni, giovane architetto che ha visto premiare la sua opera nell’ambito di Sentieri Creativi 2016, l’iniziativa giunta alla sesta edizione promossa dal Comune di Bergamo in collaborazione con il Club Alpino Italiano e l’Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo e con il patrocinio del Comune di Valbondione e del Parco delle Orobie Bergamasche. Un luogo, una struttura circolare realizzata con pietre locali disposte a secco che vuole essere completamento naturale della conca che la accoglie. Uno spazio fruibile da tutti e per tutti, che inviti al riposo, alla contemplazione, al silenzio ma anche alla socializzazione e all’incontro. Sulle pareti del nido gli otto “consigli” incisi nella roccia diventano preziosi suggerimenti per stare nel nido e viverlo in tutte le sue forme: ascoltare, osservare, sognare, contemplare, accogliere, respirare, crescere, percepire.

9 – Prova fuoristrada per il veicolo a guida autonoma made in Bergamo

Venerdì 16 Settembre alle ore 14.00 presso il Parco Tecnologico Padano di Lodi verrà presentato al pubblico e alla stampa “Usad” (Urban Shuttle Autonomously Driven), il veicolo a guida autonoma progettato dal team del Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Comunicazione dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e dai ricercatori del laboratorio Ira (Informaticts and Robotics for Automation). Un progetto iniziato nel 2008 quello guidato dal professor Domenico Sorrenti e che ha coinvolto brillanti neolaureati, dottorandi e dottori di ricerca, tra cui il bergamasco Augusto Ballardini che, dopo un periodo di un anno presso l’Università di Madrid, è tornato per proporre nuove sperimentazioni da applicare al prototipo. Il veicolo, a tutti gli effetti un robot e il cui ciclo base è “sense, plan, act”, è dotato di strumentazione sensoriale ed attuativa, grazie alle quali la guida viene resa autonoma e indirizzata verso il trasporto di merci e persone in area urbana.

10 – Trovato morto il 44enne di Rigosa scomparso da martedì

Oliviero Ghirardi, detto Pacio, 44 anni di Rigosa, scomparso nella giornata di martedì, è stato ritrovato morto. Il suo corpo è stato scoperto sulla Cornagera dopo essere scivolato sul sentiero che conduce al monte Poieto. I famigliari martedì sera avevano diffuso un appello attraverso i social network per cercare di ritrovarlo. Ghilardi aveva lasciato il paese verso le 17 per una passeggiata e le telecamere di videosorveglianza lo avevano ripreso – in tenuta da montagna con una zainetto – mentre s’incamminava verso il sentiero che conduce al Poieto.

 

14 SETTEMBRE

 

1 – Processo Morandi, truffa e furto. Il pm chiede 5 anni e 4 mesi

Cinque anni e quattro mesi per truffa e furto. Questa la richiesta del pm Carmen Pugliese per l’ex sindaco di Valbondione Benvenuto Morandi, ex direttore della filiale Private della Intesa Sanpaolo di Fiorano al Serio. L’accusa, per l’ex primo cittadino, è di aver sottratto circa dieci milioni di euro dai conti dell’imprenditore Gianfranco Gamba, della moglie Mariuccia Pezzoli e della figlia Simona. Nel mirino anche falsee rendicontazioni nei confronti di decine di risparmiatori della valle.

2 – Accusato di voyeurismo, si lancia dalla finestra

Hanno fatto irruzione in casa sua, a Ciserano, armati di coltello e vetri di bottiglia, minacciandolo e cercando di aggredirlo. L’accusa? Voyeurismo. Cioè, avrebbe fatto il guardone dalla finestra. Per questo motivo un 30enne pachistano, che vivecon altri quattro connazionali nel condominio Anna 1, in via Bologna 2, si è gettato dalla sua finestra, al secondo piano, finendo sulla tettoia dell’ingresso e fortunatamente ferendosi solo a una caviglia.

3 – Pullman guasto a Treviglio. E il traffico manda in tilt gli animi

Un guasto proprio all’incrocio tra viale del Gasperi e viale Piave, uno degli svincoli più importanti di Treviglio, vicino alla stazione centrale. Un autobus di linea si è fermato di botto, stamattina all’ora di punta (le 8 circa). Il traffico, inevitabilmente, ha fatto tilt. Anche perché era uno di quei pullman doppi, snodabile, e ha occupato buona parte della carreggiata Molti automobilisti hanno lamentato anche la completa assenza della polizia locale.

4 – Moro, 700mila euro dal Ghana. La difesa: sono guadagni leciti

Tutti leciti i soldi sul suo conto di Lugano: un milione e 103 mila euro, sequestrati all’ex assessore comunale Marcello Moro. Lo dice l’avvocato Nadia Germanà, difensore dell’ex esponente di Forza Italia. Le accuse per Moro sono pesanti: corruzione e finanziamento illecito dei partiti per una presunta tangente da 50 mila euro che l’imprenditore Pierluca Locatelli dice di avergli versato al fine di sbloccare il pagamento per i lavori al complesso di Sant’Agostino. Ieri la spiegazione del legale. Nel mirino in particolare 700mila euro versati in contanti: frutto di lecite consulenze immobiliari in Ghana, si affretta a precisare Germanà. Il difensore ha prodotto i bonifici arrivati a una società che Moro aveva costituito a Malta e successivamente approdati alla Pbk Private Bank di Lugano, sul conto che l’ex assessore gestiva tramite una fiduciaria milanese.

5 – Omicidio di Seriate, il marito nega di aver mai picchiato la moglie

Botte? Macchè. Antonio Tizzani nega di aver mai fatto del male a sua moglie. Una volta sarebbe caduta, però. Nelle indagini sull’omicidio di Gianna del Gaudio, a Seriate, stanno emergendo nuovi elementi. Tra cui numerosi referti medici da cui risulta che la donna è stata sottoposta a più visite. Referti compatibili, secondo gli inquirenti, anche con percosse, ma che, all’epoca, erano stati liquidati come incidenti domestici. Come spesso avviene anche nelle migliori famiglie, peraltro. Ricordiamo che Tizzani resta l’unico indagato, anche se a piede libero e come atto dovuto.

6 – Ladri acrobati sui pali della luce a Treviglio: spariti 900 chili di cavi di rame

Fa sempre più gola, il rame. Facile da rubare e da rivendere a buon prezzo. Così ieri dei ladri specializzati in questo genere di furti – serve preparazione, perché sulla linea di alimentazione corrono 15mila volt – sono entrati in azione a Treviglio: sono stati rubati circa 1.200 metri di cavi dai pali dell’Enel, situati in un terreno di via Pagazzano. A dimostrare la loro professionalità, anche se applicata per azioni malavitose, anche il fatto che sono arrivati sul posto con un camion, su cui poi hanno caricato la refurtiva. Prima, però, l’hanno utilizzato per agganciare il capo dei fili e dare forma alle varie bobine, spostandolo più volte circolarmente nel prato.

7 – Auto radiocomandate: la star è carvichese

Tutto è iniziato quando aveva 13 anni e da Carvico, dove abitava, suo papà l’ha accompagnato a Osnago in un negozio di modellismo chiamato «Bbf» per comprare la sua prima auto radiocomandata. E’ nata così la passione per questa disciplina che ha portato Mirko Belli, carvichese di 28 anni, ad aggiudicarsi il titolo di campione italiano delle auto radiocomandate a scoppio. «E’ stato un anno impegnativo – racconta il giovane – Mi sono cimentato nel campionato italiano che è costituito da quattro gare sparse in tutta Italia e a cui partecipano appassionati da tutte le regioni. La prima si è svolta a Rosignano Marittima, in provincia di Livorno, il 24 aprile e lì mi sono classificato secondo, la seconda è stata a Castelnuovo Calcea, in provincia di Asti, il 29 maggio quando mi sono piazzato terzo, la terza gara invece è stata nel mese di giugno a Ruffano in provincia di Lecce dove ho vinto il primo posto, mentre l’ultima è stata domenica 4 settembre a Barco in provincia di Reggio Emilia. In quest’ultima occasione mi sono classificato quarto, ma la somma dei vari punteggi mi ha permesso di vincere l’intero campionato».

8 – Presentato libro “Walter Bonatti. Il sogno verticale”

Martedì 13 settembre, a cinque anni dalla scomparsa di Walter Bonatti (22 giugno 1930 – 13 settembre 2011), uno dei più grandi alpinisti italiani oltre che esploratore e giornalista bergamasco, Provincia di Bergamo e l’Unione Bergamasca delle Sezioni e Sottosezioni Cai hanno ricordato la grande figura con un evento aperto al pubblico che si è tenuto nella Sala Consiglio del Palazzo di via Tasso alle ore 17: la presentazione del nuovo libro “Walter Bonatti. Il sogno verticale”, con la partecipazione dell’autore Angelo Ponta.

9 – Infermiera a giudizio: avrebbe tentato di avvelenare il marito

Avrebbe tentato di avvelenare il marito Laura Mappelli, 48 anni, di Premolo, e per questo è stata rinviata a giudizio. Lo ha deciso ieri il gup Ciro Iacomino al termine di un’udienza preliminare che s’è giocata soprattutto sulle consulenze mediche. La donna era stata arrestata il 12 dicembre dello scorso anno dalla squadra mobile della questura (ora è agli arresti domiciliari) con l’accusa di aver attentato alla vita del marito Bortolo Rossi, autista di bus di 42 anni, originario di Villa d’Ogna, con un’iniezione di insulina. L’uomo non era mai stato in cura per diabete e non aveva mai, comunque, assunto quella sostanza in vita sua. La donna, secondo l’accusa, avrebbe sciolto nel caffè del marito una dose di sonnifero per intontirlo, per poi iniettargli l’insulina che avrebbe avuto in suo possesso.

 

13 SETTEMBRE

 

1 – Morte di Piermario Morosini, condannati i tre medici intervenuti

Martedì 13 settembre sono stati condannati i tre medici che il 14 aprile 2012 intervennero allo stadio adriatico di Pescara per soccorrere il calciatore del Livorno Piermario Morosini, poi purtroppo deceduto. I tre imputati erano il medico del 118 di Pescara Vito Molfese (un anno di condanna), il medico sociale del Livorno Manlio Porcellini (8 mesi) e quello del Pescara Ernesto Sabatini (8 mesi). I tre imputati sono stati anche condannati, insieme alla Asl di Pescara e al Pescara Calcio, al pagamento di una provvisionale di 150mila euro. La sentenza è stata pronunciata dal giudice Laura D’Arcangelo nel processo di primo grado sulla morte del calciatore bergamasco. Il pm Gennaro Varone aveva invece richiesto 2 anni di reclusione per Vito Molfese e assoluzione perché il fatto «non costituisce reato» per il medico sociale del Livorno Manlio Porcellini e il medico del Pescara Ernesto Sabatini. A spiegare la decisione del giudice è Edoardo Cesari, avvocato di parte civile in sostituzione di Giovanni Vezzoli e in rappresentanza di Maria Carla Morosini: «Per Molfese sono emersi obblighi di responsabilità civile legati al mancato uso del defibrillatore e ai tempi di intervento».

2 – Incidente tra un’auto e un furgone sulla Villa d’Almè-Dalmine, tre feriti e lunghe code

Nel pomeriggio di martedì 13 settembre, lungo la Villa d’Almè-Dalmine, un’auto e un furgoncino di sono scontrati alle 16.30 circa. Il bilancio dell’incidente è di tre feriti, due donne di 70 e 74 anni e un uomo di 80, ma fortunatamente nessuno di questi sarebbe grave. Decisamente più rilevanti, invece, le ripercussioni sul traffico automobilistico, con grossi disagi alla circolazionedata anche l’ora e il punto nevralgico in cui lo scontro è avvenuto.

3 – Ripartiti i lavori in piazzale Marconi per la costruzione dell’info point

Sono ripresi lunedì 12 settembre i lavori di realizzazione del padiglione di informazione turistica in piazzale Marconi. Ad aggiudicarsi il cantiere l’impresa Cividini. È nelle ultime ore è stata sistemata la recinzione dell’area di lavoro e nei prossimi giorni i lavori riprenderanno a pieno ritmo. Dureranno, si stima, almeno 100 giorni e realizzeranno la parte mancante del progetto di riqualificazione del piazzale della stazione firmato da Ines Lobo. Venerdì 16 settembre, alle 10.30 e alla presenza dell’assessore alla Mobilità Stefano Zenoni e di quello ai Lavori Pubblici Marco Brembilla, sarà presentata una novità del progetto: la realizzazione di oltre 50 posti moto e di un’area di sosta per disabili accanto al parcheggio Metropark.

4 – Occhi elettronici accesi in Città Alta. Centro storico off limits per i furbetti

Le telecamere che controllano i varchi di Città Alta ora faranno scattare le multe: non c’è più possibilità di scampo per i furbetti. Il centro storico ha una zona ha traffico estesa per le chiusure del venerdì e sabato sera e nelle ore diurne della domenica. Durante l’estate sono state svolte tutte le prove per verificare che non ci fossero errori di programmazione nei software. Quattordici gli occhi elettronici messi in campo, di nuova fattura. Chiuse anche due falle che i più esperti conoscevano bene. Le telecamere presidiano i varchi di via Sant’Alessandro, via Pelabrocco, viale Vittorio Emanuele, via Maironi da Ponte, via Castagneta, via Fontana, via Astino, via Borgo Canale e via al Pascolo dei Tedeschi. Resta ovviamente in vigore il divieto di transito, con multa, nelle vie interne di Città Alta, dove vige una Ztl 24 ore e il transito rimane riservato ai soli residenti.

5 – Botte a un pensionato di Seriate per rapinarlo: in ospedale

Domenica poco dopo le 18 l’aggressione nel pieno centro di Seriate. Un pensionato di 74 anni, Renato Persiani, ex capoturno alla Dalmine, è finito al Bolognini con il naso rotto, vari traumi al volto e un trauma cranico. Gli aggressori sarebbero 3 o 4 nordafricani. Mentre percorreva via Molino Vecchio, nei pressi della stazione, l’hanno afferrato per il collo e l’hanno buttato a terra. Gli hanno rubato la catenina e altri monili in oro. Dieci i giorni di prognosi.

6 – Un rapace li attacca in Val Seriana: paura ma nessun ferito

Un’aquila, o forse una poiana. Comunque tanto spavento per Pierluigi Comi, 51 anni di Fara Gera d’Adda, e sua moglie Marina. Lunedì 12 settembre, verso mezzogiorno, i due escursionisti, nella zona del passo San Simone, a circa 2.100 metri di quota, in territorio di Valleve, sono stati attaccati in picchiata. Una mossa dettata dallo spavento, probabilmente, ma nessuna conseguenza per i due.

7 – Gori: «Bene il Patto per Milano, ora quello per la Lombardia»

«Bene il Patto per Milano, ma il Governo deve pensare a tutta la Lombardia»: nel giorno in cui il Presidente del Consiglio Matteo Renzi è a Milano per la firma con cui il Governo promette misure per lo sviluppo e investimenti per 1.5 miliardi a favore della città, il sindaco di Bergamo Giorgio Gori chiede di guardare a tutta la regione. «Il Patto per Milano è certamente un fatto positivo – afferma Gori – ma la Lombardia non è solo Milano. La Lombardia ha 12 province e 10 milioni di abitanti, ed è di gran lunga – nel suo insieme – la regione che maggiormente contribuisce ai bilanci dello Stato. Pensare solo a Milano sarebbe quantomeno riduttivo».

8 – Si tuffa, ma c’era il divieto: salvata dai sub volontari

Si è tuffata nell’Adda, al confine tra Fara e Cassano, dove era ben visibile il divieto di balneazione. E in un punto in cui sono annegate parecchie persone. Fortunatamente per lei, in quel momento i sommozzatori volontari di Treviglio si trovavano nelle vicinanze, a bordo del loro gommone: così sono potuti prontamente intervenire e salvarla. Lieto fine di una vicenda che poteva prendere una bruttissima piega per una donna italiana di 40 anni, domenica alle 18.30.

 

12 SETTEMBRE 

 

1 – Morti due giovani sulla strada. Uno a Seriate, l’altro a Scanzo

Niente da fare per Aramis Gambirasio. Il sedicenne di Seriate, sabato sera, si è schiantato in moto contro un lampione. E’ morto oggi pomeriggio e la famiglia ha deciso di donare gli organi.  Domani avrebbe iniziato il quarto anno all’istituto Natta. Nella notte tra domenica e lunedì, poi, per un incidente avvenuto nella galleria di Montenegrone, a Scanzorosciate,se n’è andato Samuele Piazzini, 21 anni, di Alzano Lombardo. Era su una delle due auto che si sono scontrate.

2 – Boccaleone: passarella sulla ferrovia e pista ciclabile fino a Seriate nel 2017

Grosse novità in vista per quello che riguarda il futuro del quartiere di Boccaleone. L’Amministrazione di Bergamo è infatti al lavoro per realizzare il prossimo anno due importanti infrastrutture per la connessione del quartiere, ovvero la nuova passerella di collegamento tra via Rovelli e via Rosa e la pista ciclopedonale che connetterà il quartiere a Seriate.

3 – Riapre il Parco Avventura in piazza Mascheroni

Questa mattina il Parco Avventura allestito in piazza Mascheroni nell’ambito della manifestazione I Maestri del Paesaggio è stato riaperto al pubblico. I tecnici intervenuti per verificarne la sicurezza, dopo che ieri pomeriggio il parco era stato chiuso a causa di una piattaforma inclinata, hanno accertato che la struttura è in ordine e sicura sotto tutti gli aspetti. La struttura è sotto monitoraggio continuo e qualora dovesse ripetersi il forte afflusso, come nello scorso fine settimana, l’accesso alla struttura sarà regolamentato a turni.

4 – Frontale tra auto a Costa Volpino. Morta una 38enne, altri due feriti

Gravissimo schianto domenica pomeriggio a Costa Volpino. Morta una 38enne di Breno. Altre due persone sono rimaste ferite. Lo schianto è avvenuto sulla statale 42, pochi minuti prima delle 17. Secondo la prima ricostruzione si tratterebbe di uno scontro frontale tra due vetture, una Mercedes GLA e una Fiat Punto. La 38enne bresciana era sulla Punto. Sul posto sono arrivati gli operatori del soccorso sanitario con l’elisoccorso e due ambulanze. Altre due persone, che erano a bordo della Mercedes, sono rimaste ferite: una 65enne è stata trasportata in elisoccorso all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, un 72enne è stato trasferito con l’ambulanza del 118 a Esine, nel Bresciano.

5 – Furti in casa, ladro seriale ripreso da una telecamera

Lo spauracchio dell’Isola sta per essere messo alle strette. Nelle ultime settimane un ladro ha messo a segno una serie di colpi nell’area. Ma, durante l’ultimo, l’occhio indiscreto di una telecamera l’ha catturato. Il suo volto è stato immortalato durante un raid in una villetta di Bonate Sopra in pieno giorno, alle 11,30, quando il proprietario era uscito con il cane. Cercava denaro o gioielli: ha frugato nei cassetti della camera e del bagno ma non ha portato via un computer portatile in vista e una bicicletta del valore di 500 euro.

6 –  Incidente a Brusaporto, grave una 41enne: estratta dall’auto.

Schianto tra due auto ieri verso le 19 sull’asse interurbano, a Brusaporto. Il sinistro ha causato lunghissime code in direzione Bergamo e un ferito grave, una 41enne, estratta dall’abitacolo: la sua auto si è ribaltata. Le sue condizioni sarebbero preoccupanti: è stata trasportata in codice rosso all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. C’era anche un 33enne sull’auto: solo ferite lievi per lui.

7 – Abuso di alcol per una 17enne: portata in ospedale

Poco dopo la mezzanotte di sabato il 112 ha ricevuto una richiesta di soccorso da Rovetta, in particolare dalla zona di via Madonna di Sommaprada. «A destare preoccupazione – scrive L’Eco di Bergamo – è stata una diciassettenne, vittima di intossicazione etilica nella zona attorno alla parte nord del Parco Vilafant, dove era in corso una festa giovanile autorizzata. La ragazza è stata soccorsa dalla Croce Blu di Gromo e trasferita (in codice verde) all’Ospedale Locatelli di Piario. Per fortuna, nulla di grave».

8 – Risse e aggressioni, in stazione non c’è mai tregua

Nonostante i maggiori controlli, in stazione risse e aggressioni sono all’ordine del giorno. Basta che ci sia un momento di vuoto del pattugliamento, come è normale che possa essere, per assistere a scene che fanno male, proprio come è successo sabato pomeriggio quando è scoppiata una rissa in via Angelo Mai. C’è un video inviato a L’Eco di Bergamo in cui si vede un uomo che cerca lo scontro con un rivale in mezzo alla strada, tra le auto che transitano. L’ennesimo episodio di violenza è stato sedato solo grazie all’intervento delle volanti della Questura che hanno bloccato i due uomini pochi minuti dopo la chiamata da parte di un passante.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia