Menu
Cerca
La giornata

Violenza di genere, il Donizetti Opera ha un titolo a tema

Sulla Donizetti webTv sarà disponibile in prima visione in esclusiva il video dell’opera “L’Ange de Nisida”

Violenza di genere, il Donizetti Opera ha un titolo a tema
Musica Bergamo, 24 Novembre 2020 ore 01:26

Il 25 novembre è la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Ogni anno, il Donizetti Opera ha aderito alle manifestazioni che si sono svolte a Bergamo, cadendo nell’ambito della programmazione; per il 2020 invece ha scelto di proporre al pubblico anche un momento specifico del calendario artistico, per sottolineare l’adesione totale a questa tematica così importante e molto presente anche nelle opere donizettiane. Mercoledì 25 novembre dalle ore 20 (per ventiquattr’ore) sulla “Donizetti webTv” donizetti.org/tv sarà disponibile in prima visione in esclusiva il video dell’opera “L’Ange de Nisida”, andata in scena in occasione del festival 2019 nel cantiere del Teatro Donizetti, grazie alla disponibilità della casa discografica Dynamic che ha realizzato la ripresa e da alcune settimane distribuito in tutto il mondo il dvd.

Tema adatto. L’opera donizettiana messa in scena in prima mondiale a Bergamo dopo un’importante ricostruzione musicologica, narra una vicenda che ben si abbina proprio al tema del 25 novembre. Protagonista la giovanissima Sylvia, nobile orfana affidata al Re Ferdinando perché questi le trovasse una nuova famiglia; il Re è invece ossessionato dal desiderio di possederla, la prende per sé e la rinchiude nella prigione dorata dell'isola di Nisida, facendone un personale oggetto di piacere. Spiega Francesco Micheli: «Sylvia è una pura vittima e il Re un puro carnefice, con una serie di ricadute di scottante attualità rispetto alla violenza sulla donna che si consuma ancora oggi in diversi contesti».

Presentazione con ospiti. A presentare la messa in onda, insieme a Francesco Micheli direttore artistico del festival e regista dello spettacolo nel 2019, ci saranno due ospiti di rilievo: Lucia Annibali e Angelo Foletto. La prima, da sempre impegnata nella lotta alla violenza di genere, è un avvocato pesarese oggi deputato di Italia Viva, che nel 2016 è stata sfregiata con l’acido da due uomini mandati dall’ex fidanzato. Angelo Foletto è invece giornalista professionista e critico musicale della Repubblica, è dal 1996 presidente dell’Associazione Nazionale Critici Musicali che ha assegnato il Premio Abbiati all’Ange de Nisida nella categoria “Premio speciale” con la seguente motivazione: «Per il progetto di restituzione al pubblico dell'opera mai rappresentata e allestita nella platea del Teatro Donizetti in ristrutturazione convertita in cantiere-isola-mondo-palcoscenico. Per l'idea scenica del regista-direttore artistico Francesco Micheli, instradato da Angelo Sala e coadiuvato dal gruppo di lavoro che ha pensato, realizzato e vestito i costumi di carta (Margherita Baldoni, Valentina Volpi, Silvia Pasta, Cinzia Mascheroni, Francesco Tagliarini, Celeste Rattazzi, Daniela Cannella e Stefania Meo); condensando l'emozione per la rinascita di una musica ritenuta persa e lo svolgimento in uno spazio teatrale irripetibile, dal forte senso spettacolare e dall'assertivo significato civile».