Giovani alla scoperta dell’Europa Il biglietto lo paga l’Unione europea

Giovani alla scoperta dell’Europa Il biglietto lo paga l’Unione europea
18 Novembre 2019 ore 09:01

Zaino in spalla e biglietto alla mano alla scoperta dell’Europa: l’Unione europea mette in palio ventimila viaggi per i giovani europei grazie all’iniziativa DiscoverEU.

 

 

Giovani alla scoperta dell’Europa. Per partecipare basta aver compiuto 18 anni entro il 31 dicembre 2019, essere cittadini dell’Ue ed essere disposti a viaggiare tra il 1° aprile e il 31 ottobre 2020 per un periodo massimo di 30 giorni. Le candidature vanno inviate attraverso il Portale europeo per i giovani fino al 28 novembre 2019, rispondendo a un quiz sulla conoscenza generale dell’Unione europea. I giovani prescelti potranno viaggiare da soli oppure in gruppi formati al massimo da cinque persone. Si sposteranno prevalentemente in treno o, se necessario, autobus o traghetto. Ammesso l’uso dell’aereo solo in casi eccezionali, come per esempio per rendere possibile la partecipazione da ogni angolo del continente.

 

 

Il biglietto lo paga l’Ue. Grazie a DiscoverEU finora la Commissione europea ha assegnato cinquantamila pass di viaggio (di cui quasi seimila a giovani italiani) attraverso tre tornate di candidature alle quali hanno partecipato 275 mila giovani (46 mila i nostri connazionali), sperimentando la libertà di spostarsi in tutta l’Ue, sviluppando competenze importanti e scoprendo il ricco patrimonio culturale europeo. Dopo la nuova tornata di candidature avviata questo mese, la Commissione prevede di avviarne un’altra nel primo semestre del 2020. Gli interessati a DiscoverEU possono partecipare anche a una serie di riunioni ed eventi organizzati durante il viaggio e riceveranno un diario di viaggio per scrivervi le loro esperienze. Ogni anno le attività DiscoverEU sono organizzate attorno a un tema specifico connesso alle priorità dell’Unione europea. Il tema del 2019 è “Impariamo a conoscere l’Europa”. Il tema del 2020 sarà “Europa verde sostenibile”.

 

 

La libertà di spostarsi in tutta l’Unione. Il commissario europeo Tibor Navracsics, responsabile per l’Istruzione, la Cultura, i Giovani e lo Sport, ha dichiarato: «Da più di un anno e mezzo, DiscoverEU sta offrendo ai giovani europei nuove opportunità per scoprire il loro continente. Sono molto soddisfatto della loro entusiastica risposta e di come abbiano formato una vera comunità con i loro compagni di viaggio e altri ancora. Invito i giovani di tutte le regioni europee a candidarsi per questa nuova possibilità di sperimentare la libertà di spostarsi in tutta l’Unione, sviluppare competenze importanti, scoprire il nostro ricco patrimonio culturale e fare nuove amicizie».

Che cos’è DiscoverEU? DiscoverEU è un’iniziativa dell’Ue che offre ai diciottenni un’esperienza di viaggio che consentirà loro di godere della libertà di circolazione nell’Unione europea, di scoprire la diversità delle regioni d’Europa, di goderne la ricchezza culturale e di entrare in contatto con persone provenienti da tutto il continente. Al contempo i partecipanti avranno la possibilità di conoscere meglio se stessi, acquisire maggiore sicurezza e migliorare competenze fondamentali, come la capacità di risolvere i problemi e la conoscenza delle lingue straniere.

 

 

Come possono i partecipanti preparare il viaggio. Il Portale europeo per i giovani dispone di una sezione dedicata, contenente informazioni pratiche sui viaggi in Europa, in cui i partecipanti possono trovare consigli utili. I partecipanti devono essere in possesso di documenti/titoli di viaggio validi durante il viaggio. Tutto ciò che riguarda tali documenti (ad esempio la validità) è di responsabilità del partecipante. I giovani dovrebbero avere anche un passaporto o una carta d’identità in corso di validità quando viaggiano nell’Unione europea. Tutto ciò che riguarda tale documento (validità, ecc.) è di responsabilità del partecipante.

Cosa ci si aspetta dai candidati selezionati. La Commissione desidera conoscere le impressioni dei giovani partecipanti e li incoraggerà a condividere le loro esperienze. Per questo motivo, una volta selezionati, i partecipanti diventano ambasciatori dell’iniziativa. Saranno incoraggiati a raccontare le loro esperienze di viaggio, ad esempio sui social media quali Facebook e Twitter, o a fare una presentazione a scuola o presso la loro comunità locale. I partecipanti possono aderire al gruppo Facebook creato per questa iniziativa.

 

 

Quali sono state le reazioni dei partecipanti alle tornate precedenti. Il feedback dei partecipanti è stato molto positivo. Per molti si è trattato del primo viaggio senza genitori o altri adulti e la maggior parte di loro hanno dichiarato di essere diventati più indipendenti. I partecipanti hanno inoltre affermato che l’esperienza DiscoverEU ha consentito loro di comprendere meglio le altre culture e la storia europea e ritengono di aver migliorato la conoscenza delle lingue. Quasi due terzi hanno dichiarato che non sarebbero stati in grado di acquistare il titolo di viaggio senza DiscoverEU.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia