Cose di casa nostra

Bergamospia (si dice, non si dice) È del Celim il volontario dell’anno

Bergamospia (si dice, non si dice) È del Celim il volontario dell’anno
04 Dicembre 2015 ore 10:40

Che cosa si dice, che cosa si scrive, ma soprattutto cosa non si dice e non si scrive (solitamente) della nostra città. Tra sussurri e grida una raccolta indiscreta.

 

Gori e Gandi a Tentorio: «Siamo una grande squadra»

Sergio Gandi vicesindaco di Bergamo

Tentorio colpisce, Gandi risponde. All’ex sindaco, che in un’intervista di ieri al Corriere aveva bocciato la squadra di Gori, «salvo poche eccezioni», il numero due di Palazzo Frizzoni replica orgoglioso e tranchant su Facebook: «Vero, nove eccezioni». E giù una serie di commenti di sostegno dalle voci di centrosinistra e non solo. Anche Gori difende a spada tratta la sua giunta: «Tentorio ha dato un giudizio ingiusto e inutilmente sprezzante. Sono molto soddisfatto dei miei assessori che, a differenza di quelli di Tentorio, formano una squadra molto coesa». Uno a uno e palla al centro.

 

Arlecchino? Riportiamolo in largo Rezzara

arlecchino

Nuovo capitolo dell’infinita polemica sulla collocazione della statua di Arlecchino, al momento piazzata accanto all’Urban Center. In una lettera pubblicata dall’Eco di Bergamo, l’ex Duca di Pontida Bruno Agazzi, in arte Lìber Prim, propone di rimetterlo semplicemente dov’era, cioè sopra la fontana di Largo Rezzara. Il Duca ricorda che Arlecchino fu sfrattato per motivi elettorali: Bruni aveva promesso di rimuoverlo e così fece una volta eletto. Iniziò lì la sua odissea, che pare non ancora terminata. Largo Rezzara era e dovrà tornare ad essere la casa della statua. Almeno secondo il Duca.

 

Il calendario delle belle 40enni di Verdello

quarantenni-da-calendario-a-verdelloi-fondi-per-lalbero-di-natale-in-piazz_84ae6b4c-9a07-11e5-852e-cabb3b11340e_700_455_big_story_linked_ima

I primi quarant’anni di alcune belle signore di Verdello non sono passati inosservati. Il gruppo di amiche ha deciso di comparire su un calendario autoprodotto per finanziare il maxi albero di Natale da innalzare in piazza. Immortalate dal fotografo Devid Rotasperti, le miss della porta accanto spargono fascino e sorrisi sbucando da un garage, passeggiando nel parco o semplicemente posando davanti a uno specchio. Niente di scollacciato, per carità. Nel calendario made in Verdello l’arma di seduzione di massa è semplicemente l’ironia.

 

Il volontario internazionale dell’anno è un medico del Celim

Alessandro Manciana, medico chirurgo pediatrico e capo del progetto “Una Goccia in Salute” attivato in Bolivia dal Celim di Bergamo è stato nominato Volontario Internazionale dell’anno dal Focsiv (Federazione degli organismi cristiani di servizio internazionale volontario). Sabato 5 dicembre sarà ricevuto dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante l’incontro al Quirinale per la Giornata mondiale del volontariato. Una meritata gratificazione per il Celim e per tutto il mondo del volontariato orobico. «Siamo contenti che Alessandro abbia ricevuto questo Premio – sottolinea il presidente Andrea Milesi -, perché in un momento in cui sembra che la storia proponga uno scenario di conflitti e guerre, la sua testimonianza apre invece una speranza verso la costruzione di una cultura della cooperazione e della solidarietà fra popoli».

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia