Notizie su Bergamo e provincia

Notizie su Bergamo e provincia (17-20 settembre)

Notizie su Bergamo e provincia (17-20 settembre)
Eventi 18 Settembre 2014 ore 08:45

20 SETTEMBRE

 

1 – Al via l’udienza preliminare per l’indagine su 20 Carabinieri

Era il 2009 quando una donna, pochi giorni dopo essere stata dimessa dall’ospedale dove era stata ricoverata in seguito ad un incidente stradale, si era vista arrivare a casa un collaboratore di una società cittadina che si occupa di ottenere risarcimenti dalle assicurazioni, che le aveva chiesto se voleva essere assistita per intascare i soldi. Insospettita, la donna fece denuncia: venne a galla una vasta serie di reati, molti commessi da Carabinieri di Zogno, Bergamo e Seriate: sparizione di soldi durante i sequestri, false annotazioni di servizio con straordinari e indennità non dovuti, patenti di guida risparmiate, omesse denunce, investigazioni private per conto di amici e uso di auto di servizio per scopi personali. Insieme a 20 membri delle forze dell’ordine, sono indagate altre 43 persone tra dipendenti di società private, imprenditori e infermieri, accusati di aver fornito, dietro corrispettivo, le generalità di persone ferite in incidenti e ricoverate negli ospedali della Bergamasca a società specializzate nel recupero di indennizzi. L’udienza preliminare che ha avuto luogo venerdì 19 settembre ha preso in esame proprio quest’ultima parte del procedimento. Il gup Giovanni Petillo ha sorpreso tutti, respingendo oltre 1.500 parti offese che avrebbero voluto partecipare al processo contro gli infermieri. Il motivo è che, giuridicamente, queste persone non sono soggetti lesi, ma solamente danneggiati. Nella stessa udienza, 7 indagati, tra cui alcuni Carabinieri, hanno richiesto di essere giudicati con rito abbreviato, mentre altri 3 hanno richiesto il patteggiamento. La prossima udienza è stata fissata per il 31 ottobre.

2 – Cercatore di funghi di 50 anni stroncato da un malore a Piazzatorre

Sabato 20 settembre, poco prima delle 10, un cercatore di funghi di 50 anni, residente a Villa d’Almè, è morto a causa di un malore a Piazzatorre. L’uomo è stato ritrovato da un gruppo di escursionisti, lungo un sentiero vicino al piazzale degli impianti. Ha perso la vita nonostante gli immediati soccorsi del 118 e del Cnsas della Valle Brembana.

3 – Ragazzo di 27 anni, di Vertova, grave dopo incidente in moto

Alle 10.40 circa di sabato 20 settembre è stato ricoverato d’urgenza all’Ospedale Papa Giovanni XXIII un giovane di 17 anni, residente a Vertova, ferito gravemente in un incidente in moto. L’episodio è accaduto a Fiorano al serio, precisamente in via Bombardieri, la strada che unisce il paese a Vertova. Il giovane, in sella alla sua Kawasaki di grossa cilindrata, è stato urtato dalla Peugeot 107 su cui viaggiava un uomo di 80 anni, anch’egli residente a Vertova. Il 27enne non ha mai perso i sensi ma le sue condizioni sono abbastanza gravi. Nessuna conseguenza invece per l’anziano.

4 – A Costa Volpino uomo in moto si schianta contro un’auto. È grave

Un altro incidente che come protagonista una motocicletta in provincia. La mattina di sabato 20 settembre, intorno alle 11.30, un uomo in motocicletta Aprilia enduro si è schiantato contro un’Audi a Costa Volpino, lungo via Nazionale. I primi rilievi dei carabinieri parlano di colpe di entrambi. Nessun danno per l’automobilista, mentre l’uomo in moto ha perso conoscenza ed è stato ricoverato d’urgenza all’Ospedale Papa Giovanni XXIII, dove i medici hanno assicurato che non sarebbe in pericolo di vita.

5 – Stranieri ubriachi insultano i passanti e aggrediscono i vigili

Nel pomeriggio di venerdì 19 settembre, in Piazza della Repubblica, un gruppo di otto stranieri è stato segnalato ai vigili urbani. «Insultano tutti i passanti, comprese donne, anziani e bambini» hanno comunicato alle forze dell’ordine alcuni cittadini. Sono così intervenuti due vigili, che però hanno subito una vera e propria aggressione da parte del piccolo gruppo. Un’aggressione che ha costretto i vigili ad usare anche gli spray al peperoncino che hanno in dotazione. Due controllori dell’Atb sono intervenuti in supporto dei vigili, ma anche loro sono stati malmenati. Solamente l’intervento di ulteriori forze ha permesso di bloccare gli otto stranieri, visibilmente ubriachi, e condurli in questura. Due di loro sono stati denunciati a piede libero per oltraggio, resistenza e lesioni nei confronti di uno dei due agenti e di uno dei due controllori dell’Atb intervenuti successivamente.

6 – La pioggia è tornata, ma domenica andrà meglio

Settembre ci ha regalato più giornate di sole rispetto al pazzo agosto che abbiamo passato, ma la pioggia è tornata a farsi vedere venerdì 19 settembre. In poco più di un’ora, sono caduti oltre 40 millimetri di acqua sulla Bassa, ma anche città e le Alpi sono state colpite dal forte temporale del pomeriggio. Sabato 20 la situazione dovrebbe migliorare: ancora instabilità, ma senza rovesci degni di rilievo e con il sole che farà capolino tra le nubi. Domenica 21 ci potremo permettere una gita fuori porta poiché non sono previste precipitazioni, se non alcune sporadiche piogge in montagna. Il sole tornerà a farsi vedere. Da lunedì una nuova ondata di aria fresca proveniente dal Regno Unito abbasserà nuovamente le temperature.

7 – Per le strade della città un weekend con le fanfare degli Alpini

Dopo le tappe di Brescia, Biella, Viareggio e Verona, arriva a Bergamo il quinto raduno nazionale delle fanfare dei congedati delle brigate alpine Cadore, Tridentina, Julia, Orobica e Taurinense. La manifestazione, che si tiene ogni due anni,coinvolgerà l’intera città per il weekend di sabato 20 e domenica 21 settembre. Sabato pomeriggio, dalle 16.30, le fanfare suoneranno in 5 diverse zone della città (piazza Sant’Anna, piazzetta Santo Spirito, Stazione funicolare, Via Crispi e Piazza Pontida), da dove poi raggiungeranno piazzale degli Alpini, attraversando il Sentierone, Porta Nuova e viale Papa Giovanni XXIII. Una volta giunte al monumento, si svolgerà alle 17.30 la cerimonia dell’alzabandiera cui seguirà la deposizione di una corona d’alloro e la sfilata verso piazza Vittorio Veneto, dove le fanfare si esibiranno alle 18,30. Attesissimo è il concerto delle 21 presso il teatro Donizetti. L’ingresso sarà libero e, essendo attesa una forte affluenza, verrà allestito un megaschermo esterno in modo tale da poter assistere allo spettacolo anche fuori dal teatro. Il concerto sarà anche trasmesso in diretta da Bergamo Tv. Domenica 21 altra ricca giornata, ma lo scenario sarà Città Alta: alle 10 ogni fanfara sarà in un luogo diverso (in piazza Vecchia la Tridentina, sugli spalti San Lorenzo la Cadore, a Porta San Giacomo la Julia e a Colle Aperto la Taurinese). L’Orobica sarà invece alla Rocca per la cerimonia ufficiale dell’alzabandiera e, contemporaneamente, tutte le fanfare eseguiranno l’Inno di Mameli. Grande sfilata per le vie di Città Alta per raggiungere la Fara per il concerto finale, il carosello e la chiusura della manifestazione.

 

19 SETTEMBRE

 

1 – Due rapinatori assaltano la Barclays in largo Belotti

Nella mattina di venerdì 19 settembre, intorno alle 10.30, due malviventi hanno rapinato la sede della banca Barclays in largo Belotti, pieno centro città. Pochissimi, al momento, i dettagli. Non si sa il preciso susseguirsi dei fatti e nemmeno il bottino dei due banditi. Il colpo è avvenuto in pochissimi minuti, tanto che nessuno, all’esterno, sembra essersi accorto di ciò che stava accadendo all’interno della banca. Al momento del colpo erano presenti alla Barclays alcuni clienti, ma non ci sono state conseguenze per loro. L’allarme è stato dato subito dopo, ma i furfanti si erano già dati alla fuga.

2 – La sorella di Bossetti si sfoga: «Aggredita perché credo nell’innocenza di mio fratello»

Letizia Laura Bossetti, sorella gemella del muratore di Mapello accusato di essere l’assassino di Yara Gambirasio, è tornata a casa dopo la grave aggressione che ha subito nel pomeriggio di mercoledì 17 settembre, quando tre uomini l’hanno attesa nel garage dei genitori e riempita di botte, tanto da farle perdere i sensi. «Soffro fisicamente e psicologicamente. Ho il coccige fratturato e lesioni al volto. Mi sono sentita colpire violentemente alla parte destra del capo, vicino all’occhio. Il colpo mi ha fatto cadere gli occhiali. È stato talmente forte che ho perso i sensi». I motivi dell’aggressione, a suo parere, sono chiari: «Sto pagando un caro prezzo perché difendo apertamente mio fratello e sono convinta tuttora che sia assolutamente innocente». Secondo quanto la donna ha riferito agli inquirenti e ai vicini di casa, gli aggressori sarebbero stati due stranieri e un italiano, ma non sa se si tratta degli stessi che, in passato, l’avevano già aggredita.

3 – La Guardia di Finanza acquisisce i bilanci del comune di Stezzano

Loredana Zenca, ex ragioniera del Comune di Stezzano, ha patteggiato con il gup Ezia Maccora 2 anni e 4 mesi per aver sottratto denaro pubblico. Nella giornata di giovedì 18 settembre, le Fiamme Gialle si sono nuovamente presentate negli uffici comunali per acquisire i documenti relativi ai bilanci che vanno dal 2010 al 2013. Lo scopo è trovare riscontri alle dichiarazioni dell’ex ragioniera, che ha accusato il sindaco Elena Poma e il vice Ezio Riva dicendo di aver subito delle pressioni per “sistemare” il bilancio al fine di rispettare il patto di stabilità. La Zenca avrebbe indicato i documenti da prendere in esame per provare le sue dichiarazioni. Il sindaco Elena Poma preferisce non commentare, anche perché al momento non risultano nuovi indagati.

4 – Treni a rischio dalla sera di sabato 20 a quella di domenica 21

Trenord potrebbe aderire allo sciopero indetto dall’organizzazione sindacale Cat, che prevede lo stop del traffico ferroviario dalle 21 di sabato 20 settembre alla stessa ora di domenica 21. Nelle giornate festive non sono previste fasce di garanzia e dunque i disagi per gli utenti potrebbero essere molti. Informazioni al riguardo sul sito di Trenord.

5 – Ambulatori serali attivi da inizio settembre, ma al call center nessuno sa nulla

Dall’1 settembre dovrebbero essere attivi gli ambulatori medici serali. Il condizionale è d’obbligo perché, come spiega L’Eco di Bergamo, al call center nessuno sa nulla. In realtà il servizio serale e festivo avrebbe l’obiettivo di ridurre i tempi d’attesa, non allungare quelli dei pazienti in cerca di informazioni. E sul sito di Asl e Regione è possibile saperne qualcosa in più: gli orari approssimativi dell’estensione (lunedì-venerdì, dalle 18 alle 22; sabato, dalle 8 alle 15; domenica, dalle 8 alle 13), l’elenco delle prestazioni (che però variano da azienda ad azienda) e la spiegazione di come prenotare attraverso il Cup regionale e delle singole aziende.

6 – Il 14 ottobre Ryanair cerca nuovo personale

6 settimane di corso altamente formante per chi volesse diventare assistente di volo: questo l’obiettivo di “5 Stages – Qualification to Graduation”. La compagnia aerea irlandese terrà una serie di giornate di selezione per la ricerca di personale di cabina da assumere in tutta Europa. Il 14 ottobre questa selezione si svolgerà a Bergamo. Chi fosse interessato può registrarsi attraverso il sito della società Crewlink, che supporta Ryanair nella selezione e formazione del personale.

7 – La Kabi di Spirano alla conquista della moda d’Oriente

La società di moda Kabi, di proprietà di Dietelmo Pavoncelli e con sede a Spirano, ha appena conquistato le passerelle della settimana della moda milanese, ma il vero successo arriverà dal Sol Levante. È stato ufficializzato l’accordo tra la Kabi e la stilista Tiziana Crociani, molto stimata nel settore per essere stata amministratore delegato dell’azienda Studio Roscini, leader nel mercato dei servizi di progettazione e produzione per illustri case di moda. Da questo accordo prenderà vita il nuovo marchio “Tiziana Pavoncelli”, con l’obiettivo di conquistare il mercato cinese. L’azienda ha infatti stretto un contratto con una società fashion cinese che opera nel settore della moda per lanciare la nuova griffe, che resterà però di proprietà tutta orobica.

 

18 SETTEMBRE

1 – Aggredita la sorella di Bossetti

Letizia Laura Bossetti, 43 anni, sorella gemella del muratore di Mapello, è stata aggredita da tre persone in un garage del condominio dei genitori. Il grave episodio è avvenuto nel pomeriggio di mercoledì 17 settembre. La donna stava andando ad assistere il padre Giovanni, malato da tempo. I tre aggressori l’hanno presa a calci e pugni fino a che ha perso i sensi. La donna è stata trasportata da un’ambulanza all’ospedale di Ponte San Pietro. L’avvocato di Letizia, Benedetto Maria Bonomo, ha affermato che «La situazione è di grande tensione», ribadendo che non bisogna confondere l’amore per un parente con la complicità in un delitto. È il secondo, più violento episodio di aggressione cui è vittima la gemella del presunto assassino di Yara. (fonte: Corriere della Sera)

2 – Caso Bossetti, la replica del Procuratore: «Non ammetto dubbi sull’onestà del pm».

Dopo la pesante accusa fatta agli inquirenti da Claudio Salvagni e Silvia Gazzetti, i due legali di Bossetti, che nell’istanza di scarcerazione hanno affermato che negli atti della Procura sono stati trascurati importanti elementi a favore della difesa, il procuratore Francesco Dettori è intervenuto per difendere l’onestà professionale del pm, affermando: «Non ammetto che si metta in dubbio la serietà e l’onestà professionale del pm Ruggeri. Ricordiamoci quello che ha fatto con Fikri e le polemiche che all’epoca l’avevano investita. Vi pare che una che si è comportata in questo modo sia una che trama per incastrare un indagato?». (Fonte: L’Eco di Bergamo)

3 – I Pesenti lasciano il Corriere della Sera

Dalle comunicazioni Consob è emerso che lo scorso 11 settembre la quota di partecipazione dei Pesenti in Rcs Mediagroup è scesa all’1.96%. Fino a un anno fa la famiglia bergamasca, con il 7.74%, rappresentava il terzo azionista del gruppo editoriale. La lenta ma progressiva vendita delle azioni è iniziata nel maggio 2013 con le dimissioni di Giampiero Pesenti, che nei nove anni precedenti era stato alla presidenza del patto di sindacato di Rizzoli. Fonti di Italmobiliare, la holding di partecipazioni di Italcementi, hanno affermato che «La partecipazione in Rcs è marginalmente scesa sotto al 2% come effetto della gestione dinamica del portafoglio della holding di famiglia, che si sta rafforzando nelle proprie attività industriali». Come conseguenza, a Piazza Affari il titolo Rcs è sceso del 3.07%. (fonte: Milano Finanza)

4 – Bergamasco muore in mare a Diano Marina.

Un uomo di 82 anni di Valpiana, frazione di Serina, è morto  mercoledì 17 settembre a Diano Marina, in Liguria, mentre faceva il bagno in mare di fronte allo stabilimento balneare comunale “Delfino”. L’anziano, M.L.C., è stato stroncato da un infarto. I bagnini, resisi conto che il turista era difficoltà, si sono tuffati in mare per aiutarlo e riportarlo a riva. Vano è stato però il tentativo di rianimarlo. Un episodio simile era avvenuto lunedì 15 settembre, nelle acque del Campese all’Isola del Giglio, dove è morta donna di 77 anni residente e Bergamo. Fonte: Bergamonews)

5 – La torre Anna1 di Zingonia da tre giorni senz’acqua

I residenti della torre Anna1 di Zingonia da tre giorni sono senza acqua. Riuniti in comitato sono andati a protestare alla sede di Uniacque a Ghisalba. «Abbiamo chiesto spiegazioni, ma nessuno ci risponde», hanno dichiarato. La fornitura è regolata da un accordo verbale che prevede il pagamento forfettario di 500 euro mensili. Secondo il comitato ci sarebbero le ricevute dei versamenti, ma agli uffici di Uniacque non risultano. Molte famiglie con bambini e anziani vivono una situazione di estremo disagio.

6 – La ragioniera del Comune di Stezzano condannata a due anni e quattro mesi

Davanti al gup Ezia Maccora, ha patteggiato due anni e quattro mesi di reclusione l’ex ragioniera del Comune di Stezzano Loredana Zenca, condannata per aver sottratto denaro pubblico. Le contestazioni riguardavano 180 mila euro frutto di una presunta spartizione con l’ex capo dei vigili Kenrich Cavanagh, 130 mila utilizzati per acquistare gioielli e 30 euro mila spesi in mobili da un falegname di Lurano. Sono invece tuttora in corso le indagini su 900 mila euro di spese che ancora non tornano al Comune. Loredana Zenca fu arrestata il 2 novembre del 2013 e, dopo un periodo trascorso in carcere, è stata posta agli arresti domiciliari sino a fine luglio.

7 – Domenica si apre la caccia (con polemiche)

Domenica si apre la stagione venatoria. Dopo la disposizione sulla Banca dati voluta dalla Regione, operativa dal 15 settembre, si è scatenata la polemica tra i cacciatori, convinti che sia impossibile aggiornare il materiale in pochi giorni. La disposizione richiede un aggiornamento della Banca dati sui richiami vivi per cinque specie di uccelli: allodola, cesena, tordo bottaccio, tordo sassello e merlo. Quello che sembra sgomentarli di più è l’enorme numero di richiami vivi presenti sul territorio: 200.000 nella Regione, 120.000 solo nella provincia, da aggiornare in una Banca dati costruita sul modello di quella fatta per gli uccelli acquatici, che però contano “solo” 2.000 unità.

8 – Sulla A7 il primo (bergamasco) distributore per auto elettriche

Su incarico dell’azienda americana Tesla Motors, l’azienda bergamasca Mino Massimo Impianti di Nembro ha lanciato la prima stazione di ricarica per le auto elettriche. Il distributore è situato sulla A7 Milano-Genova, in prossimità di Dorno, provincia di Pavia. Consiste di dodici colonnine, sei su un lato dell’autostrada e sei sull’altro, in grado di erogare complessivamente 1.6 megawatt – 800 per lato. Il prezzo stimato per un pieno si aggirerà attorno ai 10€, e saranno necessari venti minuti per effettuare una carica completa del veicolo.

9 – I nuovi autobus dell’Atb con i colori della città

Atb ha presentato – in occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile – 21 nuovi autobus, 10 a metano e 11 gasolio,della gamma Lion’s City di MAN, rinnovandone anche la tradizionale livrea arancione. I nuovi mezzi, vestiti con i colori della città, giallo e rosso, entrano a far parte dei 145 autobus della flotta di ATB Servizi, portando a 31 il numero di quelli che viaggiano a metano e che rappresentano il 40% dei bus/km percorsi annualmente nei 28 Comuni dell’area urbana ATB. I nuovi autobus sono più confortevoli, sicuri ed ecologici. Le entrate, le uscite ed il corridoio centrale sono caratterizzati da un pianale ribassato e, grazie alla funzione di “kneeling”, il lato destro dell’autobus può essere abbassato di 80 mm, favorendo al massimo la salita e la discesa del passeggero.

 

3 foto Sfoglia la gallery

 

17 SETTEMBRE

 

1 – Dure accuse alla procura dei legali di Bossetti: «Sono stati nascosti atti a favore dell’indagato»

Claudio Salvagni e Silvia Gazzetti attaccano a testa bassa la procura. Nonostante sia già giunto il no alla scarcerazione di Massimo Giuseppe Bossetti, presunto assassino di Yara Gambirasio, da parte del gip Ezia Maccora, L’Eco di Bergamo rende noto mercoledì 17 settembre che, nelle 40 pagine dell’istanza di scarcerazione presentata dai due avvocati, ci sarebbe una pesantissima accusa verso gli inquirenti. Secondo i legali, nella richiesta di custodia cautelare per il loro assistito del giugno scorso, la procura non avrebbe inserito tutti gli atti a sua disposizione, nascondendo quelli favorevoli al muratore di Mapello. Un’accusa molto pesante che Claudio Salvagni e Silvia Gazzetti dovranno essere in grado di dimostrare con i fatti.

2 – Le parole di Bossetti non coincidono con quelle del cognato

Con il passare delle ore sono sempre più chiare le motivazioni che hanno portato il gip Ezia Maccora, lunedì 15 settembre, a respingere l’istanza di scarcerazione presentata dai legali di Massimo Giuseppe Bossetti, presunto assassino di Yara Gambirasio. Il giudice, nell’ordinanza di rigetto della domanda, ha spiegato i motivi per cui gli indizi a carico del muratore di Mapello sono da ritenere ancora gravi e consistenti. In particolare, ha dato molta rilevanza alle ricostruzioni confuse fornite dall’uomo circa i suoi spostamenti la sera del 26 novembre 2010, quando Yara sparì. Secondo il giudice, Bossetti non è stato in grado di chiarire agli inquirenti le affermazioni del cognato, Agostino Comi, che, interrogato il giorno del fermo del muratore, aveva affermato che Bossetti gli riferì che, la sera del 26 novembre 2010, era transitato nella zona interessata e aveva notato la presenza delle forze dell’ordine. Una ricostruzione non compatibile con quella dell’indagato, che continua a sostenere di essere rientrato nella sua abitazione subito dopo il lavoro. Intanto Claudio Salvagni e Silvia Gazzetti, legali del presunto assassino, stanno preparando il ricorso al Tribunale della libertà contro il diniego alla scarcerazione.

3 – Gli inquirenti sentono i compagni di classe dello studente del Lussana, che resta gravissimo

Una tragedia ancora avvolta nel mistero. Gli inquirenti stanno cercando di capire il motivo per cui lo studente di 15 anni, residente a Stezzano, lunedì 15 settembre abbia tentato di togliersi la vita (che sia stato un gesto volontario la questura lo dà oramai per certo) lasciandosi cadere dal 5° piano del liceo scientifico Lussana. E mentre il giovane resta ricoverato in condizioni gravissime presso il Papa Giovanni, gli inquirenti hanno ascoltato alcuni compagni di classe del ragazzo, tentando di fare luce su alcuni aspetti della sua vita che, apparentemente, non presenta alcuna ombra: bravo studente, attivo politicamente e con tanti amici. Il preside dell’istituto e la stessa questura hanno escluso, nei giorni scorsi, che il ragazzo sia mai stato vittima di atti di bullismo, ma è necessario vederci chiaro.

4 – La Provincia potrebbe dover pagare 9 milioni ai cittadini

Via Tasso rischia di dover rimborsare ben 9 milioni di euro ai cittadini a causa di una tassa che era stata eliminata e che la Provincia ha continuato comunque a far pagare. La tassa in questione è la Tefa, tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente, che è stata riscossa dai Comuni dal 1992 (quando fu istituita) al 2006, quando fu abrogata temporaneamente la norma che l’aveva istituita. Tra il 2006 e il 2008 la Provincia si prese in carico la riscossione del tributo, in attesa che la norma venisse riattivata. In realtà però si era in presenza di un vuoto normativo e i cittadini non avrebbero dovuto versare un solo euro. Nessuno se n’era accorto. Oggi, ad avanzare richiesta di rimborso, è il comune di Torre Boldone che, con la sua iniziativa, ha aperto la strada a tutti gli altri comuni. In via Tasso, per ora, si tace.

5 – La Sab arruola vigilantes contro i furbetti che non pagano il biglietto

Il problema c’è da sempre ma ora, con la ripresa della scuola, la Sab ha deciso di combattere la malabitudine di chi usa i mezzi pubblici senza pagare il biglietto. Così, da lunedì 15 settembre, i primi due vigilantes sono al lavoro e altri due entreranno in servizio nei prossimi giorni. Il loro compito? Scovare i furbetti e multarli. I vigilantes, della società Civis, saranno in servizio fino a dicembre, ma la Sab ha già comunicato che se il servizio dovesse dimostrarsi valido potrebbe pensare ad un prolungamento della collaborazione. Questa misura è già stata attivata con successo in altre città, come Verona, e già nei primi due giorni non sono mancate le sorprese: come spiega L’Eco di Bergamo, su un autobus più di 50 passeggeri sono stati trovati privi di biglietto di viaggio o con lo stesso non obliterato.

6 – Ti dimentichi il biglietto? Potrai farlo a bordo, ma costerà di più

In occasione della presentazione dei nuovi parcometri targati ATB, l’ad Gianni Scarfone ha annunciato anche un’altra novità, ovvero la possibilità di fare il biglietto dell’autobus direttamente a bordo del mezzo. A breve, ha spiegato l’ad, tutti gli autobus saranno dotati di emettitrici automatiche. La differenza è che il biglietto potrebbe venire a costare fino al 50% in più all’utente. Meglio ricordarsi prima.

7 – Per i turisti che vogliono il lago nasce “Iseo Express”

I dati degli utenti dell’aeroporto di Orio parlano di un numero crescente di turisti che giungono a Bergamo per passare dei giorni di vacanza sulle rive del lago d’Iseo e di quello di Endine. Il problema che da tempo oramai si riscontra è la difficoltà di raggiungere le località dall’aerostazione. Per porre rimedio a questo problema nascerà “Iseo Express”, un sistema di navette che porteranno i turisti giunti ad Orio direttamente alla struttura sul lago in cui hanno prenotato. Le località che partecipano all’iniziativa sono Trescore Balneario, Endine Gaiano, Lovere, Pisogne e Grumello d el Monte, Sarnico, Paratico, Iseo e Marone. La fase esecutiva del progetto sarà affidata a Turismo Bergamo in quanto ente attuatore. Si pensa che per la primavera 2015 il servizio potrebbe essere operativo.

8 – La pazza estate 2014 è costata cara ai gestori degli spazi estivi, che chiedono la riassegnazione per il 2015

Che l’estate 2014 sia stata un’estate sui generis è stato chiaro a tutti. A pagarne le conseguenze soprattutto le attività all’aperto, tra cui quelle gestite da coloro che avevano deciso di investire sulla gestione di uno degli spazi estivi cittadini messi a disposizione da Palazzo Frizzoni. Lo sforzo economico fatto in sede di bando non è stato nemmeno pareggiato e dunque arriva una richiesta forte al Comune: eliminare il bando per l’estate 2015 e riassegnare quegli spazi a chi se li era aggiudicati per l’estate appena trascorsa. Molti dei gestori, però, si dicono anche molto delusi dall’assenza di collaborazione di Palazzo Frizzoni, tanto che si tireranno indietro per il futuro.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità