Menu
Cerca
Dal Giornale di Merate

Gli abiti per i bambini prematuri «sbocciano» dalle mani di Silvia

Gli abiti per i bambini prematuri «sbocciano» dalle mani di Silvia
Pensare positivo 02 Aprile 2019 ore 04:00

Una sorpresa inaspettata per tanti genitori coraggiosi. Nei giorni scorsi, infatti, anche i bimbi della Neonatologia dell’ospedale Niguarda, hanno potuto festeggiare il Carnevale ambrosiano. E lo hanno fatto grazie alle creazioni di Silvia Renon, titolare del laboratorio BuBaBeBi, che ha creato per i bambini alcuni «costumini» sul tema dei supereroi. La solzese ha stupito i genitori dei bambini ricoverati e ha regalato un momento di gioia a chi vive una situazione particolarmente complessa e di forte preoccupazione.

4 foto Sfoglia la gallery

Silvia nella vita di tutti i giorni è una mamma dolce e creativa che, in pochissimo tempo, ha trasformato l’hobby per il cucito in un lavoro. «Ho iniziato a realizzare scarpine in feltro mentre ero in maternità, ho poi deciso di dare libero sfogo al mio estro creativo cucendo libri sensoriali e altri giochi morbidi – ha raccontato –  Dopo aver confezionato alcuni libri di stoffa per bambini la voce si è sparsa e, a settembre del 2018, per non invadere casa con stoffe e materiali, ho aperto un piccolo laboratorio a Solza». I libri sensoriali di Silvia non richiedono solo creatività, ma anche un’attenta analisi dei bisogni dei più piccoli. «Per poter creare libri sempre più mirati alle diverse fasce d’età, mi faccio aiutare da Viola Panza, maestra di mia figlia che mi permette di rendere ogni pagina uno strumento educativo. Mi ritengo molto fortunata, dopo essere rimasta incinta della mia seconda figlia sono stata licenziata dall’azienda in cui lavoravo: ma fortunatamente non mi sono persa d’animo e, anzi, mi sono buttata a capofitto in questa nuova attività».

Ulteriori sviluppi. Silvia ora punta in altro e spera di veder crescere sempre più la sua attività. «Mi auguro di diffondere questi strumenti educativi perché, a differenza di tablet e cellulari, sono veramente oggetti “sani”, pensati per l’età e la personalità di ogni bambino».