È trasmesso in 180 paesi

Un simpatico fenomenochiamato Peppa Pig

Un simpatico fenomenochiamato Peppa Pig
21 Agosto 2014 ore 09:30

Peppa Pig è la regina indiscussa dei cartoni animati per l’infanzia. Spiegare chi sia potrebbe sembrare ridondante: la sua enorme popolarità l’ha resa un personaggio familiare a tutti, non solo ai bambini. La rosea effigie della maialina è infatti apposta su centinaia di articoli di cartoleria, gli arnesi di lavoro dei bimbi a scuola. Al cartone sono poi ispirati libri, pubblicati dall’editore Giunti, e il film, uscito a gennaio, Peppa Pig: vacanze al sole e altre storie.

Agli occhi degli adulti, il fenomeno Peppa Pig sta diventando, se non lo è già, un fattore culturale, sottoposto a interpretazioni tra le più astruse. Il sito di Notizie Evangeliche, ad esempio, sostiene che il cartone è anarchico, massone e addirittura mafioso ed esorta i genitori a fare «attenzione agli animali immondi». Il sito argomenta la sua posizione affermando che ogni volta che Peppa e George si divertono a sguazzare nel fango sfidano l’autorità costituita, incoraggiando nei bambini atteggiamenti cosiddetti anarcoidi. I disegni dal tratto stilizzato e essenziale alludono inoltre ai simboli massonici – che, non c’è dubbio, i telespettatori del cartone non mancano di cogliere -. Infine, alcuni scambi di battute, come l’esclamazione «è per una buona causa»celano una mentalità di tipo mafioso. Fate voi.

Le avventure della maialina di quattro anni sono andate in onda per la prima volta il 31 maggio 2004 in Inghilterra, su Channel 5. Peppa Pig vive su una collinetta insieme a tutta la sua famiglia. Oltre ai genitori e al fratellino George, ci sono anche zii e cugini. I suoi molti amici hanno nomi che iniziano con la stessa lettera della loro specie. C’è, ad esempio, il coniglio (rabbit) Rebecca, il cane (dog) Danny e l’elefante (elephant) Emily.

4 foto Sfoglia la gallery

Gli episodi sono molto brevi e le storie semplici, congegnate ad arte per mantenere desta l’attenzione, e l’entusiasmo, dei bambini. Peppa Pig, George e i loro amici si incontrano, giocano e, inevitabilmente, combinano guai. Alla fine di ogni puntata, però, c’è un prezioso insegnamento che Peppa fa suo, riconoscendone l’importanza e l’utilità.

Nella prima puntata, Pozzanghere di fango, Peppa e la sua famiglia si divertono a sguazzare nelle pozzanghere che si sono formate dopo la pioggia:

In Peppa Pig e il camper, la famiglia parte per una vacanza in camper. Lungo il tragitto, si verificano alcuni contrattempi:

http://youtu.be/k-4wmTEvFwM

Le storie non raccontano nulla di eccezionale e, proprio per questo, facilitano l’immedesimazione da parte dei piccoli appassionati. Gli autori del cartone sono Phil Davies, per la produzione e i dialoghi, Mark Beker, per i disegni e la storia, e Neville Astley, per la storia e l’animazione. Davies, Beker e Astley sono i fortunati padri di un vero e proprio fenomeno culturale, che accomuna l’infanzia di milioni di bambini. La serie è trasmessa in 180 paesi e in Italia, dove gli episodi sono giunti alla sesta stagione, è messa in onda da Rai YoYo e Disney Junior. Le statistiche informano sono ben 500 mila bambini, dai tre ai sei anni, i telespettatori affezionati della simpatica maialina. Un’intera generazione.

 

Dai una mano a
Da settimane, i giornalisti del tuo quotidiano online lavorano, senza sosta e con grande difficoltà, per garantirti un'informazione precisa e puntuale dal tuo territorio, sull’emergenza Coronavirus. Tutto questo avviene gratuitamente.
Adesso, abbiamo bisogno del tuo sostegno. Con un piccolo contributo volontario, puoi aiutare le redazioni impegnate a fornirti un'informazione di qualità. Grazie.

Scegli il tuo contributo:
Top news regionali
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia