Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (29 gennaio-3 febbraio 2018)

Notizie su Bergamo e provincia (29 gennaio-3 febbraio 2018)
01 Febbraio 2018 ore 09:00

3 FEBBRAIO

 

1 – La Moioli è d’oro in Germania, la Goggia d’argento a Garmisch

Sabato da incorniciare (ancora una volta) per le due regine delle nevi di Bergamo: Michela Moioli e Sofia Goggia, nelle rispettive ultime prove prima della partenza per la Corea del Sud, dove si terranno i Giochi invernali 2018, hanno strappato podi e applausi. Partiamo dalla campionessa di snowboard cross di Alzano Lombardo: per lei sesto podio consecutivo e ottava vittoria in carriera in Coppa del Mondo. La vittoria (netta) è arrivata a scapito della canadese Zoe Bergermann e della francese Julia Pereira de Sousa Mabileau. Solo sesta la francese Chloe Trespeusch, risultato che consente alla Moioli di allungare in classifica di Coppa e consolidare il primo posto davanti alla transalpina.

A Garmisch, invece, è la stella di Sofia Goggia a brillare: nella prima prova di discesa in Coppa del mondo in programma nel weekend, infatti, la sciatrice bergamasca è arrivata seconda dietro soltanto a un’imbattibile Lindsey Vonn. Per la Goggia è il diciannovesimo podio in carriera, il sesto di questa stagione: un risultato che le consente di mantenere il ruolo da leader della classifica generale di discesa a due gare dalla fine della stagione. Secondo appuntamento del fine settimana domani, domenica 4 febbraio.

2 – A Caravaggio i funerali di Ida Milanesi, una delle tre vittime dell’incidente ferroviario di Pioltello

Si sono svolti nel pomeriggio di sabato 3 febbraio, al Santuario di Caravaggio, i funerali di Ida Milanesi, 61 anni e neurologa al Besta di Milano, una delle tre vittime del terribile incidente ferroviario della scorsa settimana a Pioltello. Tantissime le persone presenti, tra cui anche il sindaco di Caravaggio, Claudio Bolandrini, che ha anche decretato tre giorni di lutto cittadino, e i rappresentanti delle forze dell’ordine. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha fatto recapitare una corona di fiori. La cerimonia è stata officiata da don Franco Perdomini ed è iniziata con un lungo corteo funebre, partito dalla casa della donna e giunto al Santuario. Il momento più toccante, però, è stata la testimonianza della figlia Valentina, che ha ricordato con poche e semplici parole chi fosse sua madre: una donna sempre pronta a dare una mano a chi avesse bisogno, paziente e non. Lunedì 5 febbraio, sempre a Caravaggio, si terranno i funerali di un’altra vittima dell’incidente ferroviario, Pierangela Tadini, ma questa volta nella chiesa parrocchiale di Fermo e Rustico.

3 – Incidente di Pioltello, lunedì 5 prevista la rimozione dei vagoni

A partire da lunedì 5 febbraio, inizieranno i lavori di rimozione dei vagoni del treno protagonista del tragico incidente ferroviario avvenuto il 25 gennaio scorso all’altezza di Pioltello e nel quale hanno perso la vita tre donne e sono rimaste ferite 46 persone. Procura e forze dell’ordine, intanto, continuano ad indagare per cercare di ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente. Per questo motivo sono state rimosse alcune parti dei binari, che saranno analizzati in laboratorio. Ricordiamo che, nell’ambito dell’inchiesta, sono già state iscritte nel registro degli indagati otto persone fisiche, tra cui gli amministratori delegati di Trenord e Rfi, a cui si aggiungono le due stesse società.

4 – A Oltre il Colle, 53enne muore per un malore mentre stava facendo sci di fondo

Poco prima di mezzogiorno di sabato 3 febbraio, un uomo di 53 anni è morto mentre stava praticando sci di fondo lungo la pista alla conca dell’Alben, a Oltre il Colle. Secondo le prime informazioni, sarebbe stato colto da un malore improvviso. I soccorritori, giunti sul posto con un elicottero, non hanno potuto fare altro che constatare la morte dell’uomo purtroppo.

5 – Il Comune di Bergamo presenta la Linea C, che sarà attiva da lunedì 5 febbraio

Nella tarda mattinata di sabato 3 febbraio, alla presenza del ministro dell’Agricoltura Maurizio Martina, del sindaco Giorgio Gori, del presidente e del direttore generale di Atb, Alessandro Redondi e Gianni Scarfone, e dell’assessore comunale alla Mobilità Stefano Zenoni e di quello regionale Alessandro Sorte, è stata inaugurata, a Bergamo, la nuova Linea C, ovvero la prima linea di trasporto pubblico su gomma totalmente elettrica e dotata di pensiline digitali di tutta Italia. Il servizio sarà attivo a partire da lunedì 5 febbraio e sarà reso possibile dai dodici nuovi bus elettrici realizzati dalla Urbino Solaris. Un progetto ambizioso e importante, costato complessivamente sette milioni di euro.

6 – Tre rapine con pistole e spranghe. Banda dell’Audi, un’ora di fuoco

Risoluti, ben armati, rapidi e organizzati. Una banda composta da quattro persone ieri, nel giro di un’ora, ha svaligiato un appartamento a Pognano e poi rapinato un’edicola a Dalmine e una tabaccheria a Brembate. I malviventi si sono spostati a bordo di un’Audi Station Wagon di colore scuro. Due erano armati di spranghe, uno di pistola: uno spiegamento di forze apparso esagerato per il tipo di obbiettivi scelti, cioè negozi di dimensioni modeste.

7 – Quel nome falso sul passaporto usato già 19 volte

Respinto alla frontiera. Una procedura che viene messe in pratica per alcune irregolarità nei documenti presentati. All’aeroporto di Orio al Serio l’anno scorso sono stati 800, i cosiddetti respingimenti. Non sono pochi. Ha fatto notizia il caso di un 25enne albanese arrestato e processato per direttissima. Sul suo passaporto c’era un nome falso, e non era difficile accorgersene: era già stato usato 19 volte, quel nome falso. Ci vuole più fantasia.

8 – Arrestato un 18enne con quasi tre etti di hashish

È stato arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti il 18enne di Bariano, trovato in possesso di circa 3 etti di hashish all’interno della sua abitazione. Sono stati i militari della Compagnia Carabinieri di Treviglio ad eseguire il blitz nella giornata di ieri, collaborati altresì da unità cinofile antidroga e per la ricerca di armi del Nucleo Cinofili CC di Orio al Serio. In casa del giovane, oltre allo stupefacente diviso in panetti, i carabinieri hanno altresì rinvenuto e sequestrato un bilancino digitale di precisione, materiale vario per il confezionamento dello stupefacente, oltre a 500 euro in contanti, ma anche una pistola scacciacani simile a quella in dotazione alle Forze di Polizia.

9 – Indice dei prezzi in crescita a gennaio, più 0,4%

Nel mese di gennaio, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività, a Bergamo, si attesta a più 0,4%. Il tasso tendenziale (la variazione percentuale rispetto allo stesso mese dell’anno precedente), sale a più 1,3% rispetto a più 1% del mese scorso. La variazione più importante si ha per la divisione «Abitazione, acqua, energia elettrica, gas e combustibili» (+più 1,7%) dovuto all’aumento di energia elettrica e gas.

10 – Parcheggi e discriminazioni: è lotta all’ospedale di Bergamo

«La gestione dei parcheggi e delle tariffe all’Ospedale di Bergamo sta creando discriminazioni tra lavoratori, istituendo fasce di serie a e b tra quanti prestano la propria opera all’interno del Papa Giovanni». Cgil, Cisl e Uil non abbassano la guardia e insistono per avere la possibilità di incontrare i gestori, la Provincia e la direzione dell’Ospedale, perché la questione delle tariffe non soddisfa le richieste e le aspettative dei lavoratori. Ieri, poi, l’apparizione del cartello che impedisce l’accesso «ai lavoratori esterni e onlus» al multipiano ha fatto scattare l’ennesima protesta: «si arriva alla pura e semplice discriminazione, per di più obbligando una buona parte dei lavoratori, quelli delle aziende in appalto, a cercare parcheggio molto più lontano dal posto di lavoro. Ieri, praticamente tutti questi lavoratori hanno rischiato di arrivare in ritardo; da domani dovranno partire da casa con un discreto anticipo per poter arrivare puntuali e non vedersi addebitare multe e penali, oltre che addossarsi la non indifferente quota del costo del parcheggio». I sindacati, con le categorie dei servizi, insistono nell’introduzione di un «abbonamento gratuito» per tutti i lavoratori del nosocomio cittadino.

 

2 FEBBRAIO

 

1 – Vittime del disastro ferroviario di Pioltello. Domani i funerali di Alessandra e di Ida

Sarà domani, sabato, il giorno dell’estremo saluto per due delle tre vittime del deragliamento ferroviario del Cremona-Milano. A Caravaggio, alle 14.30, i funerali della dottoressa Ida Milanesi, mentre a Capralba alle 15 quelli di Giuseppina Pirri, la 39enne originaria di Cernusco sul Naviglio ma capralbese «d’adozione». Alessandra abitava da anni a Capralba con la sua famiglia, i genitori e la sorella Jessica. Il sindaco Gian Carlo Soldati ha anche deciso di annullare il Carnevale in virtù del lutto cittadino: «La sfilata dei carri era prevista per domenica 4 febbraio, ma abbiamo deciso di annullarla», ha detto. «Non ci sembra rispettoso nei confronti dei parenti di Alessandra proclamare il lutto cittadino e fare la sfilata di Carnevale a così breve distanza. Il funerale si celebrerà alle 15 nella chiesa parrocchiale di Sant’Andrea Apostolo».

2 – Superenalotto, a Ciserano vittoria da 50mila euro

La fortuna bacia Ciserano: centrato un «4» al Superenalotto da oltre 50mila euro. Lo riporta Agipronews: nell’ultimo concorso si sono centrati diversi premi a cinque zeri. A Morazzone  (Varese) un doppio 5 da oltre 90mila euro, a cui si aggiungono due 4 Stella da 51mila euro ciascuno a Cinisello Balsamo e a Ciserano. La schedina della Bassa è stata giocata nella ricevitoria del Caffè del Brocca.

3 – Eurocarne, premiate a Verona due botteghe bergamasche

Giovedì, nell’ambito della Fiera agricola di Verona, la Fiesa Confesercenti nazionale ha premiato due commercianti bergamaschi. Lorenzo Carminati, titolare dell’omonima macelleria equina di via Broseta, è stato premiato «per passione, impegno, qualità, ricerca: tutto in un piccolo negozio che è una perla per la città». Carminati si è visto riconoscere il valore dell’attività aperta nel 1988, dopo aver lasciato un posto da ragioniere. La ricerca dei prodotti genuini e a kilometro zero è la caratteristica che gli ha permesso di conquistare nel tempo un’affezionata clientela. Premio anche per Valerio Mologni (e il figlio Vittorio, che ha ritirato il riconoscimento) , titolare della Bottega del buongustaio di via Borfuro, un luogo dove, secondo la motivazione, «la storia, la tradizione e la qualità si sposano con l’innovazione, la passione e la professionalità, con sapori e saperi che si tramandano di padre in figlio». È dal 1970 che la salumeria gastronomia della famiglia Mologni rappresenta un punto di riferimento per i buongustai bergamaschi e non solo. Fino al 1986 l’attività era esercitata in un piccolo negozio, poi il trasloco in un locale più grande, appena pochi metri più in là, ha consentito il definitivo salto di qualità, fino a diventare tavola calda e apprezzato wine bar.

4 – Schianto contro una pianta a Treviolo. Morto un 23enne di Vaprio d’Adda

Martedì notte si è schiantato con la sua auto a Treviolo. Trasportato d’urgenza all’ospedale Papa Giovanni XXIII, non ce l’ha fatta: ferite troppo gravi. La vittima è Davide Ruggiano Dima, 23 anni di Vaprio d’Adda. Aveva studiato all’Itis Marconi di Dalmine e amava le automobili. i. Ma proprio una quattroruote l’ha tradito. In piena notte. Ancora non è stata ricostruita la dinamica, si sa che sono stati gli amici a soccorrerlo per primi e a chiamare il 118. I suoi cari hanno postato sulla pagina Facebook di Davide una foto con questo messaggio: «Speriamo che le persone che amano Davide troveranno conforto nel visitare il suo profilo per ricordare lui e la sua vita».

5 – Manutenzione di aerei, venti posti di lavoro a Orio

L’aeroporto non è solo rumore, si sa. Fa girare tanta economica. Ora si amplia anche il settore della manutenzione degli aerei: la Seas, che ha un hangar in aeroporto e lavora sui velivoli di Ryanair, necessita di un aumento del 30 per cento della forza lavoro anche per quest’anno. Una ventina le nuove assunzioni su Bergamo. Nell’hangar di Orio, a cui se ne aggiungerà un altro, sono impiegate già 60 persone.

6 – Continui raid al cimitero di Tagliuno, per tre notti di seguito

Al cimitero di Tagliuno è il terzo raid di seguito in tre notti. Sono state portate via anche le lettere con i nomi dei defunti. I cittadini di Tagliuno sono furiosi e sfiduciati. Via suppellettili di vario genere, portavasi, statue di bronzo.

7 – Zingonia, Sequestrato mezzo etto di droga nelle ultime 24 ore

L’attenzione dei carabinieri della Compagnia di Treviglio nell’area sensibile di Zingonia prosegue senza soluzione di continuità. Come già attuato efficacemente nei mesi scorsi a Verdellino, e in particolare in Piazza Affari, i militari dell’Arma della Bassa Bergamasca stanno ripetendo con successo, anche in questi giorni,  il dispositivo preventivo di potenziamento nel controllo del territorio attraverso l’impiego dedicato della Stazione Mobile. Si tratta di un mezzo attrezzato dell’Arma nel quale vengono impiegati almeno 3 militari, di cui un maresciallo o brigadiere capo servizio, organizzata anche per acquisire le denunce sul posto, oltre che per vigilare zone particolarmente a rischio per il degrado urbano nonché la degenerazione criminale. L’ultimo intervento operativo la Stazione Mobile è stato compiuto ieri pomeriggio con il recupero di circa mezzo etto di droga da parte dei carabinieri di Zingonia. Un marocchino 30enne clandestino sul territorio nazionale e pregiudicato, alla vista dei carabinieri, si è dato alla fuga, abbandonando a terra circa 50 grammi tra hashish e cocaina. I militari sono comunque riusciti ad identificarlo e a sequestrare lo stupefacente.

8 – Centro sportivo di Seriate, lavori in corso: in primavera anche una skate plaza

Lavori in corso al Centro sportivo Luigi Innocenti di corso Roma, a Seriate. Ultimati gli interventi del primo lotto, al via il secondo. Il cantiere per la realizzazione dei nuovi campi da tennis, la sistemazione delle aree esterne e il completamento del bocciodromo è stato consegnato al raggruppamento temporaneo di imprese Artedil di Capennì Rocco & C. snc da Villa d’Adda e Prima srl da Gallarate. In primavera partiranno invece i lavori per la riqualificazione di alcuni spogliatoi e la realizzazione della skate plaza, appaltata alla ditta Fratelli Picenni.

 

1 FEBBRAIO

 

1 – Velocità, controlli sulle strade. Staccate 175 multe in un giorno

Ben 175 multe per velocità eccessiva staccate dalle forze di polizia mercoledì 31 gennaio durante l’operazione Speed Control. Contestate anche 7 infrazioni per guida senza l’utilizzo della cintura di sicurezza e 41 per altre violazioni: telefonino, casco, etc. I controlli hanno visto in campo personale della Questura e della Sezione di Polizia Stradale di Bergamo, dei Comandi provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, nonché delle Polizie Locali di numerosi Comuni bergamaschi.

2 – Papà e allenatore, Devis si è spento a 50 anni a Romano

Si è spento nella notte di mercoledì 31 gennaio Davide Premoli. Devis, così lo chiamavano tutti a Covo, aveva solo 50 anni. Lascia la moglie e i suoi tre figli, di cui due gemelli. Da anni combatteva contro un male, che aveva colpito il cervello e che non gli dava tregua. Una lotta durata otto anni, ma mercoledì notte per Davide non c’è stato più nulla da fare. Dopo i primi interventi, Davide si è sottoposto alle cure di rito. Nelle ultime settimane tuttavia la situazione si era aggravata, tanto da richiedere il ricovero a Brescia.

3 – Luigino Pirola si aggiudica il concorso del centro piacentiniano

Nel concorso per la rinascita del Centro Piacentino vince la soluzione progettuale presentata dal gruppo guidato dall’architetto Luigino Pirola. È la più attenta al valore identitario degli spazi piacentiniani, all’idea della città storica come scena allestita per la vita degli abitanti: prevista nel 2018 la riqualificazione del primo ambito di intervento su Piazza Dante e sul sistema del Quadriportico, già finanziata.

4 – Pendolari, treno per non dimenticare 7 giorni dopo la tragedia di Pioltello

Oggi come giovedì scorso. I pendolari sono tornati alla quotidianità, ma è difficile far finta di nulla. È sbagliato e ingiusto cercare di dimenticare. Lo sanno i pendolari e ora vogliono dirlo a tutti. Ha fermato pochi minuti fa alla stazione di Crema il treno 10458 da Cremona diretto a Milano Lambrate. Sui vagoni i pendolari che ogni giorno prendono il treno per raggiungere l’università o il posto di lavoro. Con loro, però, questa mattina, ci sono anche le istituzioni. Tanti i sindaci, con la fascia tricolore, che hanno voluto dimostrare la loro vicinanza alle persone rimaste coinvolte e sostenere la richiesta di maggior sicurezza sui convogli. «Chiediamo l’aiuto di tutti perché l’urlo di dolore non smetta di riecheggiare finché i responsabili non saranno puniti e le responsabilità accertate e finché essere pendolari non equivalga a essere cittadini di serie B». A dirlo davanti alle tante persone presenti questa mattina a Crema è stato il presidente del Comitato pendolari cremaschi Stefano Begatti. Anche nella stazione di Caravaggio, dove viveva Ida Maddalena Milanesi e dove era nata Pierangela Tadini (le altre due vittime del deragliamento) è stato osservato un minuto di silenzio. E poi ancora i due fischi del treno verso Treviglio.

5 – Cristiano Doni posa per il calendario 2018 della Croce Bianca

Cristiano Doni protagonista a Bergamo, ma non del mondo del calcio. L’ex capitano dell’Atalanta ha posato per il calendario 2018 della Croce Bianca Città di Bergamo. Ha smesso di giocare a calcio nel 2011 dopo la squalifica per la bufera calcioscommesse. Ora ha prestato gratuitamente la propria immagine: compare fintamente dolorante, mimando un infortunio, portato in carrozzina dai volontari dell’associazione.

6 – Rapina a mano armata con mitraglietta al Conad di Zogno: via 12mila euro

Rapina a mano armata ieri sera al Conad di Zogno, non lontano dal piazzale del mercato. Intorno alle 19.20 tre uomini in abiti scuri, con il volto coperto, due dei quali armati con mitraglietta e pistola, hanno fatto irruzione nel punto vendita. Hanno preso tutti i contanti che hanno trovato, non pochi: 12mila euro. Poi sono scappati a bordo di un’Audi A3 di colore scuro, forse nera.

7 – Federconsumatori: fa bene il Comune a realizzare una «sala del commiato» e una «sala per funerali laici»

Federconsumatori Bergamo interviene a sostegno dei progetti del Comune di Bergamo che, anche accogliendo nostre richieste e segnalazioni, sono finalizzati a realizzare una «sala del commiato» e una «sala per funerali laici» gestiti da Bof (Bergamo Onoranze Funebri). Siamo particolarmente indignati nel vedere le lamentele dei rappresentanti le associazioni di Onoranze Funebri i quali, dopo avere rinunciato alla gara per gestire direttamente la Bof, adesso contestano che l’azienda a totale partecipazione pubblica si attivi per rendere dei servizi a prezzi calmierati. A beneficio di eventuali «distratti» vogliamo ribadire che non riteniamo lecito speculare, rivendicando di fatto l’esclusiva nella gestione delle onoranze funebri, sul dolore di chi nel dato momento è colpito da un lutto familiare. Onoranze che non sono certamente assimilabili un qualunque «servizio» per il quale, prima di scegliere, le persone hanno il tempo, la voglia, le possibilità e, soprattutto, la «lucidità» necessaria per decidere in base a quanto viene loro proposto.

8 – Domiciliari in comunità, 34enne viola le regole: arrestata

È stata arrestata e portata in carcere la 34enne brasiliana, già ristretta in regime di detenzione domiciliare a Bariano presso una comunità, destinataria di un provvedimento di restrizione emesso a suo carico dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura della Repubblica di Bergamo. La donna, con alle spalle già dei precedenti penali per reati in materia di stupefacenti e contro il patrimonio, a causa delle ripetute violazioni commesse all’interno della comunità, dove da tempo si trovava appunto in affidamento in quanto beneficiaria di una misura alternativa alla detenzione, è stata così trasferita in carcere a Bergamo dai militari dell’Arma della stazione di Romano di Lombardia.

 

31 GENNAIO

 

1 – Incidente mortale di Capriate, strada da anni in attesa di riqualificazione

Lunedì mattina via Vittorio Veneto, a Capriate, è stata teatro di un incidente mortale che è costato la vita a Stefano Viganò, 40enne di Bergamo. Una tragedia che ha riportato l’attenzione sulle condizioni della strada, particolarmente traffica essendo l’arteria che porta al ponte sull’Adda, da anni in attesa di una riqualificazione. Operazione che era stata contemplata in una convenzione risalente al 2009 e rinnovata nel 2012, con un operatore che avrebbe dovuto farsi carico dei lavori. «Da quattro anni questa Giunta sta cercando di arrivare alla riqualificazione di via Vittorio Veneto e ormai l’unica strada sembra essere quella di un contenzioso legale – ha spiegato il vicesindaco Carlo Arnoldi – Nel caso specifico le condizioni della strada contano poco, le strisce pedonali sono ben visibili, ma l’intervento avrebbe dovuto interessare proprio il punto in cui è avvenuto l’incidente lunedì. Purtroppo finché non  si viene alla definizione di questa situazione il Comune non può intervenire in prima persona, dal momento che i lavori sono in capo a un altro soggetto».

2 – Crolla palo della luce a Misano, allarme sicurezza al campo da calcio

Crolla palo dell’illuminazione sul campo da calcio di Misano. È successo il 10 gennaio scorso e, dopo i rilievi tecnici effettuati, il sindaco con un’ordinanza urgente ha disposto la rimozione degli altri tre pali per motivi di sicurezza. I lavori sono già stati completati. Il campo è tornato a disposizione del Gs Misano, naturalmente solo in orario diurno. Oltre a rimuovere i pali pericolanti e a rischio crollo, è stato messo in sicurezza l’impianto elettrico nei rispettivi pozzetti di ispezione e nel quadro generale. «Stiamo aspettando i preventivi per capire quanto costerà installare nuovi pali per l’illuminazione – ha spiegato il sindaco – Stiamo parlando di un intervento da alcune decine di migliaia di euro, forse 50mila. Fondi che, al momento, non abbiamo».

3 – Carnevale di Mezza Quaresima, appuntamento il 10 e 11 marzo

Una bella soddisfazione per il Ducato di Piazza Pontida: è arrivato un riconoscimento di quelli da incorniciare. Il Carnevale di Mezza Quaresima, tradizione bergamasca, è entrato a far parte dei 15 storici Carnevali d’Italia. Per festeggiare l’edizione 2018 sarà una di quelle da ricordare, con tanto di ritorno al rasgament de la egia in Piazza Matteotti.

4 – Salva la bimba azzannata dal cane. Prima pappa e ritorna il sorriso

Leone, il cane di famiglia, l’aveva azzannata il 14 gennaio nell’appartamento di via Comin Ventura, traversa di via Cerasoli, una domenica, e da allora era ricoverata in terapia intensiva all’ospedale Papa Giovanni. Ora la piccola Katherine, 14 mesi, è fuori pericolo, per la felicità di mamma e papà Max Maldonado. Ha voluto la prima pappa e sorride: salute e serenità. Quanto a Leone, è stato dato in adozione all’Enpa: i genitori non se la sentivano più di tenerlo in casa.

5 – Concordato in vista per la cooperativa Legler, a rischio 60 lavoratori

Da tempo tira brutta aria per la Cooperativa Legler, che ora va verso il concordato in bianco: a rischio 4 negozi e 60 lavoratori. Una realtà nata nel lontano 1901 come costola del cotonificio, con il compito di acquistare alimenti all’ingrosso per poi rivenderli a prezzi calmierati. Al punto vendita iniziale di Ponte San Pietro se ne sono affiancati in oltre un secolo altri 14, in provincia e non.

6 – Medici di famiglia, in provincia 33 posti vacanti su 44

Medici di famiglia, nella Bergamasca c’è un problema. Sono 25 i medici di famiglia andati in pensione nell’ultimo semestre del 2017. Venticinque posti vacanti. In più, dei 44 posti messi a bando nell’aprile 2017 ne sono stati assegnati 11 e rimasti vacanti 33. La soluzione? Aumentare i posti nel corso di formazione specifica in medicina generale, dice il presidente dell’Ordine dei Medici di Bergamo. Al più presto.

7 – Mafia, riciclaggio, usura: condanna definitiva a 7 anni per Vincenzo Cotroneo

Ieri i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno eseguito un arresto eccellente a Calvenzano. I militari della Bassa Bergamasca hanno infatti eseguito un ordine di carcerazione a carico di Vincenzo Cotroneo, ex imprenditore trevigliese, classe 1973. L’uomo, già agli arresti domiciliari in attesa che la sua vicenda giudiziaria si concludesse, è stato infatti raggiunto da un provvedimento di carcerazione emesso a suo carico dall’Ufficio Esecuzioni Penali della Procura Generale presso la Corte d’Appello di Milano. I fatti in questione oggetto di sentenza definitiva passata in giudicato, dopo difatti il rigetto del ricorso per Cassazione, riguardano gli anni dal 2007 sino al 2015, per reati commessi a Milano e provincia, nonché in particolare il comune di Seveso. Cotroneo, qualche anno fa, era finito nello specifico in una maxi indagine della Direzione Distrettuale Antimafia di Milano riguardante le infiltrazioni della ndrangheta in Lombardia. Per tale ragione era stato già destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, poi tramutata in arresti domiciliari. Ieri, infine, l’epilogo della relativa vicenda giudiziaria dopo anche il rigetto dell’istanza di differimento della pena emesso da parte dell’Ufficio di Sorveglianza di Brescia. Cotroneo è risultato colpevole dei reati di associazione mafiosa, riciclaggio, usura e di reati finanziari, molti dei quali infatti aggravati dal cosiddetto «metodo mafioso».

8 – Rinnovamento del centro piacentiniano, domani il vincitore del concorso

Il Concorso europeo di progettazione urbana promosso dal Comune di Bergamo sta finalmente arrivando alla conclusione. Giovedì 1 febbraio una conferenza a Palazzo Frizzoni proclamerà il vincitore che ha redatto, insieme agli altri concorrenti finalisti, l’ampio progetto di riqualificazione del Centro Piacentiniano, il centro della Città Bassa il cui primo intervento previsto e già finanziato riguarderà la sistemazione di Piazza Dante e del sistema del Quadriportico.

 

30 GENNAIO

 

1 – Spaccano la vetrina, poi panini e grappa | Fuggono con un prosciutto nel sacco

Su Facebook il mitico Mauri, cioè Maurizio Morea, barista noto tra i nottambuli bergamaschi per esser stato dietro al bancone di un locale storico come il Caribe, ha scherzato con post del tipo: «Se qualcuno vede in giro un prosciutto, è mio». Infatti nella notte tra domenica 28 e lunedì 29 gennaio i ladri hanno sfondato la vetrina del suo nuovo locale, il Binario 12 in via Mai, con un tombino e hanno mangiato e bevuto tre bottiglie di superalcolici. Poi hanno preso un sacco dell’immondizia e ci hanno messo altri generi alimentari da «asporto». tra cui pacchetti di casoncelli, hamburger e, appunto, un prosciutto crudo intero. Uscendo, alticci, si sono tagliati con le schegge di vetro della finestra.

2 – L’Eudimorphodon diventa il logo del museo di scienze naturali

 

Il Museo Caffi si rinnova: un nuovo ingresso, più luminoso e visibile su piazza Cittadella, nuovi spazi per la biglietteria e il bookshop, una nuova immagine, grazie al nuovo logo di quello che è uno dei luoghi più visitati del panorama culturale della città di Bergamo. L’inaugurazione del nuovo ingresso, realizzato a partire da ottobre e finanziato dall’Associazione Amici del Museo, è stata di fatto il primo appuntamento che si prevede straordinario per il museo Caffi: si tratta infatti dell’anno del centenario del museo, anno che l’Amministrazione comunale intende festeggiare con una serie di iniziative che culmineranno nella grande mostra sui dinosauri «Noi abbiamo cento anni, loro molti di più», in calendario i primi di marzo. Il progetto è stato realizzato dagli architetti Marcella Datei e Valentina Nani: la soluzione proposta ha previsto un nuovo ingresso adiacente la porta che collega piazza Cittadella con piazza Mascheroni e quindi sposta per la prima volta l’entrata al museo sulla piazza. Sono stati recuperati tre spazi, per un totale di circa 100mq, che in precedenza erano utilizzati come deposito di materiali: in questo modo si sono create le condizioni per nuovi ambienti che possano fungere da accoglienza, biglietteria e informazione per tutti i visitatori prima di avviare la visita vera a propria. Sin dalla sua apertura, infatti, il Caffi ha sempre avuto l’ingresso al primo piano, dopo la salita dell’ampio scalone, senza alcuno spazio adibito a biglietteria o accoglienza. L’intervento consente ora di aprire nuove finestre sulla piazza: saranno infatti realizzate delle aperture su piazza Cittadella nelle quali sono state realizzate delle vetrate che consentiranno di guardare all’interno del museo, in modo da conoscere le sue attività anche nelle ore di chiusura. In occasione dei 100 anni del Museo di Scienze Naturali è stato rinnovato anche il logo del Museo, considerato ormai superato. Il nuovo logo è un evidente richiamo all’unicità dei reperti conservati in museo: spicca infatti la stilizzazione dell’Eudimorphodon ranzii, pterosauro di epoca triassica, tra i più antichi rettili volanti rinvenuti al mondo e conservato nelle sale di Piazza Cittadella.

3 – Strastezzano, 3.800 persone e 8mila euro in solidarietà

Grande successo per la quinta edizione della Strastezzano: domenica 28 gennaio, alla partenza nel parcheggio del centro commerciale Le Due Torri, si sono presentate 3.800 persone. Il 20 per cento in più rispetto all’edizione dello scorso anno. La manifestazione, che coniuga sport e solidarietà, ha ormai raggiunto un’importanza regionale. Tra gli iscritti infatti, molti provenivano dalle province di Milano, Monza e Brianza, Cremona, Brescia. Tantissimi i bergamaschi e soprattutto i cittadini di Stezzano. Raccolti ben 8mila euro che andranno a sostenere le associazioni del territorio.

4 – Ostriche nocive al ristorante stellato, la colpa è dell’allevamento francese

L’Ats ha decretato che quelle ostriche capaci di provocare gastroenterite erano contaminate nell’allevamento. Allevamento di quelli importanti, in Bretagna, apprezzato dai buongustai di tutto il mondo. Ne esce pulita, quindi, la stella Michelin del ristorante San Martino di Treviglio dove, dopo una cena prenatalizia, venti persone si erano sentite male a dicembre. «Sapevamo di aver sempre lavorato al meglio — spiega Paolo Colleoni, della famiglia che ha fondato il San Martino e lo gestisce, al Corriere della Sera Bergamo —, ora possiamo ribadirlo carte alla mano. Siamo stati buttati in pasto all’opinione pubblica ma il nostro ristorante è stato vittima della situazione».

5 – Incendi dolosi al ponte del Costone, condannato il piromane

L’incapacità d’intendere e di volere è stata esclusa. I giudici hanno emesso la sentenza: il 73 enne, presunto piromane del ponte del Costone, non sarebbe affetto da patologie psichiatriche pregresse. Niente problemi mentali, in relazione ai ripetuti incendi appicati in Val Seriana, zona Ponte del Costone, quindi alla fine è arrivata la condanna: 3 anni e 10 mesi per incendio boschivo doloso.

6 – Macchina incendiata a Ghisalba, la carcassa è ancora lì

Macchina incendiata, la carcassa è ancora lì, in paese a Ghisalba. L’incendio è divampato nella notte di martedì 23 mentre l’auto era parcheggiata in via don Sturzo. Grande la paura per i residenti che hanno sentito e poi visto le fiamme proprio sotto casa. Ora, a distanza di una settimana, il rottame è ancora lì. I vicini sono preoccupati e si sentono poco tutelati da questi fatti che coinvolgono una famiglia di etnia zingara che vive nella via. I residenti ritengono che il rogo sia stato appiccato all’auto per un regolamento di conti e diverse volte si sono recati dalla Polizia locale per chiedere la rimozione del veicolo.

7 – Il pass residenti entra nella presa d’aria, multa salatissima

Una multa più cara di quella per sosta abusiva. E questo per aver fatto entrare il pass residenti nella presa d’aria della sua auto. La vicenda la racconta oggi L’Eco di Bergamo. Lucia di Gioia deve pagaare quasi il doppio della sanzione prevista per i non residenti che occupano abusivamente le strisce gialle: 50 euro (più le spese di notifica) rispetto alle 28,50 euro (se pagate entro cinque giorni) perché il suo pass non era visibile, infilatosi appunto nella feritoia dell’aria in fase di manovra. Controllando gli elenchi della auto con pass, però, la polizia locale può decidere di non emettere il verbale, e infatti ora la cittadina ha fatto ricorso al sindaco.

8 – Bambino muore soffocato da un rigurgito

È morto soffocato a causa di un rigurgito. E a nulla è servita la corsa disperata in ospedale. È successo la notte scorsa a Carugate. Secondo quanto ricostruito, il piccolo, reduce da un’influenza, aveva mangiato una minestra e poi era stato messo a letto. La mamma a un certo punto si è avvicinata al lettino per vedere se tutto andasse bene, ma il piccolo non respirava più. Immediatamente è scattato l’allarme. Soccorritori e famiglia sono corsi in ospedale, dove però non c’è stato più nulla da fare. Il piccolo è morto, secondo il referto, per «polmonite ab ingestis», cioè asfissia da cibo. Non è stata fissata l’autopsia. A novembre era accaduto anche a Bergamo. La tragedia, che aveva colpito una famiglia senegalese, era accaduta in strada. La madre stava portando il piccolo in fascia, sulla schiena, quando è rimasto soffocato da un rigurgito.

 

29 GENNAIO

 

1 – Trafisse un cane con una freccia, 50enne condannato a 10 mesi

Con un colpo partito dalla sua balestra aveva ucciso un meticcio di 10 anni, trafitto dalla freccia. Era in cane del vicino. Accadde nel 2014 a Castione della Presolana. Per questo un cinquantenne bergamasco è stato condannato in primo grado a 10 mesi di reclusione, al pagamento delle spese processuali e al risarcimento del danno.

2 – Treno deragliato, indagati i vertici di Trenord e Rfi

La procura di Milano ha iscritto quattro persone nel registro degli indagati nell’inchiesta sull’incidente ferroviario di giovedì scorso nel milanese nel quale hanno perso la vita tre donne e altre 46 persone sono rimaste ferite. Nell’indagine, passata da ignoti a noti, l’ipotesi di reato principale è disastro ferroviario colposo. L’iscrizione è un atto dovuto per consentire agli indagati di partecipare, tramite loro esperti, alla super consulenza e alle autopsie.

3 – Politiche, Carnevali candidata all’uninominale di Bergamo

Elezioni politiche del 4 marzo, Elena Carnevali candidata all’uninomiale di Bergamo: «Questa candidatura è una grande responsabilità e mi è sembrato giusto rispondere positivamente alla richiesta. Al collegio uninominale rappresenterò tutte le forze della coalizione, con l’obiettivo primario di valorizzare ciò che come squadra parlamentare abbiamo fatto. Rappresentiamo una sintesi dei valori di centrosinistra, e in questi anni siamo stati punti di riferimento oltre i confini del Pd. Credo che questa candidatura sia un riconoscimento dell’impegno profuso per questo territorio da assessore prima e da parlamentare poi».

4 – Sterza per evitare una ragazza. Capriate, 40enne muore in moto

Un quarantenne a bordo di uno scooterone, Stefano Viganò, è morto stamattina all’alba di lunedì 29 gennaio a Capriate San Gervasio. La tragedia attorno alle 6.30 in via Vittorio Veneto, la provinciale che collega Brembate con Trezzo. Cause dell’incidente ancora da chiarire: dalle prime informazioni lo schianto sarebbe avvenuto in fase di sorpasso, con l’uomoche ha cercato di evitare una ragazza di 14 anni che stava attraversando la strada: l’ha urtata lievemente e poi è caduto sbattendo la testa. Morto sul colpo il 40enne. Per la ragazza solo qualche contusione.

5 – Maxi blitz in discoteca a Chignolo. I genitori corrono a prendere i figli

Proseguono i controlli ai locali pubblici da parte dei carabinieri della Compagnia di Treviglio e gruppo interforze. Domenica notte, a Chignolo d’Isola, i militari dell’Arma insieme ai colleghi del Nas di Brescia, al Nucleo Ispettorato del Lavoro dei Carabinieri di Bergamo, all’Inps di Bergamo, al Nucleo Cinofili di Orio al Serio, ai Vigili del fuoco di Bergamo, all’Agenzia dell’Entrate, alla Siae di Dalmine, nonché alla Polizia Locale di Brembate, hanno effettuato un blitz in una frequentata discoteca, gestita in realtà come circolo privato. I militari sono entrati in divisa, ma anche in borghese (mischiandosi con la clientela). Riscontrate diverse violazioni in materia antincendio; rilevate diverse violazioni in materia prevenzione alcol; accertate anche violazioni di carattere fiscale (principalmente, l’aver gestito tale circolo privato in realtà come una vera e propria attività commerciale). È stata poi sospesa per l’impiego di manodopera irregolare la ditta di vigilanza che ha impiegato gli addetti alla sicurezza nel locale in argomento (i buttafuori) Due su tre, infatti, non erano impiegati regolarmente e per tale motivo è stata applicata una maxi sanzione di oltre 10mila euro, oltre che ovviamente la sospensione immediata della relativa attività. Numerosi i clienti-soci presenti nella discoteca gestita come circolo durante le attività ispettive compiute, all’incirca 500, in prevalenza giovani e giovanissimi della zona, anche minorenni. All’esterno del locale è stato poi disposto un posto di blocco con diverse pattuglie, a seguito del quale sono state ritirate alcune patenti di guida, in quanto i conducenti guidavano sotto l’effetto dell’alcol. Segnalati altresì amministrativamente alla Prefettura di Bergamo, quali assuntori di droga, cinque clienti-soci della discoteca, tra cui anche alcuni minorenni. A seguito di perquisizioni personali gli stessi sono stati infatti trovati in possesso di alcune dosi di hashish per uso personale. Diversi, inoltre, i controlli svolti dall’unità cinofila antidroga di Orio al Serio sia all’interno che all’esterno del locale. All’interno del circolo sono state infatti rinvenute, complessivamente, alcune decine di grammi di hashish e marjiuana nascoste oppure abbandonate in vari spazi dell’ambiente della discoteca di fatto. Addirittura, in un sacchetto recuperato dai militari dell’Arma sono state ritrovate ben 41 mono dosi di hashish, singolarmente avvolte nella carta stagnola, pronte per essere cedute. Complessivamente, durante il servizio di stanotte, sono state identificate in tutto circa 150 persone e diverse decine di autoveicoli, alcuni dei quali controllati altresì con i cani antidroga. Nota di colore: dopo il passaparola del maxi controllo in atto da parte dei carabinieri, molti genitori hanno anticipato il rientro a casa dei figli, venendoli a prendere probabilmente prima dell’orario concesso per la serata. Notevole difatti il via vai di auto di padri e madri preoccupate di quello che stava succedendo.

6 – Rapinò un’anziana in casa, tradito dall’andatura zoppicante

È stato arrestato su ordinanza di custodia cautelare e ristretto ai domiciliari dai carabinieri della Stazione di Urgnano il 48enne italiano, con alle spalle già altri precedenti penali, tra cui anche il tentato omicidio, catturato a seguito del provvedimento restrittivo della libertà professionale emesso nei suoi confronti dal Gip del Tribunale di Bergamo. L’uomo, una settimana prima dello scorso Natale, a Cologno, fece una rapina all’interno dell’abitazione di un’anziana ultrasettantenne, procurandole in quell’occasione anche delle lesioni personali guaribili in 7 giorni. In quella circostanza, il 48enne asportò degli apparecchi tecnologici in possesso della donna, nonché del denaro contante. Le successive indagini eseguite dai Carabinieri consentirono comunque, nel giro di sole poche ore, di risalire all’uomo e di recuperare parte della refurtiva, poi restituita alla vittima. Tra novembre e dicembre, sempre secondo le contestazioni mosse a carico dell’uomo da parte della Magistratura Bergamasca, il 48enne aveva compiuto alcuni furti anche all’interno di esercizi pubblici e commerciali di Ghisalbae Cologno al Serio, sottraendo in particolare portafogli, cellulari e valori vari. A tradirlo, l’andatura zoppicante ben riconoscibile dalle registrazioni della videosorveglianza.

7 – Furti in calo del 10% ma boom di frodi in Internet

La percezione collettiva farebbe pensare a un aumento. Invece i furti nella Bergamasca sono diminuiti del 10 per cento tra il 1° luglio 2016 e il 30 giugno 2017: 22.578 quelli denunciati, cioè 2.513 in meno rispetto a 12 mesi prima. È quanto risulta dai dai diffusi in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario. Calo generalizzato che riguarda anche i reati: sono stati 41.901, ovvero 3.348 in meno rispetto al periodo precedente. Sono al contrario in crescita le frodi informatiche. Di rilievo, ma non è una novità, il fenomeno dell’evasione fiscale.

8 – Festa del cioccolato presa d’assalto sul Sentierone: 45mila visitatori

La Festa del cioccolato piace, e il bel tempo di domenica l’ha resa un evento da tutto esaurito, con traffico decisamente intenso in centro città. Almeno 45mila i visitatori, nel solo weekend, che hanno passeggiato tra le 23 bancarelle degli artigiani dei cioccolato. Tra assaggi, acquisti e dimostrazioni dei mastri cioccolatai.

9 – Il borgomastro di Saardam su Classica Hd (Sky canale 138)

Nuovi echi mediatici per il festival Donizetti Opera 2017, ad alcuni mesi dalla conclusione: in prima visione esclusiva su Classica Hd (Sky canale 138) sabato 27 gennaio (ore 21,10 e poi in replica per un mese in varie fasce orarie consultabili sul sito www.mondoclassica.it) è andato in onda Il borgomastro di Saardam, melodramma giocoso di Gaetano Donizetti, nell’edizione registrata lo scorso novembre durante il festival al Teatro Sociale di Bergamo. La messa in onda dell’opera sé stata preceduta dalla presentazione di Silvia Corbetta – volto noto del canale Classica Hd – e di Francesco Micheli, direttore artistico della Fondazione Donizetti.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia