Pensare positivo
Selezionati da Forbes

10 cibi che fanno stare meglio

10 cibi che fanno stare meglio
Pensare positivo 26 Settembre 2015 ore 10:45

Troppo spesso i momenti del pranzo e della cena vengono assorbiti dal vortice frenetico dello stress quotidiano. Le pause, invece che portare un po’ di relax, contribuiscono ad aumentare la tensione e a fine giornata ci ritroviamo esausti e senza energie. Ma non vi preoccupate. Esistono alcuni cibi che fanno bene non solo al corpo ma soprattutto alla mente. Se li inserirete nella vostra dieta, sentirete immediatamente una rilassatezza e un buonumore che saranno di stimolo per ricominciare il vostro ritmo lavorativo. La rivista Forbes ne ha stilato un elenco, distinguendone le proprietà.

 

1) Patate blu, porpora e rosse

Ebbene si, le varianti colorate delle più comuni patate gialle non sono prodotti radioattivi provenienti da qualche campo intossicato da scorie seppellite. Le patate blu, porpora e rosse sono più sane perché contengono il 30 percento dell’apporto raccomandato di vitamina C e lo iodio. Contribuiscono a mantenere giovane il cervello e abbassano la pressione sanguigna, riducendo il rischio di infarti.

 

2) Noci brasiliane

In realtà la gran parte della produzione di questo frutto esotico si concentra in Bolivia, ma sappiamo che l’aggettivo “brasiliano” crea una suggestione irresistibile per molti. La specificità delle noci brasiliane, al di là del nome, consiste nell’alta percentuale di selenio, elemento benefico per la digestione. Alcuni studi dicono addirittura che il selenio favorisca il rilascio di ormoni che generano il buonumore, scacciando  gli stati di tristezza e depressione. È presente però una piccola controindicazione: queste noci contengono una componente di radio superiore alla media, anche se gli esperti dicono che sia dovuto alle radici molto estese della pianta, e non è un problema per la salute.

 

3) Kiwi

Il kiwi è un frutto prodigioso. Lo sanno bene gli imperatori cinesi, che lo prediligevano più di qualsiasi cibaria. Appena gli inglesi lo hanno scoperto l’han portato in Europa, e per la terra e per il gusto l’Italia ne è diventato il primo produttore mondiale. Nei semini del kiwi, ricchi di fibre, è presente un componente, l’acido alfa-linonenico (ALA), che serve a migliorare l’umore. Inoltre il kiwi fa bene agli sportivi, perché previene i crampi e rende la pelle più elastica.

 

4) Vongole

Chi l’avrebbe mai detto, anche una buona pasta con le vongole, perché no, accompagnata da un buon bicchiere di vino bianco, aiuta a sentirsi meglio. Nelle vongole c’è la vitamina B12, che è necessaria per far produrre al cervello dopamina e serotonina. Che sono a loro volta necessarie per avere un umore felice e stabile. Alla fine del pasto, oltre alla freschezza dei frutti di mare, otterrete anche un sorriso sereno.

 

5) Aceto di mele

In questo caso ci troviamo di fronte non ad un cibo ma ad un condimento. L’aceto di mele aiuta a prevenire ansia, aumento di peso, depressione e angoscia. Non c’è bisogno di utilizzarne in grande quantità, basta usarlo per insaporire un piatto, ad esempio una bella insalata. L’effetto è immediato e non perderete la leggerezza di un pranzo sano.

 

6) Zafferano

Anche la pregiata spezia fa parte dei cibi che aiutano ad essere più sereni, soprattutto le donne. Nello zafferano sono presenti agenti che attutiscono gli effetti del ciclo premestruale, smussando sintomi quali gli sbalzi d’umore e la depressione. Bisogna però stare molto attenti alla quantità da utilizzare. Alcuni studi dimostrano che una dose superiore ai 20 grammi di zafferano può rivelarsi letale per il nostro organismo.

 

7) Microalghe

Sicuramente non siete abituati a mangiare salse o pietanze a base di microalghe. E fate male. Perché questo insolito ingrediente, probabilmente più popolare nella cucina giapponese e nei piatti a base di sushi, fa molto bene alla digestione. Le alghe blu e le alghe verdi riducono notevolmente lo sforzo che il nostro organismo sostiene qualvolta digerisce, evitandoci noiosi mal di pancia e la conseguente irritabilità causata dallo scomodo sintomo.

 

8) Melanzana

Se alle microalghe non siamo tanto abituati, la melanzana invece fa sicuramente parte dei piatti tradizionali di tutta Italia. Dalla siciliana “pasta alla norma” alle melanzane alla parmigiana, tutti abbiamo avuto occasione di apprezzare l’ortaggio purpureo. E forse alcuni si sono anche accorti degli effetti benefici: ansia depressione e sentimenti negativi sono allontanati dall’acido clorogenico, che abbassa il colesterolo cattivo.

 

9) Olio di cocco

Lo pensavate utile per i produttori di creme di bellezza, di oli massaggianti e di altri prodotti per nutrire e levigare la vostra pelle. Ma l’olio di cocco è anche un formidabile liquido energetico. Al posto del caffè o di una lattina di Red Bull, l’olio di cocco senza intossicarvi con eccitanti e altre sostanze nocive aumenta del 5 percento il vostro livello energetico grazie alla presenza dei grassi MCT.

 

10) Pasta tahini

Arriva dal vicino oriente questo impasto di semi di sesamo e olio, dal sapore dolciastro del burro d’arachidi ma dalla consistenza più liquida, e viene utilizzato nella preparazione di numerosi piatti, dal falafel all’hummus. La pasta di tahini è ricca di magnesio e vitamina B, che trasformano i carboidrati in energia. A metà pomeriggio svolge benissimo le funzioni di una buona merenda, senza lasciare i sensi di colpa dell’eccessivo consumo di cioccolato.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter