Spettacolo premiatissimo

Una voce alla follia dei manicomi Prima e dopo la Legge Basaglia

Una voce alla follia dei manicomi Prima e dopo la Legge Basaglia
Eventi 19 Aprile 2018 ore 10:25

Con Muri, in programma da giovedì 19 a sabato 21 aprile (ore 21) al Teatro Sociale, si conclude la Stagione dei Teatri 2017/2018 della Fondazione Teatro Donizetti. Un intenso monologo affidato alla bravura dell’attrice Giulia Lazzarini che getta uno sguardo all’interno dei manicomi prima e dopo la legge fortemente voluta quarant’anni fa da Franco Basaglia. Autore del testo e regista dello spettacolo è Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista che ebbe modo di conoscere da vicino lo stesso Franco Basaglia e il suo lavoro. E venerdì 20 aprile (ore 18), alla Sala Conferenze di Casa Suardi (Piazza Vecchia), è previsto anche un incontro attorno a Muri, al quale interverranno l’attrice Giulia Lazzarini ed esponenti del Tavolo di Salute Mentale di Bergamo.

 

 

Finalista Premio Riccione per il Teatro 2009, Premio Anima 2012 e Premio Le Maschere del Teatro Italiano assegnato nel 2015 a Giulia Lazzarini come miglior interprete di monologo, Muri ruota attorno al racconto di Mariuccia, infermiera che nel 1968 inizia a lavorare presso l’Ospedale Psichiatrico di Trieste. In questa struttura Mariuccia conosce e vede con i propri occhi la realtà e la crudeltà a cui venivano sottoposti i pazienti prima della Legge 180. Camicie di forza, sporcizia, docce fredde, a volte letali, lobotomia, psicofarmaci ed elettroshock erano la quotidianità. Gli occhi di Mariuccia osservano insofferenti la mancanza di umanità nei confronti del più deboli. I muri che li circondano, però, sono destinati a cedere, a crollare inesorabilmente per rivelare il rispetto tra curanti e pazienti, instaurando un dialogo che trova complicità nella comprensione delle nuove rivendicazioni sociali. Il mondo cambia, così come la stessa Mariuccia.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli