Pensare positivo
taglio del nastro

Centro prelievi del Papa Giovanni, ai bimbi in attesa fanno compagnia i protagonisti del cartone "44 gatti"

L'anno scorso era stata trasformata in una navicella spaziale la sala d’attesa della Neuroradiologia, dedicata ai piccoli che devono sottoporsi alla risonanza magnetica

Centro prelievi del Papa Giovanni, ai bimbi in attesa fanno compagnia i protagonisti del cartone "44 gatti"
Pensare positivo Bergamo, 24 Novembre 2021 ore 17:18

A fare compagnia ai più piccoli, disegnati sulle pareti e sul soffitto del centro prelievi dell’ospedale Papa Giovanni XXIII, ci saranno i quattro gattini musicisti della band Buffycats, protagonisti del cartone animato “44 gatti”.

Il progetto, svelato al pubblico oggi (mercoledì 24 novembre), è stato sostenuto dall’associazione Il sogno di Iaia e realizzato dalla casa di produzione Rainbow, la stessa della serie animata. «Sappiamo che il prelievo di sangue è un momento che genere ansia e preoccupazione tanto nei bambini quanto nei loro genitori – spiega Cristiana Passerini Tosi, responsabile del centro prelievi –. Per questa ragione, da sempre, riserviamo loro particolari attenzioni e un percorso dedicato. Oggi compiamo un ulteriore passo avanti, offrendo un ambiente ancora più accogliente e divertente».

«Far sorridere i più piccoli e aiutarli a sognare è uno dei capisaldi del nostro lavoro – prosegue Iginio Straffi, Ceo del gruppo Rainbow -. Siamo lieti di dare il nostro contributo attraverso queste collaborazioni, che sono sì gesti simbolici, ma possono fare la differenza migliorando il rapporto dei bimbi con le cure e con ambienti ospedalieri».

4 foto Sfoglia la gallery

L’inaugurazione odierna è un’ulteriore tassello di un percorso iniziato nel 2020, anno in cui la sala d’attesa dedicata ai bimbi che devono sottoporsi alla risonanza magnetica in Neuroradiologia è stata trasformata in una navicella spaziale, dove sulle pareti sono stati dipinti con stelle e pianeti.

«Il sogno in una stanza è un progetto nato nel cuore della piccola Ilaria, che immaginava il suo ospedale a colori e pieno di magia – aggiunge Ida Di Natale, la mamma di Ilaria, che porta avanti l’associazione Il sogno di Iaia in sua memoria -. Siamo felici di aver realizzato una parte del suo sogno insieme a Rainbow, azienda più volte vicina alle nostre iniziative per migliorare la qualità della vita dei bambini ospedalizzati. Questa inaugurazione è anche un dono nel dono, visto che il 25 novembre ricorre la nascita di Ilaria. Quale miglior regalo di compleanno se non rendere felici i bambini con un tocco di colore e di fantasia?».

In ospedale si sta anche valutando la possibilità d’inserire il prelievo del sangue tra le attività rientranti in Giocamico, offrendo un supporto psicologico anche per questo genere di prestazioni.

«Grazie ai partner coinvolti – conclude Maria Beatrice Stasi, direttore generale dell’Asst Papa Giovanni XXIII - oggi abbiamo fatto un altro passo avanti nelle attenzioni che offriamo ai bambini, che all’ospedale di Bergamo ricevono da sempre cure di alto livello e a tutto tondo, con un occhio di riguardo anche verso i genitori per le difficoltà psicologiche che devono affrontare quando una malattia colpisce i piccoli».