Il compleanno

I primi novant’anni di Topolino Mostra tutta made in Bergamo

I primi novant’anni di Topolino Mostra tutta made in Bergamo
Eventi 12 Novembre 2018 ore 13:58

Topolino compie 90 anni. Per celebrare un compleanno tanto importante a Desenzano Del Garda, nella cornice del castello, sabato 10 novembre (dura fino al 10 febbraio) è stata inaugurata una mostra spettacolare dedicata al topo più famoso del mondo, con disegni originali dei maestri del fumetto e del cinema d’animazione, pubblicazioni rare, video, gadget, poster cinematografici e centinaia di altri incredibili cimeli esposti per la prima volta in Italia. Un’iniziativa che rientra nelle iniziative ufficiali di The Walt Disney Company per l’anniversario, e che è tutta Made in Bergamo: ne è curatore l’esperto e storico Disney Federico Fiecconi, mentre l’allestimento è stato realizzato dalla “sua” GraFFiti Creative. Marco Daminelli e Gigi Tufano, rispettivamente general manager del progetto e direttore tecnico, sono riusciti a dar vita all’allestimento in sole 13 settimane.

La nascita del mito. Era il 18 novembre 1928 quando Walt Disney presentò per la prima volta al pubblico del Colony Theater di New York la sua creazione più celebre, il personaggio destinato a renderlo famoso in tutto il mondo e a diventare un’icona intramontabile, l’eroe amato da generazioni di grandi e piccini: Mickey Mouse, per noi Topolino. Fin dal debutto nel cortometraggio animato “Steamboat Willie”, appena 7 minuti, uno dei primi cartoon con sonoro sincronizzato della storia, il Topolino fischiettante “doppiato” da Disney in persona conquistò subito pubblico e critica, passando presto dal cinema animato ai fumetti, fino a diventare simbolo della The Walt Disney Company e incarnazione del sogno fantastico in cui lo stesso Walt si identificò per tutta la vita. Novant’anni dopo, Topolino è ancora l’icona più nota e amata in tutto il mondo.

12 foto Sfoglia la gallery

Full immersion. Federico Fiecconi così riassume lo straordinario percorso artistico che si snoda fra le sale del Castello: «Questa esposizione intende immergere i visitatori nei momenti più significativi dell’arte del Mickey Mouse originale, un’opera collettiva nata dal genio creativo di Disney e del suo socio, l’animatore Ub Iwerks, e resa immortale dalla creatività di grandi artisti, molti dei quali italiani e tutt’ora in attività». Il percorso è articolato sui due piani del castello, sette sale in cui trovano posto più di 300 pezzi provenienti da raccolte, importanti collezioni private di tutto il mondo e dagli archivi della stessa Disney, che tracciano la storia di Topolino dal debutto del 1928 a oggi.

Disegno originale di Iwerks. Il visitatore potrà scoprire i numerosi aneddoti che costellano una carriera tanto prestigiosa, ammirando pezzi mai raccolti prima in un’unica mostra e spesso rarissimi: preziosi artwork di Topolino creati dai suoi disegnatori più famosi (da Floyd Gottfredson a Paul Murry, e poi Luciano Bottaro, Giovan Battista Carpi, Romano Scarpa, Marco Rota, Massimo De Vita, Marc Henn, Régis Loisel, Tebo, Silvio Camboni) senza dimenticare lo stesso Walter Elias Disney, di cui la mostra rivela al mondo in esclusiva assoluta un eccezionale, rarissimo disegno autografo del celebre topo; sono decine poi le tavole a fumetti e le illustrazioni originali dei capiscuola americani e dei loro colleghi europei; splendidi i disegni di animazione dai più memorabili ruoli cinematografici, tra cui addirittura un disegno originale di Iwerks tratto dal film d’esordio “Steamboat Willie” e uno dell’indimenticabile episodio “L’Apprendista Stregone” da “Fantasia” (1940), accompagnato dal programma di sala dell’epoca autografato dallo stesso Walt Disney.

Oggetti da collezione. Di grande fascino anche gli oggetti da collezione, i giocattoli d’epoca, figurine in bronzo e ceramica, spille, albi, volumi, francobolli e giocattoli ed edizioni rare. Tra queste vanno citati autentici cimeli come il n. 1 del rarissimo “Giornale di Topolino” edito da Nerbini nel 1932, prima testata al mondo dedicata al personaggio, le prime pubblicazioni Mondadori (1935, ancora in formato giornale), il primo numero in formato albetto (1949) provenienti dagli archivi di “Wow Spazio Fumetto – Museo del Fumetto di Milano” oppure il rarissimo volume Frassinelli curato nientemeno che da Cesare Pavese (1933), oltre a rari orologi da tasca e da polso degli Anni ’30.

Spazio agli autori italiani. Ampio spazio viene dedicato agli autori Disney italiani, capitanati da quello che è considerato il più grande artista Disney in attività, il maestro veneziano Giorgio Cavazzano, di cui la mostra porta a scoprire il tavolo da disegno con i bozzetti originali serviti a creare  la serie dei francobolli di Poste Italiane emessi in occasione dell’anniversario. E poi, tutti a lezione di disegno nelle Art Class Disney – Kinder,  circondati dalle tavole originali di storie inedite che hanno dato origine a 3 fumetti d’autore, tre storie di Topolino e i suoi amici create in esclusiva per i Forni Kinder (Kinder Brioss, Kinder Colazione Più, Kinder PaneCioc). I laboratori, promossi da Kinder all’interno del suo corner dedicato, insegneranno ai “piccoli visitatori” della mostra come realizzare un fumetto e come disegnare Topolino grazie alla supervisione degli esperti disegnatori Disney. E sabato 18 c’è proprio Cavazzoni.

Opere ironiche. Sulle pareti del Castello trovano posto anche opere ironiche e preziose con cui gli artisti dell’Accademia Disney hanno celebrato Topolino, Minnie e compagni dipingendoli alla maniera di Klimt, Botticelli e Van Eyck. Un omaggio ricambiato anche da artisti contemporanei, che hanno ritratto spesso e volentieri l’eroe di Casa Disney: la mostra di Desenzano del Garda è punteggiata anche di rivisitazioni moderne del classico Mickey Anni ’30 realizzate da artisti contemporanei di spicco, come le tele dipinte da Tosh, Marco Fantini e altri. Per tutta la durata della mostra nella sala proiezioni e eventi saranno ospitate presentazioni, incontri con autori e ovviamente tanti video da vedere e rivedere.

E fuori dalle mura. Il racconto della mostra proseguirà anche fuori le mura del Castello di Desenzano, grazie alle installazioni disposte per le vie e le piazze della città che narreranno a visitatori e cittadini le storie di autori e opere fondamentali della scintillante epopea di Topolino. Come sottolinea l’assessore allo Sport e Turismo Francesca Cerini, «La Città di Desenzano Del Garda si conferma la casa di grandi eventi e di firme internazionali della cultura popolare: ora il nostro castello medievale che domina la città apre le sue porte all’intramontabile icona di Topolino. Un’occasione unica per il nostro Comune che grazie ad una manifestazione di qualità come “Mickey 90 – L’Arte di un Sogno” avrà un’ampia visibilità che andrà ad accrescere il già elevato tasso di prestigio della Città. La mostra offrirà a famiglie e appassionati tre mesi pieni di sorprese in pieno “stile Disney”, a cominciare dallo speciale weekend del 18 Novembre per i 90 anni di Topolino, mentre all’Epifania avremo una Befana speciale sotto il segno di Minni».

Info. www.graffiticreative.eu/mostramickey90. Orari: venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 18. Lunedì-giovedì: chiuso, eccetto nei giorni di festa e di vacanza scolastica. Ingresso: Adulti 8 euro / bambini fino a 12 anni 5 euro (classi scolastiche: 3 euro/scolaro, insegnanti gratis). Bambini fino a 1,2 metri, over 65, portatori di handicap: ingresso gratuito.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli