L'escursione consigliata

Se volete capire cos’è davvero la bellezza, dovete salire in cima alla Presolana

Un luogo magico, a cavallo tra la Val Seriana e la Val di Scalve e da sempre nel cuore di tutti i bergamaschi.

Se volete capire cos’è davvero la bellezza, dovete salire in cima alla Presolana
Val Seriana, 17 Gennaio 2020 ore 11:00

di Angelo Corna

Non servono presentazioni. La bellezza, in Presolana, la fa da padrona e parla da sé. Estate e inverno, all’alba o al tramonto, la Regina delle Orobie incanta e lascia senza fiato. Saranno le sue guglie e suoi canali, che in questa stagione si ricoprono di neve e di ghiaccio, o i suoi panoramici unici, posti a cavallo tra la Val Seriana e la Val di Scalve. Un luogo magico che è da sempre nel cuore di tutti i bergamaschi.

7 foto Sfoglia la gallery

Raggiungere Castione della Presolana e il passo omonimo significa spalancare le porte alla meraviglia. Sentieri per tutti, divisi tra percorsi per alpinisti esperti e passeggiate per famiglie ci portano al cospetto della montagna simbolo delle Alpi Orobie. Un’ora di facile percorso ci permette di raggiungere la Baita Cassinelli, da alcuni anni rifugio Carlo Medici, intitolato alla famosa guida alpina, primo uomo che, il 3 ottobre del 1879, violò la cima del massiccio.

Se siamo escursionisti esperti (e se le condizioni in questa stagione ce lo permettono), possiamo continuare lungo l’itinerario che oltre 130 anni fa guidò i pionieri che, per primi, hanno vinto la cima della celebre montagna. Il percorso ci porterà al bivacco Città di Clusone e all’anfratto conosciuto come Grotta dei Pagani, da sempre teatro di storie e leggende. E, se abbiamo “birra” nella gambe, anche  oltre, fino al Passo di Pozzera e al rifugio Rino Olmo. Un luogo dove la bellezza si fonde con la buona cucina, vanto delle nostre valli e montagne.

6 foto Sfoglia la gallery

Per vivere i tesori di questa zona basta anche una semplice passeggiata. Dal Passo, per esempio, possiamo raggiungere con pochi sforzi il Salto degli Sposi. Un balcone panoramico sulla Val di Scalve e la Val Camonica, luogo che affascina per una storia vera accaduta alla fine dell’Ottocento e che vede, come protagonisti, un musicista polacco e la sua giovane moglie… O possiamo toccare la facile vetta del monte Scanapà, dove ci attendono stupore e bellezza. Uno sforzo di circa 45 minuti, per un panorama indimenticabile sulla Conca della Presolana. Meraviglia tutta bergamasca.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia